Covid "Sono Gianmarco: da 1 anno non abbraccio i nonni, non sto con gli amici. E sono stanco" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid “Sono Gianmarco: da 1 anno non abbraccio i nonni, non sto con gli amici. E sono stanco”

Redazione

Covid “Sono Gianmarco: da 1 anno non abbraccio i nonni, non sto con gli amici. E sono stanco”

venerdì 23 Aprile 2021 - 08:31

"Abbiamo scordato quanto fosse faticosa la normalità. Oggi l'unica speranza che ho è raggiungere i 18 anni senza vincoli e paure"

Oggi è il 22 Aprile 2021…si, come tutti ricordate è passato più di un anno dall’inizio della pandemia e ancora non ce ne siamo liberati, anzi la situazione man mano è andata aggravandosi. Diciamolo chiaramente, durante tutto questo tempo non abbiamo sempre rispettato le regole.

Non abbraccio i nonni da 1 anno

Io sono Gianmarco fiumara, e da più di un anno non posso abbracciare mio nonno per la paura di contagiare o essere contagiato. Io sono Gianmarco Fiumara, e non faccio una festa con i miei amici da più di 3 mesi perché ormai non abbiamo più niente da celebrare.

Sono Gianmarco e sono stanco

Io sono Gianmarco Fiumara, e mi sono stancato di dover sottostare a delle regole che non mi fanno più respirare. Ci siamo scordati di quanto fosse faticosa la normalità, andare a scuola ogni giorno, prepararsi per quel l’interrogazione che ci faceva tanta paura…Ciò nonostante, questa pandemia è riuscita a tirare fuori il peggio di tutti noi, portandoci in casi estremi a chiuderci in noi stessi e a piangere per qualsiasi cosa.

Perse le speranze

È da almeno due mesi che mi ripeto, “l’estate sarà il nostro riscatto per un periodo di grandissimi sacrifici”, ma in realtà seguendo le ultime notizie, sto iniziando a perdere le speranze. Sinceramente non sono mai stato molto interessato al mondo della politica, ma in questo periodo di stato di emergenza, mi è capitato più volte di seguire post e dirette dei presidenti del consiglio, e tutto ciò non ha fatto altro che peggiorare la situazione.

Scuole, rischi, vaccini

Sento parlare di riapertura delle scuole, quando è risaputo che ci troviamo in un contesto molto precario, vista l’impennata dei contagi alle prime riaperture. Sento parlare di rischio calcolato, perché noi giovani possiamo sacrificarci per il sistema…o per lo meno, secondo il governo è così. Sento parlare della campagna vaccinale, ma ad oggi siamo forse il paese più arretrato sotto questo aspetto.

Scrivo per la prima volta

Sento parlare di ottimismo, ma l’unica parte ottimista che mi è rimasta, è la speranza di poter celebrare, il prossimo 12 dicembre, il raggiungimento della mia maggiore età senza vincoli e paure. Vi starete chiedendo perché io sia qui, ad annoiarvi con le mie paranoie, beh non ne ho idea…forse l’unica cosa che mi permette di distrarmi veramente è scrivere e condividere , per la prima volta dopo tanto tempo, il mio pensiero su tutta questa situazione.

I nostri sacrifici

Io non chiedo che tutto venga riaperto senza limitazioni, ma semplicemente mi auguro che chi di competenza, capisca il sacrificio di tutta la popolazione italiana. Io sono Gianmarco Fiumara e spero che tra qualche mese, tutto ciò sia solo un ricordo…un ricordo annebbiato da qualche drink con gli amici in riva al mare alle 22 esatte, per dire solo addio covid.

Articoli correlati

Tag:

5 commenti

  1. bonanno giuseppe 23 Aprile 2021 10:32

    sono Peppino o 80 anni non vedo i miei parenti piu vicini da qualche anno, non sono stanco ma cerco di vivere con quello che per ora HO

    11
    3
  2. Aspetto le prossime elezioni per riscattarmi, qualche politico ne pagherà le conseguenze per la sua linea decisionale.

    1
    3
  3. Io sono un asociale. Quindi non ho problemi

    3
    2
  4. Invece di lamentarti, dovresti riflettere e capire che ti dovresti considerare fortunato ad affrontare questa tragica situazione in un’epoca moderna in cui sicuramente la tecnologia ci aiuta a mitigare le difficoltà: le videochiamate, internet, ecc. fosse successo qualche decennio fa non avresti queste agevolazioni. Lamentati di meno e chiediti il perché é successo tutto ciò che stiamo soffrendo. I nostri nonni che hanno fatto la guerra che dovrebbero dire? Il tuo problema evidentemente é la mancanza di uscire con gli amici a prendere qualche drink……ci sono altre priorità nella vita attualmente ed é grazie a quelli come te che hanno queste priorità che i contagi aumentano! Ti consiglio di lamentarti di meno e leggere qualche libro di storia….

    6
    10
  5. Mio caro ragazzo, abbi fiducia nel futuro, io sono una mamma di un ragazzo già appena maggiorenne e vedo quanto questa nuova vita stia cambiando la vecchia vita. Si perché di vita si tratta e dovremo abituarci a questo nuovo stile di vita. Non posso promettere a mio figlio che tutto tornerà come prima, ma sono sicura che Voi ragazzi costruirete un mondo nuovo e lo rispetterete meglio di noi. La politica un giorno la farete Voi e spazzerete via coloro che ci hanno portato a questa triste combinazione di affarismo ed incompetenza. Auguri per una fantastica estate.

    5
    2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x