Guerra Libia – Stati Uniti: Giuseppe Restifo presenta il suo ultimo lavoro - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Guerra Libia – Stati Uniti: Giuseppe Restifo presenta il suo ultimo lavoro

Redazione

Guerra Libia – Stati Uniti: Giuseppe Restifo presenta il suo ultimo lavoro

martedì 25 Settembre 2007 - 09:44

Mercoledì 26, ore 18, alla Marina del Nettuno

Salvatore Catalano, nocchiero siciliano, Stephen Decatur, eroe americano, Yusuf Qaramanli, pascià tripolino, e poi Messina, Washington, Algeri, Napoli, Livorno, Malta, e ancora Acton, Lilla Aisher, Jefferson, Caracciolo, Ahmet Amerikan: cosa lega queste persone e questi luoghi, a prima vista così separati e distanti?: una guerra, abbastanza sconosciuta, fra la Reggenza di Tripoli e gli Stati Uniti. Ma non è una guerra recente, come subito si sarebbe portati a pensare: si tratta di un conflitto di duecento anni fa, che si sviluppa fra 1801 e 1805. Proprio nel periodo in cui l’attenzione di tutti è attratta dalla fulgente epopea napoleonica, nel Mediterraneo – che è il collante di tutte quelle persone e di quei luoghi – è aperto il fronte meridionale, che vede Messina come luogo centrale e i suoi uomini di mare come protagonisti insieme a tanti altri.

Di questo si parlerà nella presentazione dell’ultimo lavoro di Giuseppe Restifo, -Quando gli Americani scelsero la Libia come ‘nemico’. Un nocchiero siciliano e i marine alla conquista di Tripoli (1801-1805)-, pubblicato da Armando Siciliano Editore.

Mercoledì 26 settembre, alle ore 18, nei locali del Marina del Nettuno ne conversano il gestore del porto turistico, nonché presidente di Confindustria messinese, Ivo Blandina, il comandante delle navi traghetto, nonché sindacalista del Sasmant, Sebastiano Pino e lo storico, nonché direttore del Dipartimento di Storia e scienze sociali dell’Università di Messina, Angelo Sindoni.

Il titolo del libro in discussione è un po’ ingannevole, potrebbe far pensare a ideologici pregiudizi anti-americani. In realtà il sottotitolo dà conto di una storia tutta mediterranea, dei primissimi anni dell’Ottocento, fatta di marinerie e bandiere diverse, dei tempi lunghi del -nostro mare- e di quelli nervosi della modernità atlantica, vista nella sua variante americana. Il saggio dà seguito alla collaborazione fra l’autore e l’editore messinese, iniziata col volume -Epidemie e società nel Mediterraneo di età moderna-.

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007