Spadafora, la Fidapa incontra gli studenti del Liceo Galileo Galilei - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Spadafora, la Fidapa incontra gli studenti del Liceo Galileo Galilei

Redazione Tirreno

Spadafora, la Fidapa incontra gli studenti del Liceo Galileo Galilei

mercoledì 08 Febbraio 2017 - 13:07

Si è svolto lo scorso 4 febbraio l’incontro che ha coinvolto gli studenti del liceo scientifico Galileo Galilei di Spadafora. Un appuntamento dedicato all’importante tema del diritto dell’infanzia e dell’adolescenza. L’appuntamento è stato promosso ed organizzato dalle sezioni di Venetico e di Messina Capo Peloro della Fidapa-Bpw Italy (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari).

Diritti negati dell’infanzia e dell’adolescenza, questo il tema principale dell’appuntamento promosso dalla Fidapa-Bpw Italy per gli studenti delle terze classi del liceo scientifico Galileo Galilei di Spadafora. All’incontro, svoltosi lo scorso 4 febbraio, hanno preso parte il dirigente scolastico Saro Abbate, le presidentesse delle sezioni Fidapa di Venetico e Messina Capo Peloro Pina Merlino e Flavia Costanzo e il sindaco di Torregrotta Corrado Ximone.

A moderare il dibattito l’avvocato Caterina Cavallaro. Sull’argomento sono intervenute Lucia Chisari Santoro, referente per la Fidapa distretto Sicilia della “Carta dei diritti della Bambina”, Giuseppina Seidita, Standing committee projects Bpw Chair e l’avvocato Valentina Alampi, esperto in materia di tutela dei diritti umani.

Importante e significativo, nel corso dell’incontro, l’excursus sulla “Carta dei diritti della bambina” presentata ed approvata durante il Congresso della BPW Europa del 1997. Il documento, unico nel panorama della cultura di genere, è stato redatto in seguito alla drammatica condizione femminile denunciata a Pechino nel corso della Conferenza mondiale sulle donne del 1995. Ispirata alla Convenzione ONU sui Diritti del fanciullo del 1989, la carta dei diritti della bambina si differenzia da questa facendo una distinzione in termini di caratteristiche e bisogni e prestando una maggiore attenzione alle diverse connotazioni fisiche ed emozionali.

Nel corso del dibattito, poi, si è discusso anche del delicato e ancora attuale tema delle “spose bambine”. Un fenomeno da contrastare con chiare azioni legali e significative iniziative di sensibilizzazione. Secondo i dati Onu, riportati nel corso della giornata mondiale delle bambine e delle ragazze dello scorso 11 ottobre, nel mondo sono oltre 700.000 le donne che si sono sposate in età minorile, rinunciando così alla propria infanzia. Un dato sicuramente allarmante che deve fare riflettere.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x