Ecco il nuovo manuale Cencelli ai tempi della rivoluzione accorintiana - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ecco il nuovo manuale Cencelli ai tempi della rivoluzione accorintiana

La Torre- Brancato

Ecco il nuovo manuale Cencelli ai tempi della rivoluzione accorintiana

mercoledì 17 Giugno 2015 - 22:04
Ecco il nuovo manuale Cencelli ai tempi della rivoluzione accorintiana

La giunta Accorinti nomina il nuovo Cda dell'Amam: il presidente ha un passato con quellicheceranoprima, Grazia De Tuzza era candidata dell'Udc nel 2008 e Anna Spinelli Francalanci è vicina alla Piccola comunità Nuovi Orizzonti e ha scritto un libro con Signorino e Perna. Nel frattempo il vicesindaco lancia segnali di "compartecipazione" nella nomina dei revisori dei conti ai partiti del Consiglio. Ecco il manuale Cencelli ai tempi della rivoluzione

Il nome di Leonardo Termini – ormai ex consulente a titolo gratuito (VEDI QUI) è quello che fa più “rumore”, ma anche le nomine degli altri due componenti del Cda dell’Amam da parte dell’Amministrazione Accorinti nascondono curiosità e retroscena .

La prevalenza delle quote rosa è certamente una novità per una giunta che ha una sola rappresentante femminile, l’assessore Patrizia Panarello, ma è la provenienza “politica” di Grazia Antonella De Tuzza e Anna Spinelli Francalanci a suscitare interesse fuori e dentro palazzo Zanca.

Grazia Antonella De Tuzza, classe 1956, attualmente capo area dell’Alta Formazione, Ricerca scientifica e Relazioni internazionali all’Università di Messina, è stata candidata nelle liste dell’Udc alle elezioni regionali del 2008.

Anna Spinelli Francalanci, classe 1960, è invece vicina alla “Piccola Comunità Nuovi Orizzonti”, della quale sono adepti quasi tutti gli esponenti dell’ esecutivo guidato dal sindaco Renato Accorinti. Il legame della Spinelli Francicalanci con questa giunta è anche di tipo “accademico”, avendo firmato il libro dal titolo “Dell’Usura. Il persistere dello sfruttamento dei bisogno”, edito da Rubbettino, insieme agli assessori Guido Signorino (anche lui Nuovi Orizzonti) e Tonino Perna, oltre che con Fabio Mostaccio, ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali (ex Facoltà di Scienze politiche) dell’Ateneo peloritano.

C’è anche un altro intreccio che provoca mal di pancia e profonda delusione tra molti accorintiani, questa volta di tipo familiare: il marito di Anna Spinelli Francicalanci – che nel suo curriculum elenca un gran numero di collaborazioni con le cooperative “Azione sociale”, “Faro 85”, “Comunità e servizio” e con il Cirs di Messina, dove ha svolto per lo più compiti di docenza nell’ambito della formazione professionale – è un funzionario del Dipartimento dei servizi sociali, guidato dall’assessore Nino Mantineo.

Per una giunta che sin dal primo giorno si vanta di essere molto diversa da «quellicheceranoprima, che nominavano solo gli amici degli amici» (frase che il sindaco Accorinti ripete sino all’ossessione) è quanto meno singolare che dopo la selezione avviata la scorsa estate con l’emanazione dell’ Avviso pubblico (rimasto in pubblicazione dal 29 luglio all’8 agosto e poi “congelato”) siano venuti fuori, per i componenti del Cda, giusto due nomi riconducibili a partiti o ad associazioni molto vicini a questa amministrazione. Senza dimenticare il caso di Leonardo Termini, entrato dalla porta “di servizio” come esperto senza remunerazione ed “incoronato” presidente del Cda dell’Amam proprio quando l’Azienda Meridionale Acque si appresta a diventare – per volontà della giunta Accorinti – la partecipata più importante di Palazzo Zanca, chiamata a gestire non solo il servizio idrico ma anche il settore deu rifiuti. Termini sarà il “generale” di un bell’ esercito di lavoratori: alle sue dipendenze avrà presto non solo gli ex Feluca, gli ex Cea, gli ex Agrinova ma anche gli oltre 500 lavoratori di Messinambiente. Se fosse fosse dipeso dalla giunta Accorinti, per Termini si sarebbereo spalancate mesi fa le porte dell'Atm, in qualità di super consulente (con retribuzione), ma il dg Giovanni Foti gli ha sbarrato la strada.

Nel caso del Cda dell’Amam, qualche consigliere parla di nomine calate dall’alto, che poco hanno a che vedere con quel metodo dal basso che questa amministrazione professava in campagna elettorale, ma che anzi ricalca i metodi di “quellicheceranoprima”, tante volte pubblicamente ripudiati.

In questi giorni, a Palazzo Zanca, circola insistentemente anche un aneddoto paradigmatico che avrebbe come protagonista il vice-sindaco, Guido Signorino. Impegnatissimo nella redazione dei bilanci e preoccupato per le sorti che i documenti contabili potrebbero avere in Aula, viste le scaramucce tra Udc e Dr, l’assessore al bilancio avrebbe fatto sapere – attraverso la presidente del consiglio comunale Emilia Barrile, che ne ha dato notizia ai capigruppo – di essere disponibile ad un percorso di «condivisione e compartecipazione» per quanto riguarda i collegi dei revisori dei conti delle partecipate, molti dei quali in scadenza, primo tra tutti quello dell'Amam. Sembra però che la proposta finora non abbia riscosso particolare successo tra i destinatari.

Nell’era della rivoluzione accorintinana, a cambiare sono soprattutto i vocaboli: ciò che un tempo si chiamava spartizione, lottizzazione oggi si chiama compartecipazione.

Come diceva Andreotti: a pensar male si fa peccato ma ci si azzecca sempre.

Nella stagione “rivoluzionaria”, quella che avrebbe dovuto tagliare i ponti con i vecchi metodi del passato, con la vecchia politica, quella che non “nomina gli amici ed i parenti”, che non distribuisce poltrone, avvengono cose strane, al punto che potremmo perfino confondere il Cda targato 2015 con uno qualsiasi dei precedenti, quanto a sistema di nomina. Questo Cda ha persino un vago “sapore” che riporta alla giunta Buzzanca di traino Pdl-Udc. Il presidente, Leonardo Termini, ha un passato con quellicheceranoprima, un incarico nella partecipata Nettuno in quota An, una candidatura con la lista La Coccinella, la consigliera De Tuzza ha un passato con candidatura nell’Udc e la terza, Spinelli Francicalanci è lontana dall’identikit che Cambiamo Messina dal basso ha sempre auspicato per le nomine nel Palazzo. Se uniamo queste tre poltrone alle proposte di compartecipazione lanciate da un’amministrazione che teme agguati in aula sui bilanci ne esce fuori quella che si chiama: lottizzazione, distribuzione di poltrone. In una parola manuale Cencelli. Non si capisce perché quando i Cda e i revisori dei conti delle partecipate erano nominati con gli stessi criteri da quellicheceranoprima era lottizzazione invece se le stesse cose li fanno quellichecisonoadesso si chiama “compartecipazione”. Delle due l’una: o il metodo Cencelli & affini era deprecabile, e quindi questa giunta rischia di “incappare” negli stessi errori, oppure, nel momento in cui questa giunta adotta il manuale automaticamente ne santifica e purifica i comportamenti in maniera retroattiva. Oppure, più semplicemente, si mette da parte la Sindrome dell’Immacolata concezione e si ammette che in fondo, alla fine, non è cambiato niente e che le differenze tanto sbandierate sono solo specchietti per le allodole.

Danila La Torre- Rosaria Brancato

Tag:

30 commenti

  1. Per scrivere “Oppure,più semplicemente,si mette da parte la Sindrome dell’Immacolata Concezione e si ammette che in fondo,alla fine,non è cambiato niente e che le differenze tanto sbandierate sono solo specchietti per le allodole.” bisogna essere in due,infatti l’articolo è a due mani,quelle di Danila LA TORRE e Rosaria BRANCATO. Per evitare equivoci dichiaro subito di condividerlo parola per parola,semmai avrei evitato il riferimento religioso alla Immacolata Concezione,in un momento in cui Matteo SALVINI,alleato di ferro del CENTRODESTRA italiano,zittisce un PAPA che finalmente richiama i valori del CRISTIANESIMO,per GESU’ gli ultimi saranno i primi senza distinzione di nazionalità. Mi aspettavo pure il richiamo al curriculum di TERMINI.

    0
    0
  2. Per scrivere “Oppure,più semplicemente,si mette da parte la Sindrome dell’Immacolata Concezione e si ammette che in fondo,alla fine,non è cambiato niente e che le differenze tanto sbandierate sono solo specchietti per le allodole.” bisogna essere in due,infatti l’articolo è a due mani,quelle di Danila LA TORRE e Rosaria BRANCATO. Per evitare equivoci dichiaro subito di condividerlo parola per parola,semmai avrei evitato il riferimento religioso alla Immacolata Concezione,in un momento in cui Matteo SALVINI,alleato di ferro del CENTRODESTRA italiano,zittisce un PAPA che finalmente richiama i valori del CRISTIANESIMO,per GESU’ gli ultimi saranno i primi senza distinzione di nazionalità. Mi aspettavo pure il richiamo al curriculum di TERMINI.

    0
    0
  3. COMMENTO APERTO a Leonardo TERMINI nuovo presidente di AMAM. Caro concittadino ho cercato il tuo curriculum in internet senza trovarlo, questo fatto depone male per chi come te ambisce,riuscendoci,ad incarichi pubblici. TU dovresti essere un libro aperto per i messinesi, invece sappiamo soltanto che ti intendi di CONTABILITA’ PUBBLICA,ma come e dove non è dato sapere,in ogni caso sono parole generiche,anche mariedit mastica di contabilità pubblica.Caro LEONARDO ti ricordo i 120 anni del CIVICO ACQUEDOTTO di Messina,1895-2015,periodo in cui sono stati protagonisti uomini di valore,per lo più ingegneri,fai in modo di gettare le basi per altri 120 anni,quindi comincia a far pagare l’acqua a quelli della collina di Ganzirri con tanto di piscina

    0
    0
  4. COMMENTO APERTO a Leonardo TERMINI nuovo presidente di AMAM. Caro concittadino ho cercato il tuo curriculum in internet senza trovarlo, questo fatto depone male per chi come te ambisce,riuscendoci,ad incarichi pubblici. TU dovresti essere un libro aperto per i messinesi, invece sappiamo soltanto che ti intendi di CONTABILITA’ PUBBLICA,ma come e dove non è dato sapere,in ogni caso sono parole generiche,anche mariedit mastica di contabilità pubblica.Caro LEONARDO ti ricordo i 120 anni del CIVICO ACQUEDOTTO di Messina,1895-2015,periodo in cui sono stati protagonisti uomini di valore,per lo più ingegneri,fai in modo di gettare le basi per altri 120 anni,quindi comincia a far pagare l’acqua a quelli della collina di Ganzirri con tanto di piscina

    0
    0
  5. Tibetano,non ti curare di loro ma guarda e passa.U buddaci (me stesso compreso) ti ha votato “per nuovo” e si ritrova con un mucchio di roba “vecchia”,ma che ti frega ma che ti importa è importante che quando la marmellata c’è bisogna che tutti gli “amici” possono leccarla,il resto sono tabbaccheri di lignu e se i babbi hanno abboccato,peggio per loro.

    0
    0
  6. Tibetano,non ti curare di loro ma guarda e passa.U buddaci (me stesso compreso) ti ha votato “per nuovo” e si ritrova con un mucchio di roba “vecchia”,ma che ti frega ma che ti importa è importante che quando la marmellata c’è bisogna che tutti gli “amici” possono leccarla,il resto sono tabbaccheri di lignu e se i babbi hanno abboccato,peggio per loro.

    0
    0
  7. Quelli che c’erano prima ci sono pure ora, a differenza di prima, sono andati in Tibet, si sono epurati e poi sono tornati sotto nuove spoglie haahhaahahah, Vergognosi, ACCORINTI DIMETTITI SE VUOI SALVARE LA FACCIA!!!!!

    0
    0
  8. Quelli che c’erano prima ci sono pure ora, a differenza di prima, sono andati in Tibet, si sono epurati e poi sono tornati sotto nuove spoglie haahhaahahah, Vergognosi, ACCORINTI DIMETTITI SE VUOI SALVARE LA FACCIA!!!!!

    0
    0
  9. cambio di allenatore ma la squadra è troppo scarsa.. il consiglio di amministrazione piu scarso di tutti tempi!

    0
    0
  10. cambio di allenatore ma la squadra è troppo scarsa.. il consiglio di amministrazione piu scarso di tutti tempi!

    0
    0
  11. Come si fa a parlare di lottizzazione riferendosi a una poltrona data a Termini, uomo della vecchia nomenklatura? qualcosa nella logica non torna. Ma questo succede spesso.

    0
    0
  12. Come si fa a parlare di lottizzazione riferendosi a una poltrona data a Termini, uomo della vecchia nomenklatura? qualcosa nella logica non torna. Ma questo succede spesso.

    0
    0
  13. Non capisco prchè prendersela con Accorinti quando sappiamo tutti che a comandare l’esercito è Signorino. Sono tornati quelli di prima cambiando solo casacca.Tutto era previsto allorquando Signorino decise che si doveva accorpare in una unica società tutto il brutto che non riuscivano a pulire pur avendo dato incarichi con fior di euro a gente venuta dal nord. Hanno cercato di far passare per buono quello che facevano alle nostre spalle, fino ad arrivare a dare un incarico al sig.NESSUNO basta che sistemavano un amico devoto e due xxxxxxx figure femminili ma vicine a Signorino. Tutto scritto da tempo e Accorinti non si è reso mai capace di mandare a fan …. nessuno.Quel che sta accadendo è niente al confronto di quello che accadrà fra poco

    0
    0
  14. Non capisco prchè prendersela con Accorinti quando sappiamo tutti che a comandare l’esercito è Signorino. Sono tornati quelli di prima cambiando solo casacca.Tutto era previsto allorquando Signorino decise che si doveva accorpare in una unica società tutto il brutto che non riuscivano a pulire pur avendo dato incarichi con fior di euro a gente venuta dal nord. Hanno cercato di far passare per buono quello che facevano alle nostre spalle, fino ad arrivare a dare un incarico al sig.NESSUNO basta che sistemavano un amico devoto e due xxxxxxx figure femminili ma vicine a Signorino. Tutto scritto da tempo e Accorinti non si è reso mai capace di mandare a fan …. nessuno.Quel che sta accadendo è niente al confronto di quello che accadrà fra poco

    0
    0
  15. Prendere in giro e tradire ha come rovescio della medaglia che chi ha subito un torto possa avere reazioni strane. L’aggressione di qualche giorno fa al Comune è il primo sintomo che bisogna stare attenti alle reazioni di gente esasperata. Si ricordino i cari amministratori che stanno tradendo i loro sostenitori ed amici e stanno portando all’esasperazione i cittadini. Esistono le rivoluzioni perchè essitono le dittature.

    0
    0
  16. Prendere in giro e tradire ha come rovescio della medaglia che chi ha subito un torto possa avere reazioni strane. L’aggressione di qualche giorno fa al Comune è il primo sintomo che bisogna stare attenti alle reazioni di gente esasperata. Si ricordino i cari amministratori che stanno tradendo i loro sostenitori ed amici e stanno portando all’esasperazione i cittadini. Esistono le rivoluzioni perchè essitono le dittature.

    0
    0
  17. 2010 ANNO MISTERIOSO. Care DANILA e ROSARIA vale anche per le cose di finanza locale CONOSCERE IL PASSATO PER CAPIRE IL PRESENTE. Sarebbe interessante intervistare Orazio MILORO e Ferdinando COGLITORE,il primo assessore al bilancio di Peppino il BUZZANCA,il secondo ragioniere generale di quel periodo. 2010 anno anomalo del barcellonese,PERCHE’? Le ENTRATE CORRENTI furono il 67,1% del totale,sufficienti a coprire la SPESA CORRENTE,il 63,8%,addirittura un MARGINE CORRENTE positivo sufficiente a coprire le quote di capitale di mutui e prestiti. Le ANTICIPAZIONI DI TESORERIA mantenute a limiti fisiologici,soltanto il 14% delle entrate.Anche la SPESA C/CAPITALE è consistente il 9,1%. Sono % di Comune virtuoso.UN MISTERO tra 4 bilanci disastrosi.

    0
    0
  18. 2010 ANNO MISTERIOSO. Care DANILA e ROSARIA vale anche per le cose di finanza locale CONOSCERE IL PASSATO PER CAPIRE IL PRESENTE. Sarebbe interessante intervistare Orazio MILORO e Ferdinando COGLITORE,il primo assessore al bilancio di Peppino il BUZZANCA,il secondo ragioniere generale di quel periodo. 2010 anno anomalo del barcellonese,PERCHE’? Le ENTRATE CORRENTI furono il 67,1% del totale,sufficienti a coprire la SPESA CORRENTE,il 63,8%,addirittura un MARGINE CORRENTE positivo sufficiente a coprire le quote di capitale di mutui e prestiti. Le ANTICIPAZIONI DI TESORERIA mantenute a limiti fisiologici,soltanto il 14% delle entrate.Anche la SPESA C/CAPITALE è consistente il 9,1%. Sono % di Comune virtuoso.UN MISTERO tra 4 bilanci disastrosi.

    0
    0
  19. mi è sembrato di leggere un articolo con l’anima e lo stile caro a centonove.

    0
    0
  20. mi è sembrato di leggere un articolo con l’anima e lo stile caro a centonove.

    0
    0
  21. La questione è davvero umiliante per tutte quelle persone che credevano che bastasse avere dei meriti sul campo!!!! Invece no!!!! non conta aver maturato esperienza sul campo e sui libri! Con queste nomine ha illuso tanti giovani che come me, credevano che bastasse presentare un curriculum ed essere valutati! Ha ucciso un sogno! Ed ancora più triste, assistere ad una completa assenza di un consiglio comunale, senza carattere! Chiedete di mettere in rete sia i CV dei nominati che degli esclusi, troverete delle significative differenze! Inoltre, nel bando si richiede significativa esperienza….., dov’è????? Per una volta nella storia, Messina e Messinesi, abbiate il coraggio di ribellarvi a chi distrugge il futuro e l’anima dei giovani!

    0
    0
  22. La questione è davvero umiliante per tutte quelle persone che credevano che bastasse avere dei meriti sul campo!!!! Invece no!!!! non conta aver maturato esperienza sul campo e sui libri! Con queste nomine ha illuso tanti giovani che come me, credevano che bastasse presentare un curriculum ed essere valutati! Ha ucciso un sogno! Ed ancora più triste, assistere ad una completa assenza di un consiglio comunale, senza carattere! Chiedete di mettere in rete sia i CV dei nominati che degli esclusi, troverete delle significative differenze! Inoltre, nel bando si richiede significativa esperienza….., dov’è????? Per una volta nella storia, Messina e Messinesi, abbiate il coraggio di ribellarvi a chi distrugge il futuro e l’anima dei giovani!

    0
    0
  23. carmelo ferraro 18 Giugno 2015 18:13

    in brasile durante la repressione militare chico scrisse:”o musa del mio fado…in fondo adesso forse sarebbe meglio che il brasile tornasse ad essere un grande portogallo…” desidero dire rimpiango a momenti pure mario bonsignore!alle due dame giornaliste che stimo per la loro verve chiedo:”i nuovi si sono convertiti al tibetismo?” non ci resta che piangere

    0
    0
  24. carmelo ferraro 18 Giugno 2015 18:13

    in brasile durante la repressione militare chico scrisse:”o musa del mio fado…in fondo adesso forse sarebbe meglio che il brasile tornasse ad essere un grande portogallo…” desidero dire rimpiango a momenti pure mario bonsignore!alle due dame giornaliste che stimo per la loro verve chiedo:”i nuovi si sono convertiti al tibetismo?” non ci resta che piangere

    0
    0
  25. qualcuno ha sentito oggi intorno alle 12,30 il tibetano alla TV della 7 ?una ridicolaggine dopo l’altra,ma come è possibile che lo lasciano parlare senza una contro parte? cosi può dire cio’ che vuole senza essere smentito.ma per favore!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    0
    0
  26. qualcuno ha sentito oggi intorno alle 12,30 il tibetano alla TV della 7 ?una ridicolaggine dopo l’altra,ma come è possibile che lo lasciano parlare senza una contro parte? cosi può dire cio’ che vuole senza essere smentito.ma per favore!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    0
    0
  27. al tibetismo? no alla pagnotta che il tibetano ha imparato per sopravvivere, a distribuire agli “affamati” per fare finta di governare una citta’,pensando che venendo dal basso potesse diventare alto,ed invece ha perduto pure la faccia,lui il puro!!!!!!!!

    0
    0
  28. al tibetismo? no alla pagnotta che il tibetano ha imparato per sopravvivere, a distribuire agli “affamati” per fare finta di governare una citta’,pensando che venendo dal basso potesse diventare alto,ed invece ha perduto pure la faccia,lui il puro!!!!!!!!

    0
    0
  29. Anche loro vedono quello che gli conviene, personalmente io ho indicato alcune situazioni che necessitano di un loro intervento urgente, purtroppo però prendono sempre tempo E’LASCIANO VOLUTAMENTE LE COSE COME STANNO

    0
    0
  30. Anche loro vedono quello che gli conviene, personalmente io ho indicato alcune situazioni che necessitano di un loro intervento urgente, purtroppo però prendono sempre tempo E’LASCIANO VOLUTAMENTE LE COSE COME STANNO

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x