De Luca all'Ars: "Non vedo candidati col mio curriculum alla Regione" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

De Luca all’Ars: “Non vedo candidati col mio curriculum alla Regione”

Giuseppe Fontana

De Luca all’Ars: “Non vedo candidati col mio curriculum alla Regione”

mercoledì 15 Settembre 2021 - 13:07

Presentata l'Assemblea degli amministratori locali di Sicilia Vera. Il sindaco di Messina attacca Musumeci e ribadisce la propria candidatura

MESSINA – In un incontro durato un’ora, all’interno della sala stampa dell’Ars, Danilo Lo Giudice e Cateno De Luca hanno presentato l’Assemblea degli amministratori, in programma il prossimo 1 e 2 ottobre a Taormina. La centralità del dibattito in programma, organizzato da Sicilia Vera, sarà il rapporto con il governo regionale, con molti temi da dipanare, come energia, acqua e rifiuti, e tanti sindaci chiamati in causa. “La Sicilia merita qualcosa in più”, ha dichiarato il deputato regionale Lo Giudice, dopo aver spiegato il programma dei due giorni di confronto. Il politico di messinese ha sottolineato che “le tematiche che tratteremo, purtroppo, sono importanti e ad oggi non sono mai state risolte. Vanno affrontate e servono soluzioni immediate, perché i siciliani e la Sicilia meritano qualcosa in più. Si parla troppo spesso di poltrone e poco di temi. Il nostro obiettivo, invece, è quello di stimolare il dibattito e fare ragionamenti concreti, trovare soluzioni”.

Lo Giudice ha evidenziato l’importanza dei sindaci, strettamente a contatto con gli abitanti delle singole città e più vicini ai reali problemi derivanti dalla gestione e dall’amministrazione degli stessi comuni. “Io ed altri miei colleghi sindaci giovani”, ha affermato il deputato, amministratore di Santa Teresa di Riva, “siamo l’esempio pratico di quanto sia importante avere, grazie ai giovani, quella marcia in più per saper fare bene. Lo ha dimostrato il sindaco De Luca, che non ha pensato al suo futuro politico ma solo a portare risultati e a far sì che quel percorso iniziale svolto nelle comunità amministrate potesse continuare al di là della sua presenza. Riuscire a trasferire ad altri le proprie capacità, entusiasmare i giovani, non è una cosa facile”.

Le scuse ai siciliani da parte di De Luca

E se l’intervento di Lo Giudice è durato appena un quarto d’ora, è stato (come sempre) Cateno De Luca a tenere in mano le redini dell’incontro. Il sindaco di Messina, che nel frattempo ha spacchettato una lanterna per poi lasciarla sul tavolo (“sarà il nostro simbolo, ve lo spiegheremo l’1 e il 2 ottobre”), non ha tardato ad attaccare Musumeci. De Luca, dopo i ringraziamenti di rito, parte in quarta: “Vorrei iniziare ufficialmente questo percorso chiedendo scusa al popolo siciliano, perché gli abbiamo regalato Musumeci e la Sicilia, dopo Crocetta, non se lo meritava”. Il sindaco di Messina non risparmia attacchi e rincara la dose, concentrandosi su tutti, dal già citato presidente della Regione al classico antagonista Armao (“la Regione funziona tre mesi l’anno, e gli altri nove mesi che fanno?”), fino a Micciché, a cui dichiara di voler portare un documento: “è una vertenza della città di Messina, ma se togliamo Messina e mettiamo Catania o Palermo per il 90% parleremmo degli stessi problemi. A Micciché, al quale mi lega un rapporto di amicizia, diciamo che non è pensabile che un presidente di un parlamento consenta a un governo di non portare a compimento le leggi fatte”.

Il caso dei fondi Poc del 2018

L’esempio portato avanti da De Luca riguarda le finanziarie approvate e mai portate alla fase attuativa: “Cito ad esempio il caso del 2018, quando trovammo un miliardo e mezzo di euro di fondi Poc tranquillamente stipati in un cassetto. Risultato? Abbiamo fatto in modo di programmare oltre 400 milioni per interventi di interesse regionale, anche per la città di Messina. L’esempio classico è il caso dell’ex Sanderson, dove ci vogliono 25 milioni soltanto per bonificare. Ma poi nulla è stato fatto”. Il primo cittadino messinese prosegue la sua battaglia contro la Regione, a pochi mesi dall’inizio della campagna elettorale per la carica di presidente della Regione stessa, ed è quindi chiaro che l’argomento venga a galla anche in una situazione simile. “Noi iniziamo questo percorso di organizzazione”, dichiara De Luca presentando l’evento di Sicilia Vera, “l’1 e il 2 ottobre guarderò con grande ammirazione quei giovani amministratori che si troveranno a Taormina. Il tema non è la candidatura di De Luca alla Regione. Io sono già candidato, lo ribadisco ancora”.

De Luca: “Sondaggi? Non mi lascio condizionare”

E l’analisi di De Luca, che invita ufficialmente all’appuntamento gli assessori regionali e il presidente Musumeci, a quel punto si amplia ulteriormente: “Non sono innamorato dei sondaggi, non mi sono mai fatto condizionare. Oggi mi dicono che ho il 14% e che mi devo alleare per forza, io rispondo no. Non mi preoccupa chi parte dal 25%, ci faremo una bella campagna elettorale, con argomenti importanti, che porterà poi risultati. Comunque andrà a finire, se in campo rimarranno cinque candidature importanti, non ci sarà maggioranza in parlamento. Tecnicamente nessuna coalizione potrà dire di aver vinto le elezioni. È un dato da non sottovalutare, ve lo dice un sindaco che ha avuto la fortuna di essere eletto senza alcun consigliere comunale e ha governato una città complessa e bellissima lo stesso”.

“Non vedo candidati col mio curriculum”

E infine, un passaggio su sé stesso e i contatti con altri partiti, Salvini incluso: “Candidati col mio curriculum non ne vedo in giro. Io mi dimetterò a febbraio da sindaco. I tempi a me non li detta nessuno, i miei tempi sono frutto di tappe ben precise. Cito Salvini, Barbagallo e altri, se si rendono conto che De Luca può essere il candidato giusto per la Regione, ben venga l’appoggio, ma le condizioni non cambiano. Non presterò mai la mia persona personaggi in Giunta che già ci sono stati e ci hanno regalato questa situazione. Anche di fronte a un eventuale sostegno non ingoierò nulla, preferisco non diventare presidente, non accetto compromessi”. De Luca parla di partita a doppia mandata, con la regione siciliana a diventare fondamentale nello scacchiere nazionale, ma ribadisce in conclusione un aspetto per lui fondamentale, cioè che nel suo campo “le regole le detto io”. L’appuntamento sarà per l’1 e il 2 ottobre, con la prima Assemblea degli amministratori locali. Da lì si capiranno quali temi verranno affrontati, il significato della lanterna e ciò che intende fare De Luca in vista del prossimo febbraio, quando arriveranno le già annunciate dimissioni da primo cittadino.

Tag:

11 commenti

  1. Cioè in regione non si sono canditati Suonatori di zampogna, pagliacci mancati, youtuber, maleducati, etc ?

    22
    10
  2. Come al solito monologhi senza contraddittorio

    27
    12
  3. Aspettiamo ancora lo spazzamento e la scerbatura a Messina.
    Lascia stare la lanterna e usa la scopa.
    Il motto potrebbe essere la Sicilia come Messina.
    E che Iddio ci aiuti aggiungo io.

    23
    10
  4. Ahahahah, che ridere. Tutti scarsi sono, facciamo un casting !!!

    22
    7
  5. La modestia lo contraddistingue 😳…..il suo curriculum pure 🤥🤔….. l’unica cosa in cui non c è nessuno che lo batte è invece il suo essere “GIOCATORE.”…..SA ATTACCARE 🤔,SA DIFENDERSI ,SA VINCERE ……..a mani basse però, perché usa tutti i mezzi anche quelli scorretti per portarsi a casa la partita e si evince in ogni CONFRONTO che diventa un AFFRONTO agli altri…….visto che gli piacciono tanto i NUMERI vediamo se gli piacciono i miei 😏ome SINDACO darei 0 ..😤😖……come giocatore 10😳

    24
    10
  6. Ma con quale faccia….. !!? Chieda scusa ai Siciliani, solo per averci pensato e sparisca dalla circolazione, organizzi un tour mondiale e delizi le orecchie del suo pubblico ! È un cantante troppo talentuoso per perdere tempo con la politica.

    24
    9
  7. Vuole rubare la frase di Diogene? Cerco l’uomo. Nel senso che non esiste nessuno al suo livello?

    20
    6
  8. Prima di andare via per cortesia dai una bella pulita ed una sistemata che sei stato parecchio disordinato in questi anni, e lascia pure le chiavi sotto lo zerbino, grazie.
    Per il voto alle regionali ti faremo sapere, chiamiamo noi, non stare in pena.
    Ciao.

    21
    7
  9. MessineseAttento 15 Settembre 2021 18:01

    Questo simpatico giovanotto, sindaco della complicata metropoli S. Teresa, è talmente sfacciato da prendere in giro l’intelligenza di ogni singolo messinese. Con quale faccia afferma che il suo mentore non ha pensato al suo futuro politico, durante un dibattito tenutosi presso l’ARS, nel quale il cirameddaro conferma che si dimetterà da sindaco per diventare governatore!?

    22
    6
  10. È un atteggiamento semplicemente Arrogante e Travisato, che porta i “cittadini onesti e ragionevoli” a NON VOTARE per questo soggetto , per nulla affidabile! Mentre, pochi giorni fa, la città di Messina era nuovamente SENZA ACQUA, il suddetto Sindaco se ne andava a divertirsi e a strimpellare fantomatiche canzonette ( per Sanremo) su un palco dedicato magari ad altre persone….MAHH

    18
    5
  11. Una mattina mi son svegliato, o bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao, una mattina mi son svegliato e ho trovato l’invasor! Hai ” invaso ” Messina…ma con la Sicilia non sarà così! Non sarai mai presidente, rassegnati BOMMACARO!

    6
    3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x