Dimissioni di Greco e non solo: mezzo consiglio comunale “in rivolta” contro Buzzanca - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Dimissioni di Greco e non solo: mezzo consiglio comunale “in rivolta” contro Buzzanca

Dimissioni di Greco e non solo: mezzo consiglio comunale “in rivolta” contro Buzzanca

martedì 25 Ottobre 2011 - 11:11

Il consigliere dell’Udc preannuncia di lasciare il ruolo di presidente della commissione Servizi sociali. Il Pd: «Si abbia il coraggio di votare la sfiducia al sindaco». Fli: «Si denuncino fatti alla Regione». Caliò: «Buzzanca si vergogni»

Una scossa dopo l’altra, un giorno potrebbe arrivare il sisma di quelli forti davvero a Palazzo Zanca. L’ultimo “tremore” lo ha provocato il consigliere comunale dell’Udc Marcello Greco, che durante la seduta di stamattina ha preannunciato l’intenzione di dimettersi da presidente della commissione Servizi sociali. Una volontà, ha spiegato Greco, dettata dalla costante assenza di risposte, da parte dell’Amministrazione, alle tante problematiche messe sul tavolo in quella commissione, non ultima il caso Don Orione, con un debito fuori bilancio da 1,5 milioni da votare. «Nessuno viene a rispondere, né i dirigenti né il sindaco, che ha la delega ai servizi sociali. E allora dico io: che ci stiamo a fare? Lascio la presidenza, non ha senso andare avanti così». Criticare (per l’ennesima volta) l’Amministrazione significa criticare una giunta di cui l’Udc fa parte. E infatti Greco, fuori dall’aula, ribadisce un concetto già espresso pochi giorni fa: «L’Udc vuole amministrare oppure no?». Ed eccola, la scossa. Che ha provocato un dibattito “fuori programma” in consiglio comunale.

Il capogruppo dell’Udc Bruno Cilento ha invitato Greco «a sospendere le proprie dimissioni», sottolineando però che «non è giustificabile disertare le commissioni». Ma è chiaro che il caso va oltre le singole dimissioni. Riguarda da una parte il rapporto tra il sindaco e le commissioni consiliari, fronte sul quale il finiano Nello Pergolizzi ha predisposto un documento di denuncia da inviare all’assessorato regionale agli Enti locali. Dall’altra parte il nodo politico dei rapporti tra l’Udc e il Pdl (tra l’Udc e il sindaco sarebbe meglio dire). «Se esiste un problema serio col sindaco – l’affondo di Gaetano Gennaro (Pd) – allora se ne discuta e si abbia il coraggio di arrivare alle estreme conseguenze, con una mozione di sfiducia. Ci sarebbe poi da capire se certe posizioni sono personali o politiche». Più diretto Felice Calabrò: «L’Udc? E’ una questione di posizioni. Quattro assessori, quattro componenti del collegio di difesa, una decina di rappresentanti nelle società partecipate: dove li mandiamo? Come facciamo consenso?».

Cilento, però, frena: «Non continuate a pregare l’Udc di uscire dalla giunta. Il fatto è uno solo: noi abbiamo vinto le elezioni, il Pd no». Dirompente lo sfogo di Tanino Caliò: «Ne abbiamo abbastanza. Ci si scrolli di dosso le logiche dell’appartenenza. Buzzanca dov’è? Si vergogni!». L’ultima parola, come spesso accade, spetta al capogruppo del Pdl Pippo Capurro: «Mi faccio carico del malessere dei presidenti delle commissioni, ma non accettiamo lezioni dall’opposizione. Inutile insistere, l’Udc non farà maggioranza con voi. Abbiamo vinto le elezioni con un sindaco e lo difenderemo fino alla fine». Oltre le parole, rimane il documento, la denuncia che verrà inviata alla Regione e che hanno firmato, al momento, sette presidenti di commissione su tredici (espressioni di Fli, Pid, Udc, Mpa). Mancano ancora all’appello i tre presidenti del Pd, la cui posizione verrà sciolta nel pomeriggio. Forte la richiesta alle Autonomie locali: «Valutare il reiterato comportamento del sindaco ed assumere i consequenziali ineludibili provvedimenti» per le continue assenze del sindaco. Una vera e propria rivolta. E non è la prima.

Tag:

3 commenti

  1. Il Pd: «Si abbia il coraggio di votare la sfiducia al sindaco». Fli: «Si denuncino fatti alla Regione». Caliò: «Buzzanca si vergogni»” Ma che cosa state dicendo||. Avete approvato il “Consuntivo 2009″ colmo di irregolarità contabili che la Corte dei Conti denuncia ” Gravi criticità». Utilizzo «irregolare» di capitoli di bilancio. Sfruttamento di partite di giro per i servizi per conto terzi, prassi vietata dalla legge”. E molte altre irregolarità che, un tempo non lontano, rappresentavano reati da contestare penalmente da parte della magistratura ordinaria (peculato per distrazione). Avete approvato il “previsione 2011” che, ricalcando quelli degli esercizi precedenti, riconferma il principio del “tirare a campare” con grave danno per la cittadinanza messinese. I servizi sociali allo sbanda, l’unica azienda speciale, l’ATM, calpestata con iniziatine inopportune e fuorvianti, le partecipate, Messina ambiente, ATO 3 ed Amam in crisi conclamata, Ora parlate di iniziative che sapete di non potere sostenere perché metteresti in gioco la poltroncina consiliare che occupate e che vi assicura, anche se in termini minimi, una retribuzione mensile che per molti non solo è utile, ma necessaria. Ed alloro non enunciate programmi di politica virtuale che non trova convinzione nella pubblica opinione, ma azione concrete sopratutto nell’interesse e nel bene di una città che da anni vive in stato comatoso irreversibile.

    0
    0
  2. dimissioni preannunciate…. ah vabbè!

    0
    0
  3. bla,blablababla,ma invece di annunciare le dimissioni ,perchè non ti dimetti?? a falla finita volta gabbana.

    0
    0

Rispondi a saja Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x