Girando per gasthaus a Vienna: il gulasch - Tempostretto

Girando per gasthaus a Vienna: il gulasch

Mimma Aliberti

Girando per gasthaus a Vienna: il gulasch

Tag:

lunedì 06 Ottobre 2014 - 05:34

Il gulasch è un piatto antico della cucina europea, di cui esistono diverse versioni, oggi proviamo quello viennese...

Il gulasch non è come la mamma, non ce n'è uno solo: ungherese, austriaco, triestino… Diverse versioni per questo secondo gustoso e sostanzioso.

Vediamo come preparare la versione austriaca del gulasch, quella servita in tutte le gasthaus, le tipiche locande viennesi.

La cucina viennese è ricca e ricercata, una cucina che porta in sé le tradizioni e i sapori di tutti i sedici paesi che hanno fatto parte dell'Impero Asburgico, un impero che ha letteralmente fatto l'Europa.

Certo le varianti e le modalità di accompagnarlo sono davvero tante, dalle semplici patate lesse, magari profumate col prezzemolo, allo gnocco (enorme, spropositato) di pane raffermo, all'uovo all'occhio di bue, ai wurstel… Infinite declinazioni per un piatto saporito e perfetto per appetiti "importanti"!

Questa è una della varianti, ma la base è la stessa, poi scegliete voi come accompagnarlo, le patate sono semplici da preparare e perfette per raccogliere il saporito sugo del gulasch.

Ingredienti (per 4 persone)

800 g di carne di bovino adulto adatta alle lunghe cotture (va bene la carne per lo spezzatino)

800 g di cipolle bianche

2 cucchiai abbondanti di paprica (mista tra dolce e forte o affumicata, dipende dal vostro gusto)

1 cucchiaino colmo di semi di cumino

olio extravergine d'oliva q.b.

sale q.b.

Inoltre occorreranno:

600-800 g di patate di medie dimensioni

prezzemolo q.b.

Preparazione

Tagliate la carne in grossi cubi e affettate molto finemente le cipolle.

In una pentola adatta alle lunghe cotture, col fondo spesso, versate un giro molto abbondante di olio e fate scaldare su fuoco medio.

Aggiungete la carne e fatela rosolare a fuoco vivo, rigirandola di tanto, in maniera che cambi colore da tutti i lati senza per questo bruciare.

Quando la carne è ben rosolata aggiungete le cipolle affettate e mescolate per bene.

Scaldate i semi di cumino in un padellino, devono tostare leggermente, quindi pestateli appena e aggiungeteli alla carne con le cipolle.

Continuate a cuocere a fuoco medio, senza coperchio, fino a quando le cipolle si saranno un po' ammorbidite (non devono prendere colore).

Aggiungete la paprica e mescolate con molta cura per distribuirla bene.

Quindi aggiungete tanta acqua bollente quanto serve a coprire la carne di qualche centimetro. Fate sobbollire, abbassate la fiamma e mettete il coperchio.

Fate cuocere a fuoco bassissimo per circa 2 ore e mezza-3 ore. Aggiustate di sale solo verso la fine della cottura e, se serve, aggiungete acqua bollente di tanto in tanto.

Le cipolle risulteranno del tutto disfatte e saranno un tutt'uno col sugo della carne. Aggiungete, se li gradite, altri semi di cumino pestati verso la fine della cottura ed un'altra spolverata di paprica.

Mentre la carne cuoce preparate delle semplici patate bollite.

Mettete in una pentola di acqua fredda delle patate di medie dimensioni, salate l'acqua con sale grosso, e portate a ebollizione. Fate cuocere 30-40 minuti, il tempo dipende dalle dimensioni delle patate. Provate la cottura con una forchetta, le patate devono essere cotte ma non disfarsi.

Togliete le patate dall'acqua e fatele intiepidire, quindi pelatele e tagliate in grossi pezzi.

Tenetele in caldo. Se si freddano potete intiepidirle a bagnomaria. Conditele con un po' di prezzemolo tritato finemente.

Servite il gulasch accompagnandolo con le patate bollite.

Mimma Aliberti

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007