Maxi contenzioso ex Provincia-Navarra per gli espropri, il Cga salva Palazzo dei Leoni - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Maxi contenzioso ex Provincia-Navarra per gli espropri, il Cga salva Palazzo dei Leoni

Alessandra Serio

Maxi contenzioso ex Provincia-Navarra per gli espropri, il Cga salva Palazzo dei Leoni

giovedì 09 Febbraio 2017 - 23:36
Maxi contenzioso ex Provincia-Navarra per gli espropri, il Cga salva Palazzo dei Leoni

Il Cga congela la condanna di Palazzo dei Leoni a pagare 500 mila euro di quota del Comune, dopo aver pagato la propria, per aver perso il contenzioso sugli espropri alla famiglia del Rettore, durante i lavori per la realizzazione della Panoramica. Atti alla Corte dei Conti per le responsabilità degli uffici provinciali.

Il Cga ribalta il verdetto del maxi contenzioso Navarra-Macaione contro la ex Provincia, pronunciandosi a favore di Palazzo dei Leoni. Almeno per il momento.

Il Consiglio di Giustizia Amministrativa, con ordinanza 19 del 6 febbraio 2017 ha infatti accolto l’istanza cautelare della Città Metropolitana e sospeso l’esecutività della sentenza n.2242/2016 del TAR di Catania, che imponeva a Palazzo dei Leoni il pagamento di oltre 500 mila euro in favore dei signori Navarra e Macaione, proprietari di alcuni terreni sulla Panoramica.

I terreni erano stati espropriati a suo tempo per consentire i lavori di tracciato della strada Panoramica dello Stretto e i proprietari, la famiglia dell’attuale Magnifico dell’Università di Messina, avevano contestato l’importo dei risarcimenti per gli espropri, dando vita ad un maxi contenzioso che si è gonfiato nel corso degli anni di cause.

I risarcimenti stabiliti dai giudici erano stati in parte già pagati dalla Provincia, ma l’ultima sentenza del Tar di Catania ha importo a palazzo dei Leoni di dare totale adempimento alle sentenze precedenti, accollandosi di fatto anche il pagamento a carico del Comune di Messina, per oltre 500 mila euro appunto. Per l’esecuzione era già stata nominata, quale commissario ad acta, il vice Prefetto Maria Adele Maio.

Secondo il Cga invece l’accordo transattivo fra la Città Metropolitana e i signori Navarra e Macaione, ha “sostituito”, almeno per l’Ente di Palazzo dei Leoni, le sentenze di condanna del Tribunale e della Corte d’Appello di Messina, con la conseguenza che, adempiuto il proprio obbligo derivante dalla transazione, l'ex Provincia non può essere tenuta al pagamento di altre somme. I signori Navarra e Macaione sono stati anche condannati al pagamento di oltre 2 mila euro per spese legali in favore dell' Città Metropolitana.

Il contenzioso, come detto, era stato in precedenza perso dalla Provincia, condannata dal Tribunale nel 2006 e dalla Corte d’Appello nel 2013m ed aveva già pagato i 500 mila euro circa, cioè la metà del pagamento che doveva essere liquidato in solido col Municipio.

La Città Metropolitana ha pagato, accollandosi un muto sottoscritto nel 2013, in forza di un impegno di spesa assunto nel 2006. Ma il Tar, 10 anni dopo, le ha “accollato” anche la parte che avrebbe dovuto pagare il Comune di Messina.

Gli atti sono stati trasmessi alla Corte dei Conti. Per ottenere la liquidazione della parte dovuta dal Comune di Messina, infatti,i coniugi Navarra –Macaione avevano fatto apposito ricorso al giudice di pace e in quella sede, essendo chiamato al risarcimento in solido, avrebbe dovuto costituirsi anche la Provincia. Cosa che non è accaduta. Ecco perché il Tar ha emesso quella onerosa sentenza, oggi “congelata” dal Cga.

Alessandra Serio

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007