Covid. La protesta dei lavoratori dello spettacolo: “non possiamo delegare ad altri il nostro futuro” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid. La protesta dei lavoratori dello spettacolo: “non possiamo delegare ad altri il nostro futuro”

Emanuela Giorgianni

Covid. La protesta dei lavoratori dello spettacolo: “non possiamo delegare ad altri il nostro futuro”

venerdì 15 Maggio 2020 - 10:15
Covid. La protesta dei lavoratori dello spettacolo: “non possiamo delegare ad altri il nostro futuro”

Coronavirus. I lavoratori dello spettacolo del sindacato CisalSac chiedono maggiori tutele.

I lavoratori dello spettacolo hanno bisogno di più tutele. Si è svolta una riunione telematica tra i lavoratori dell’intrattenimento Cisal Sac di Messina per discutere le iniziative da intraprendere.

“Chiediamo il diritto alla parola”

Su Skype hanno partecipato alcuni rappresentanti degli Orchestrali, Band musicali e Guglielmo Sidoti in rappresentanza del mondo dell’intrattenimento, il quale assumerà l’incarico di coordinatore dei lavoratori.

Il Sindacato CisalSac ha inviato una richiesta di urgente incontro al Sindaco De Luca e agli assessori Dafne Musolino, Pippo Scattareggia e Enzo Caruso.
“L’Amministrazione comunale deve convocarci – hanno detto i rappresentanti dei lavoratori – altrimenti saremo costretti a scendere in piazza. Sono molti i lavoratori che temono di non potere riprendere il lavoro e non possiamo delegare ad altri il nostro futuro. Vogliamo partecipare a tutti i tavoli, chiediamo il diritto alla parola, vogliamo rappresentare e risolvere i gravi problemi del settore”.

Le richieste

I lavoratori chiedono :
1) L’istituzione di un albo cittadino del lavoratori della cultura e dello spettacolo, la regolamentazione dei compensi per l’esibizione degli artisti in ambito locale nei Teatri, locali di musica dal vivo, eventi cittadini, bar e ristoranti che avranno l’obbligo di ingaggio del 50% dei lavoratori iscritti all’albo dello spettacolo cittadino, (questo eliminerà il lavoro sommerso) e valorizzazione delle professionalità e degli artisti del territorio.
2) Il datore di lavoro che ingaggerà l’artista avrà l’obbligo di versare una quota (una percentuale da stabilire) per il compenso per la tassazione.


“I lavoratori dello spettacolo a causa della crisi del settore e del Coronavirus stanno pagando il prezzo maggiore, senza alcun sostegno economico e senza alcuna prospettiva per il futuro. Se ci escluderanno dai tavoli non esiteremo a portare in piazza i lavoratori dello spettacolo” hanno concluso Clara Crocè e Guglielmo Sidoti.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007