Disagi negli uffici postali, protestano i sindaci di 75 comuni messinesi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Disagi negli uffici postali, protestano i sindaci di 75 comuni messinesi

Gianluca Santisi

Disagi negli uffici postali, protestano i sindaci di 75 comuni messinesi

sabato 02 Gennaio 2021 - 11:10

Sollecito a Poste Italiane per il ripristino dell'apertura al pubblico degli uffici su sei giorni settimanali

S. TERESA – Si allarga la protesta per i disagi patiti dagli utenti di Poste Italiane. Dopo il duro attacco del sindaco di S. Teresa e deputato regionale, Danilo Lo Giudice, sulla mancata riapertura dell’ufficio postale di Barracca, nella cittadina jonica, i sindaci di 75 comuni della provincia di Messina hanno inviato un sollecito per il ripristino dell’apertura al pubblico degli uffici di Poste Italiane su sei giorni settimanali.

I sindaci chiedono che vengano garantiti i medesimi livello di servizio del periodo precedente l’emergenza sanitaria da Covid-19, “al fine – scrivono – di porre rimedio ai rilevanti disagi venutisi a creare per i cittadini, in primo luogo per evitare assembramenti all’esterno degli uffici stessi nei giorni di apertura, per limitare la circolazione di persone al di fuori dei rispettivi territori comunali e, in generale, per garantire l’incolumità e la parità di trattamento nell’erogazione dei servizi postali alla popolazione residente, con particolare riferimento alla fascia di utenza di età avanzata”.

A farsi portavoce della protesta sono stati i sindaci di S. Teresa, Danilo Lo Giudice, e Fiumedinisi, Giovanni De Luca. “Non chiediamo nulla di che – spiegano – se non il ripristino di condizioni normali, per i servizi delle nostre comunità, al fine di non esasperare la gente. In tutti i comuni dove vi sono stati riduzioni di orario o chiusure i disagi si sono moltiplicati e se siamo stati comprensivi inizialmente adesso la situazione è insostenibile”.

Articoli correlati

Tag:

Un commento

  1. Mi permetto di scrivere come risposta –AI–75 SINDACI–che hanno protestato:——Carissimi amministratori –la colpa NON e di poste Italiane —hanno creato un partito politico –(ANARCHIA) anche se non al governo e come se lo fossero.———-1–I sindacati NON dicono nulla–niente–chi fa la fila NON e lavoratore iscritto——-2–Musumeci con tutto il consiglio Regionale NON sa nulla–niente–tutte le linee telefoniche– FAX –gmail–ed altri collegamenti sono bloccate motivo ??????——–3–Il governo Nazionale e impegnato a NON perdere le poltrone NON sa nulla——– L’UNICA PERSONA CHE SBLOCCHEREBBE TUTTO—————————Si chiama ROCCO CASALINO —basterebbe che il Rocco parlasse ———————-quando NON dorme al presidente MATTARELLA e con decreto————————-sbloccare il tutto -.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x