Operazione Riciclo, via al processo su TirrenoAmbiente e il comune di Mazzarrà - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Operazione Riciclo, via al processo su TirrenoAmbiente e il comune di Mazzarrà

Alessandra Serio

Operazione Riciclo, via al processo su TirrenoAmbiente e il comune di Mazzarrà

lunedì 09 Aprile 2018 - 22:22
Operazione Riciclo, via al processo su TirrenoAmbiente e il comune di Mazzarrà

Resta a Barcellona il dibattimento sui rapporti tra la società che gestiva la discarica e il comune allora guidato dal sindaco Bucalo. Il municipio e la società saranno parti civili.

Resta a Barcellona il processo sui rapporti tra la società TirrenoAmbiente e il comune di Mazzarrà Sant'Andrea. Lo ha deciso il Tribunale della città del Longano (presidente Alligo) che ieri mattina ha aperto il dibattimento, rigettando tutte le eccezioni dei difensori degli imputati. In particolare i legali hanno presentato una eccezione di incompetenza territoriale, chiedendo che ad occuparsi del processo fossero i giudici di Messina e non quelli barcellonesi.

Ma la Corte, alla fine di una lunga camera di consiglio durata quasi l'intera mattinata, ha disposto con ordinanza, tra le altre cose, il rigetto dell'udienza. Si va avanti a Palazzo di Giustizia di Barcellona, quindi, e si torna in aula il prossimo 9 luglio.

Prima di aggiornare i giudici hanno ammesso le parti civili, ovvero il comune di Mazzarrà e Messinambiente.

Alla sbarra ci sono l’ex sindaco di Mazzarrà Salvatore Bucolo ed i vertici della TirrenoAmbiente, ovvero gli ex amministratori delegati della stessa società mista che si sono succeduti nel Cda: Giuseppino “Pino” Innocenti e Giuseppe Antonioli, l’ex senatore piemontese di Forza Italia Lorenzo Piccioni, all’epoca amministratore delegato, l’ex presidente Antonello Crisafulli. Dovranno rispondere a vario titolo di corruzione e peculato. Tutti furono arrestati nel 2015 ad eccezione di Crisafulli.

Il clamoroso blitz dei Finanzieri partì dalla verifica sui rapporti economici e le autorizzazioni all’impianto tra il comune tirrenico e la società che gestiva uno dei principali impianti di smaltimento della Sicilia Orientale.

Secondo l’ipotesi principale della Procura, il Comune non avrebbe incassato l’indennizzo da parte della società, o lo avrebbe incassato in misura “agevolata”. Una “mossa” voluta scientificamente dal Comune, soprattutto dal sindaco che ne avrebbe avuto il suo tornaconto, secondo gli inquirenti.

Impegnati nelle difese gli avvocati Calderone, Cacia, Tortora, Dalmazio, Scheda e Corsaro,infine Pirrone e Celi per le parti civili.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007