Covid Sicilia. Musumeci: "Requisire i vaccini delle multinazionali" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid Sicilia. Musumeci: “Requisire i vaccini delle multinazionali”

Rosaria Brancato

Covid Sicilia. Musumeci: “Requisire i vaccini delle multinazionali”

lunedì 25 Gennaio 2021 - 08:44

Le dosi di richiamo in Sicilia non sono a rischio ma senza i rifornimenti in magazzino in alcune province è stata sospesa la campagna vaccinale

Mentre l’assessore alla sanità Ruggero Razza si dice pronto a sostenere le azioni legali contro Pfizer per la questione vaccini, il presidente Musumeci ipotizza un gesto più forte: la requisizione delle dosi.

“Requisire i vaccini”

Durante la prima fase della emergenza pandemica, ai confini degli Stati si requisivano materie prime, mascherine e ventilatori- spiega Musumeci– Oggi mi chiedo: perché non si pensa a requisire le fiale dei vaccini prodotte nei Paesi dell’Unione Europea? Non vorrei che, mentre oltreoceano il nuovo presidente Biden si dice pronto ai “poteri della guerra” per la produzione dei vaccini, dalle parti nostre vi sia un atteggiamento remissivo nei confronti di multinazionali che non possono produrre da noi, firmare contratti con impegni precisi e poi, magari  vendere a prezzi maggiori dove meglio conviene. Requisire i vaccini delle multinazionali: è questo che gli italiani si aspettano».

I richiami non sono a rischio

Al momento in Sicilia almeno le dosi di richiamo non sono a rischio ma ci sono state ripercussioni sul proseguimento della campagna vaccinale che in alcune province è stata sospesa. “La Sicilia sosterrà l’azione legale ipotizzata a livello nazionale contro Pfizer, la sosterranno tutte le Regioni italiane- ha dichiarato l’assessore alla Salute della Regione, Ruggero Razza– I ritardi nelle forniture di vaccini anti Covid e gli impegni non mantenuti dall’azienda farmaceutica meritano una reazione“. A causa del comportamento di Pfizer, che ha ridotto le consegne in Italia, la “marcia” della campagna vaccinale rischia di subire, anche sull’Isola, una pesante battuta d’arresto.

Sospesa la campagna vaccinale

I richiami dei vaccini in Sicilia non sono a rischio – tranquillizza l’assessore – perchè eravamo stati prudenti seguendo tutte le linee guida provenienti dal ministero della Salute e dal commissario nazionale“. Per garantire i richiami però la Regione ha dovuto quasi sospendere la campagna vaccinale in alcune province della Sicilia, dove dove il magazzino non era adeguato in attesa di chiariamenti dal commissario Arcuri.  

L’appello all’Ema

L’assessore lancia poi un appello all’Ema e alle istituzioni comunitarie: “I cittadini non possono accettare l’idea che in altri Paesi del mondo si possano utilizzare vaccini che da noi non sono autorizzati. Da questo punto di vista sosteniamo l’azione del ministro Speranza: sicurezza e regole rispettate nella certificazione dei farmaci, ma servono anche rapidità e velocità. I cittadini vogliono vedere la luce in fondo al tunnel, ma non vogliono che sia un miraggio”.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x