Viale dei Tigli abbandonato dal Comune. Laimo alza la voce - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Viale dei Tigli abbandonato dal Comune. Laimo alza la voce

Claudio Panebianco

Viale dei Tigli abbandonato dal Comune. Laimo alza la voce

martedì 30 Giugno 2015 - 22:19

Franco Laimo, Vice Presidente della V Circoscrizione, ha segnalato lo stato di degrado in cui versa Viale dei Tigli, arteria della zona della panoramica dello stretto. Da tre anni infatti la strada è al buio, i marciapiedi sono distrutti e le erbacce ormai sono padrone dello spazio. Il dubbio è che la strada sia privata, ma i presupposti per un intervento da parte dell'Amministrazione Comunale, secondo documentazione, ci sono comunque

Ancora "grida d'aiuto" provenienti dai quartieri per l'Amministrazione Comunale. Il Vice Presidente della V Circoscrizione Franco Laimo, infatti, ha segnalato lo stato di degrado e incuria in cui versa Viale dei Tigli, arteria locata nei pressi della panoramica dello stretto. "Il tratto in questione", scrive Laimo, "è orfano ormai da alcuni anni di manutenzione stradale e pubblica illuminazione da parte della Pubblica Amministrazione in quanto i dipartimenti lo considerano strada privata, ma anche se così fosse, trattasi di strada ad uso pubblico e dunque occorre garantire determinati servizi agli stessi cittadini".

Da tre anni erbacce, buio e marciapiedi distrutti sono fattori caratterizzanti di Viale dei Tigli. Il perno del problema sta essenzialmente nel dubbio che avvolge la questione: è strada privata o strada pubblica? Secondo la Corte di Cassazione ed il Consiglio di Stato (organi che si sono espressi su casi simili con sentenze varie) sono diversi i punti da analizzare per stabilire di che entità sia un asse viario, come il caso in cui l'asfalto sia battuto da un numero indeterminato di persone o se vi sia la presenza di pubblici esercizi o strutture pubbliche. Se manca una delimitazione dell'area, ad esempio una sbarra che sancisca l'entrata e l'uscita dalla zona, allora si parla di strada privata ad uso pubblico, come sottolinea lo stesso Laimo nel documento stilato.

"Dunque tutte le opere di urbanizzazione (manto stradale, illuminazione ecc..)", incalza il Vice Presidente, "nonché quelle inerenti alla circolazione (segnaletica ecc..) riguardano la competenza del Comune che non può sottrarsi, ed inoltre, tutte le controversie instaurate a causa di danni a persone o cose dovuti dall'inerzia del Comune ad effettuare una manutenzione della strada, possono essere sollevate innanzi il Giudice Ordinario (Cassazione, sezioni unite, 28500/2005), e dunque altri oneri in più per le casse comunali".

Visti quindi questi presupposti, Laimo ha richiesto un intervento rapido ed effettivamente funzionante per mettere un punto ai disagi, salvaguardando, con una tempestiva azione di manutenzione e cura, l'incolumità pubblica.

Claudio Panebianco

Tag:

2 commenti

  1. liliana parisi 1 Luglio 2015 15:05

    Il viale Italia non si trova in condizioni migliori. Ci sono anche alberi completamente secchi che potrebbero prendere fuoco con grande facilità

    0
    0
  2. liliana parisi 1 Luglio 2015 15:05

    Il viale Italia non si trova in condizioni migliori. Ci sono anche alberi completamente secchi che potrebbero prendere fuoco con grande facilità

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x