Elezioni avvocati, Corte Costituzionale mette il sigillo al divieto del terzo mandato - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Elezioni avvocati, Corte Costituzionale mette il sigillo al divieto del terzo mandato

Alessandra Serio

Elezioni avvocati, Corte Costituzionale mette il sigillo al divieto del terzo mandato

mercoledì 19 Giugno 2019 - 07:14
Elezioni avvocati, Corte Costituzionale mette il sigillo al divieto del terzo mandato

L'attesa pronuncia rimescola le carte in vista delle elezioni a Messina ma non scioglie tutti i nodi. Il caso Patti, ad esempio, resta "affidato" al Cnf

L’attesa sentenza della Corte Costituzionale è arrivata nel tardo pomeriggio di ieri: il divieto del terzo mandato consecutivo per i componenti dei Consigli dell’Ordine degli avvocati è legittimo.

Così la Corte ha stabilito sulle questioni sollevate dal Consiglio Nazionale Forense.

In attesa del deposito della sentenza, l’ufficio stampa della Corte ha comunicato che al termine della discussione le questioni sono state dichiarate non fondate.

La Corte ha escluso che il divieto in questione – che comunque consente la ricandidabilità dopo un quadriennio – vieta il diritto di elettorato passivo degli iscritti e ha considerato che la nomina censurata realizza un ragionevole bilanciamento con le esigenze di rinnovamento e di parità nell’accesso delle cariche forensi.

La Corte ha inoltre ritenuto che la disposizione censurata non ha carattere retroattivo come già affermato dalle sezioni unite della corte di cassazione.

La sentenza sarà depositata nelle prossime settimane, ma ha già creato scompiglio.

A Patti gli avvocati erano andati al voto contestando l’interpretazione più rigorosa della norma, e tra gli eletti ci sono diverse posizioni che adesso “ballano”. Il ricorso presentato, però, è ancora sub iudice al Consiglio Nazionale Forense, che comunque non può che tenere conto della pronuncia della Cassazione.

Il ricorso dell’avvocato Tiziana Scolaro era in calendario lo scorso 25 maggio, ma la discussione è stata sospesa in vista della pronuncia della Corte Costituzionale. Ora, quindi, il legale attende che venga fissata nuova discussione al Cnf. Il caso Patti, però, presenta una ulteriore particolarità, ovvero il periodo del commissariamento. Vale come periodo di sosta tra i due mandati consecutivi o no?

Resta da chiarire, infine, se la non retroattività della norma salva il mandato dei consiglieri eletti prima dell’entrata in vigore o se anche quelli si considerano nel conteggio.

Leggi anche: Il Cnf non mette fine al caos, è scontro sul doppio mandato

Usa QUESTO TAG per tutti gli approfondimenti

Tag:

2 commenti

  1. Mangiapane Filippo 19 Giugno 2019 09:39

    La Corte Costituzionale contro le “rendite di posizione”, a favore del rinnovo e della parità nell’accesso.
    Ne sono assolutamente convinto e l’ho ripetuto in questi giorni nel Foro.
    Adesso a casa.Rinnovo!

    0
    0
  2. L’acqua che scorre è sempre fresca e pulita.Giusta sentenza ,si rinnovi per rinnovare.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x