È nata l'associazione "Messina Ciclabile"

È nata l’associazione “Messina Ciclabile”

Redazione

È nata l’associazione “Messina Ciclabile”

mercoledì 01 Novembre 2023 - 17:43

L'obiettivo? "Vogliamo contribuire a rendere Messina una città più gradevole e sostenibile, promuovendo la mobilità in bicicletta"

MESSINA – Due ruote gialle e una “M” un po’ sghemba su sfondo rosso. Si presenta con questo logo la nuova associazione “Messina Ciclabile”. E il messaggio è chiaro. “Lo dice il nome stesso – afferma Fabrizio Murè, 45 anni, neo presidente, e un passato di attivista in bici a Pisa – vogliamo contribuire a rendere Messina una città più gradevole e sostenibile, promuovendo la mobilità in bicicletta”.

“Messina Ciclabile” è un’associazione di promozione sociale, e non di pratica sportiva. Una differenza importante, secondo Giancarlo Rinaldo, professore universitario e testimone quasi quotidiano del cosiddetto bike-to-work con i suoi 11 km tra Boccetta e Papardo: “L’idea non è di fare competizioni. Per quello ci sono già ottime società sportive. Il messaggio è che in bici possono andarci davvero quasi tutti, giovani, adulti e anche anziani. Il punto sul quale ci batteremo, è quello di assicurare che a Messina, come in altre città europee, si creino le condizioni di sicurezza per potere scegliere, se si vuole, questo tipo di mobilità. Il nostro è un messaggio di libertà. Come ci si muove, se in bici, in auto o in autobus, deve rimanere una libera scelta dell’individuo. E chi pratica una mobilità rispettosa dell’ambiente e degli spazi urbani dev’essere protetto e se è possibile incoraggiato a farlo”.


Osservano i membri dell’associazione: A Messina, come altrove in Italia e nel mondo, basta osservare quello che succede in strada, per rendersi conto che il numero di ciclisti urbani è in aumento. Ma in assenza di dati raccolti sistematicamente, è difficile darne una stima numerica. L’avvento delle bici a pedalata assistita, e anche delle pieghevoli, che possono essere trasportate su treni e autobus, o portate facilmente in casa, ha dato impulso a un modo diverso di muoversi in città. “È anche un modo per riscoprire il territorio in cui si vive – aggiunge Marco Mangano, un altro dei soci fondatori, specializzato in Rigenerazione Urbana, con una particolare attenzione al tema delle ciclovie urbane e dei percorsi cicloturistici – oltre che un modo molto economico. Una volta fatto l’investimento iniziale, che può anche essere di poche centinaia di euro, le spese annuali sono un’inezia rispetto a bollo, carburante e manutenzione di un’auto”.


Messina Ciclabile intende anche dialogare con l’amministrazione e con i cittadini. “Non siamo soltanto amanti della bicicletta – ribadisce Murè – siamo anche persone con competenze specifiche in materia di mobilità ciclistica. Siamo pronti a confrontarci, in tutta serenità, con chi ne avrà voglia. E intanto stiamo lavorando a un primo calendario di attività aperte a tutti”.

Informazioni sui social Facebook e Instagram (messinaciclabileaps) come “Messina Ciclabile Aps”, email a info@messinaciclabile.it

Articoli correlati

5 commenti

  1. Messina non è Pisa, perché non lo dice agli abitanti dei villaggi di andare a Messina in bici, o a chi sta in periferia e vede cosa gli rispondono

    7
    8
  2. mi raccomando in fila per uno quando si “cicla” nella strada non per due tre quattro perché la strada è di tutti

    5
    3
  3. Promuovere la mobilità in bicicletta A MESSINA ?!?!?
    E’ più facile che un cammello passi attraverso la cruna di un ago …. (cit.)

    5
    6
  4. Ottima iniziativa,
    ricordo a chi dice che dalla periferia non è possibile arrivare al centro in bicicletta che con l’avvento delle bici elettriche non è per nulla un problema, lo faccio tutti i gg ed arrivo in ufficio fresco anche il 15 agosto.
    Semmai l’unico problema è l’inciviltà di questa città, su questo bisogna lavorare ancora tanto…….ma siamo sulla strada giusta.

    5
    5
  5. Sig. Carlo lei che arriva fresco il 15 agosto, cosa beve, sicuramente qualcosa di forte per non avvertire il caldo. Eppoi ognuno può fare ciò che vuole, io voglio arrivare al centro in auto, sarò libero di farlo

    3
    4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007