Caserma Di Maio in condizioni pessime, è scattata l'ispezione dell'Asp - Tempostretto

Caserma Di Maio in condizioni pessime, è scattata l’ispezione dell’Asp

Francesca Stornante

Caserma Di Maio in condizioni pessime, è scattata l’ispezione dell’Asp

mercoledì 05 Ottobre 2016 - 14:51

L'edificio di via Fermi che ospita il distaccamento della Polizia Municipale oggi è finito sotto la lente d'ingrandimento dell'Asp. Nei giorni scorsi i sindacati avevano denunciato le pessime condizioni igienico-sanitarie della struttura.

Una decina di giorni fa erano scattate le denunce prima della Cisl Fp e poi del Silpol, il sindacato della Polizia Municipale. Entrambi avevano prepotentemente acceso i riflettori sulle condizioni in cui versa la caserma Orazio Di Maio, struttura che ospita uffici e mezzi della Municipale messinese.

Condizioni igienico-sanitarie ai limiti della decenza, uffici inadeguati e non conformi agli standard di sicurezza, zero interventi di manutenzione, i sindacati avevano elencato le troppe criticità dell’edificio e chiesto un intervento urgente di Asp, Ispettorato del Lavoro e Vigili del Fuoco. La risposta non si è fatta attendere.

E così questa mattina gli ispettori dell’Azienda Sanitaria Provinciale si sono recati in sopralluogo presso la caserma di via Fermi per verificare le condizioni e toccare con mano in che ambiente quotidianamente operano circa un centinaio di agenti tra reparto operativo mobile, squadra rilevamento automatico infrazioni codice della strada, nucleo di polizia giudiziaria, sezione motociclisti, laboratorio trasmissioni, squadra manutenzione parco macchine, corpo di guardia h24 oltre alle rimesse motociclette, autovetture e ai locali spogliatoio.

L’ispezione si è concentrata sull’intera struttura, soprattutto sulle condizioni generali di tutto l’ambiente per verificarne la salubrità. Gli ispettori hanno stilato un corposo verbale e chiesto ulteriore documentazione, soprattutto per accertare se l’impianto elettrico è a norma, seguiranno altre verifiche e subito dopo scatteranno le prescrizioni.

In base all’esito finale dell’ispezione l’Asp valuterà se ordinare interventi di sistemazione o chiudere gli uffici. In ogni caso è un primo passo che soprattutto i sindacati e i lavoratori chiedevano da tempo, soprattutto dopo il silenzio che era calato dal settembre dello scorso anno, quando l’amministrazione comunale si era assunta precisi impegni durante un tavolo che era stato convocato in Prefettura.

La Cisl Fp pochi giorni fa aveva evidenziato che da allora non sono state mai effettuate «neanche quelle piccole manutenzioni ordinarie che avrebbero dato la sensazione di un intrapreso percorso virtuoso.  Piccole cose, dalla riparazione di un bagno alla tinteggiatura delle pareti e alla sanificazione degli ambienti con una pulizia più accurata.

A questo punto la palla è nelle mani dell’Asp che trasmetterà tutto al Comune non appena la relazione sulle condizioni della Di Maio sarà chiusa.

Francesca Stornante

Tag:

2 commenti

  1. Ancora con questa storia?!!!!….Andate a lavorare…obesi…Il Tribunale di Messina apra un’inchiesta sui vigili urbani (rigorosamente minuscolo…) di Messina per accertare se esiste a carico di questi s…ignori il reato di interruzione di pubblico servizio. Il degrado civile, sociale e ambientale di Messina ha delle precise colpe da ricercare in tutti i rami della P.A. FORZA TRIBUNALE.

    Like

    0
    0
  2. Ancora con questa storia?!!!!….Andate a lavorare…obesi…Il Tribunale di Messina apra un’inchiesta sui vigili urbani (rigorosamente minuscolo…) di Messina per accertare se esiste a carico di questi s…ignori il reato di interruzione di pubblico servizio. Il degrado civile, sociale e ambientale di Messina ha delle precise colpe da ricercare in tutti i rami della P.A. FORZA TRIBUNALE.

    Like

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007