Covid 19, Sicilia zona arancione. Cosa si può fare e cosa no - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid 19, Sicilia zona arancione. Cosa si può fare e cosa no

Rosaria Brancato

Covid 19, Sicilia zona arancione. Cosa si può fare e cosa no

giovedì 05 Novembre 2020 - 08:38

Zona Arancione. Le regole che bisogna seguire e i divieti da rispettare. Le risposte ad alcune domande ricorrenti.

Le misure del nuovo Dpcm scattano domani, venerdì 6 novembre, e per quanto riguarda la suddivisione delle Regioni in zone, restano in vigore per due settimane (con verifiche settimanali dell’andamento). Restano in vigore i precedenti divieti stabiliti col Dpcm di fine ottobre e ne entrano altri validi su tutto il territorio nazionale con ulteriori restrizioni per le Regioni di colore rosso o arancione.

La Sicilia è stata dichiarata zona arancione, pertanto vediamo cosa si potrà fare e cosa no da domani:

  • Coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino successivo;
  • divieto di spostamento dalla Sicilia ad altre Regioni e tra i singoli comuni della Regione (se non per comprovati motivi di salute, lavoro, necessità);
  • Bar e ristoranti chiusi TUTTA LA SETTIMANA. Consentito solo asporto fino alle 22 e domicilio senza limiti orari;
  • chiusi centri commerciali nei week end, festivi e pre festivi tranne farmacie, parafarmacie, edicole, tabaccherie e generi alimentari al loro interno
  • chiusi musei e mostre (più tutte le altre chiusure previste dai Dpcm precedenti)
  • Dad (Didattica a Distanza) per le superiori (tranne per i laboratori), tranne che per studenti disabili. Chiuse università. Didattica in presenza per elementari e medie e asili
  • riduzione al 50% del riempimento dei vettori del trasporto pubblico
  • sospensione sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine
  • chiusi palestre, teatri, cinema. Aperti i centri sportivi.

Sia il coprifuoco che gli spostamenti all’interno della Regione e con le altre Regioni possono essere derogati con autocertificazione e SOLO per comprovati motivi di lavoro, necessità e salute.

Le FAQ

  • Se vivo in zona gialla e devo andare in un’altra zona gialla posso attraversare una zona arancione?

Il transito sui territori è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti.

  • Se sono residente in una Regione in fascia arancione posso uscire dal mio Comune?

No è vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per «comprovate esigenze» di lavoro, studio, salute».

  • Posso accompagnare un figlio a scuola?

Sì sono «consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita».

  • Se sono in zona arancione quando entra in vigore l’ordinanza posso uscire?

Sì, è sempre consentito «il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza».

  • Posso andare al bar o al ristorante?

No «sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo».

  • Posso ordinare cibo a domicilio?

Sì è sempre consentito.

  • Posso comprare cibo da asporto?

Sì fino alle 22 con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. «Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro».

  • Posso fare attività motoria e sportiva?

Si purché all’interno del proprio comune e all’aperto. Palestre, piscine e centri sportivi sono chiusi

.

Articoli correlati

Tag:

9 commenti

  1. bonanno giuseppe 5 Novembre 2020 09:29

    sara un luogo comune…….”ma abbiamo voluto la bicicletta e allora pedaliamo”
    ricordo una massima…..” quannnu rubaru a Santa Chiara , ci misiru poi le porte di ferro” scioperi o non scioperi …chista è a zita……e chiaramente la colpa non credo sia di “altri” se non nostra

    17
    2
  2. è vietato spostarsi tra comuni diversi con mezzi pubblici e privati,quindi a piedi posso andare?

    12
    2
    1. si avvii pure!!

      2
      0
      1. ma lei è viceprefetto?oppure imbroglia come qualche assessore regionale?

        0
        0
  3. Salve io giorno 10/11/2020 devo andare a ritirare un auto che ho acquistato prima di queste restrizioni e prima di diventare zona arancione in un altro comune ci posso andare ???

    5
    0
    1. Signor Salvatore, anche io stesso problema

      2
      0
  4. Ma come le scrivete queste faq? Prima dite che non si può andare al bar e al ristorante perché sono chiusi e poi dite che si può fare asporto il che per farlo presuppone che ci si vada. Poi dite chiusi musei teatri e palestre ma aperti centri sportivi e poi dite che questi ultimi sono chiusi…alla faccia della chiarezza!

    0
    0
  5. Io vivo a Palermo. Il Sindaco durante questa emergenza ha fatto arrivare la monnezza a primo piano. Centinaia di bare con corpi in putrefazione da anni non sono sepolte. Ospita sbarcati senza sicurezza sanitaria. Ora vuole 🤔 la sicilia zona rossa.

    0
    0
  6. Nuova FAQ appena aggiunta da questi dilettanti che ci governano “Chi si occupa di eventi e cioè della gestione della parte tecnica può lavorare?” “Si ma decidiamo noi quando e cioè: mai!!!!!!!”

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x