L'arte contro l'oblio, la Scalinata Santa Barbara rivive per un giorno - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

L’arte contro l’oblio, la Scalinata Santa Barbara rivive per un giorno

Redazione

L’arte contro l’oblio, la Scalinata Santa Barbara rivive per un giorno

lunedì 17 Settembre 2007 - 12:20

Ridare vita ad un luogo abbandonato, rendere visibile un pezzo di storia dimenticato della nostra città. La Scalinata Santa Barbara (nella foto uno scorcio), stradina pedonale che collega la Tommaso Cannizzaro con il Viale Italia, su cui si affacciano edifici secolari, alcuni precedenti il terremoto del 1908, ha rivissuto ieri una giornata di gloria grazie all’associazione “Machine Works-. Il gruppo, che ama definirsi collettivo artistico, ha portato per un giorno la scalinata fuori dall’oblio, rendendola protagonista di un evento teatrale, musicale e artistico rivolto a tutta la cittadinanza. La manifestazione “La scala immobile- era al suo terzo anno di vita, ed è stata realizzata con la collaborazione del Comune. Che quest’anno l’ha anche inserita nel programma di eventi culturali estivi.

Diverse le iniziative che hanno caratterizzato la giornata, dall’animazione per bambini alla rappresentazione teatrale, dal monologo alla proiezione di un filmato sulla facciata di un palazzo, dall’offerta di pane e vino alla festa da ballo. Tutto finalizzato alla sensibilizzazione della comunità su un luogo condannato da decenni ad un totale stato di abbandono, ma che, paradossalmente, si trova al centro di un progetto di ristrutturazione che presenta aspetti inquietanti. La Scalinata, infatti, rientrerà nella riqualificazione della zona del Tirone, per la quale sono previsti, tra l’altro, espropri, smantellamenti e nuove costruzioni.

Allora la paura è proprio questa, che si azzeri la storia di un angolo della città, che è anche la storia della città, colpevolmente lasciato a marcire, per dare spazio ad un’altra speculazione edilizia. La storia del vantaggio di pochi a danno di molti è destinata a ripetersi anche sulla pelle della piccola comunità della Scalinata? Una comunità davvero multirazziale, di soli affittuari, marocchini, cingalesi, tedeschi, messinesi e “ipermessinesi-. Compresa una rappresentanza orientale, vista la presenza di un palazzo che ospita niente meno che una misteriosa delegazione consolare ucraina, risalente al 1909.

Dopo tutto, se l’ottica è quella del recupero, non ci sarebbe bisogno di demolire e ricostruire, ma solo di ristrutturare. Certo, e questa è la provocazione più sottile lanciata dagli organizzatori della manifestazione, se l’obiettivo è invece quello di trasformare un’appetibile, centrale, zolla di terreno ancora “vergine- in una nuova danarosissima lottizzazione, allora il discorso è diverso.

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007