Spiaggia libera di Capo Peloro: attivato il servizio di vigilanza… per soli 22 giorni - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Spiaggia libera di Capo Peloro: attivato il servizio di vigilanza… per soli 22 giorni

Veronica Crocitti

Spiaggia libera di Capo Peloro: attivato il servizio di vigilanza… per soli 22 giorni

martedì 20 Agosto 2013 - 09:14
Spiaggia libera di Capo Peloro: attivato il servizio di vigilanza… per soli 22 giorni

Il servizio, almeno nel progetto iniziale, avrebbe dovuto coprire il periodo dal 24 giugno all’11 settembre ma né Provincia né Regione hanno elargito contributi ed il Comune ha fatto quel che ha potuto con le poche risorse a disposizione. Va comunque bene ai 4 bagnino che intascheranno 110 euro al giorno per 5 ore lavorative

Quante volte, nella difficile scelta della spiaggia, avete prediletto la sicurezza di una zona balneare controllata e salvaguardata? Quante volte avete preferito sborsare qualche soldino in più, magari affittando ombrellone e sedie sdraio in qualche lido sulla litoranea, per aver la certezza che i vostri bambini potessero fare nuotate tranquille e controllate da bagnini competenti?

Anche quest’anno il Comune di Messina, obbligato dalla normativa vigente, ha cercato di venire incontro alle famiglie, ovviando in parte il problema “vigilanza e salvataggio spiagge libere”.

E’ bastata una determina dirigenziale per far sì che, per 22 giorni del mese di agosto, una società (la Starfish) venisse incaricata di fornire assistenti bagnanti per alcuni tratti di spiaggia libera di possedimento del Comune. In realtà, occorre scriverlo, il procedimento è stato arduo e faticoso. Il servizio, almeno nel progetto iniziale, avrebbe dovuto coprire il periodo dal 24 giugno all’11 settembre (dalle 9.00 alle 19.00), avrebbe dovuto svolgersi in quattro spiagge del territorio e avrebbe dovuto coinvolgere 20 bagnini muniti di brevetto di salvataggio.

Il costo previsto, stimato in circa 170.000 euro, sarebbe stato coperto da finanziamenti regionali e provinciali. Ma, come ormai troppo spesso accade, né la Regione né la Provincia si sono preoccupate di garantire anche solo un euro di contributi. Nonostante, infatti, sia in vigore una Legge Regionale che obblighi i Comuni a fornire il servizio di vigilanza e nonostante la richiesta di contributi fosse stata inviata per tempo, no finanziamenti, no soldi e, dunque, no bagnini e vigilanza.

Il problema, però, riguardava il fatto che il “controllo spiagge libere” non rientrava nella categoria "facoltativo” bensì “obbligatorio”. Ergo, il Comune ha comunque dovuto provvedere, seppur “limitato alle disponibilità finanziarie presenti nel bilancio”, a garantirlo.

Non si è trattato di 49 giorni né di 170.000 euro né di 4 spiagge né di 20 assistenti bagnanti (come previsto inizialmente), bensì di 22 giorni, 9.900 euro, 1 spiaggia (Capo Peloro) e 4 bagnini (più uno di riserva).

"Data la pericolosità del tratto e delle correnti – ha spiegato Maria Canale, firmataria della determina – abbiamo ritenuto opportuno, dovendo scegliere, coprire la zona della punta".

Insomma, tutto in linea con le italianissime parole d’ordine “austerità e sobrietà”.

E forse qualcuno, nel 2014, deciderà di intraprendere la carriera di assistente bagnante: circa 110 euro per 5 ore lavorative non sembrano essere 'noccioline'.

Veronica Crocitti

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Era meglio per nessuna spiaggia dato che si doveva scegliere, come al solito la zona sud di Messina non esiste, né per pulizia spiaggia, né per sicurezza.

    0
    0
  2. Forse nella zona sud non c’è nessun lido di interesse politico, forse non ci vanno i figliocci di nessuno, quindi avoglia ad affogare o venire travolti da una montagna nella zona sud.
    Ma 110 euro al giorno non sono un pò troppi per “sole” 5 ore di “lavoro”, con tutto il rispetto per i bagnini.

    0
    0
  3. E’ dato sapere se fino ad ora il comune è stato multato per la mancanza di vigilanza da parte della capitaneria di porto? e questo vale anche per gli altri comuni della provincia di messina, ionica e tirrenica. oppure si preferisce controllare soltanto gli stabilimenti balneari e ciò che c’è attorno non interessa?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007