Messina senz’acqua: lavori in corso a Calatabiano. ECCO LE ZONE CON DISTRIBUZIONE RAZIONATA - Tempostretto

Messina senz’acqua: lavori in corso a Calatabiano. ECCO LE ZONE CON DISTRIBUZIONE RAZIONATA

Marco Ipsale

Messina senz’acqua: lavori in corso a Calatabiano. ECCO LE ZONE CON DISTRIBUZIONE RAZIONATA

giovedì 29 Ottobre 2015 - 00:26

Due soluzioni in contemporanea: i lavori a Calatabiano e la realizzazione di un bypass tra le condutture Fiumefreddo e Alcantara. In video l'intervista al viceprefetto Maria Cerniglia che spiega come nelle prossime ore il Comune provvederà ad individuare le zone a secco per attivare i presidi di distribuzione

LE ZONE COPERTE DALLA DISTRIBUZIONE RAZIONATA: Bordonaro, Cumia, Pezzolo, Santa Margherita, Mili San Pietro, Sant'Agata, Pace, Santo Stefano, Santa Lucia, Rodia, Spartà, San Saba, parte alta di Faro Superiore, parte alta di Sperone, centro città da Contesse fino a via Tommaso Cannizzaro, piazza Castronovo, viale Principe Umberto e circonvallazione fino al viale Boccetta.

LE ZONE NON COPERTE DALLA DISTRIBUZIONE: Via Torrente Trapani, Santo, Torre Vittoria, San Licandro, Panoramica, Ganzirri, Paradiso, Torre Faro, parte bassa di Faro Superiore, parte bassa di Sperone, Cep, Minissale, Tremestieri, Giampilieri, parte alta di Gravitelli, viale della Libertà, via Garibaldi, Papardo, Ritiro (il pozzo viene impiegato per fornitura autobotti), Masse, Castanea e Annunziata alta.

AGGIORNAMENTO ORE 18: Il bypass tra Alcantara e Fiumefreddo verrà realizzato a Forza d'Agrò e non ad Alì, a causa delle migliori condizioni del terreno. I lavori potrebbero cominciare domattina.

AGGIORNAMENTO DALLA PREFETTURA: Dal vertice sono emerse le prime soluzioni tampone. Da un lato l'ingegnere La Rosa cercherà di attivare, di concerto con il direttore tecnico di Siciliacque, la possibilità di realizzare il by pass di collegamento tra condotta dell'Alcantara e quella di Fiumefreddo (in questo caso servono circa 48 ore) dall'altro si lavora alle tubature di Fiumefreddo ed infine si cerca di studiare soluzioni tampone per distrbuire l'acqua in una città allo stremo (come autobotti e navi cisterna). In prefettura si sono riuniti amministrazione, sindacati, vertici delle aziende ospedaliere, rappresentanti dei quartieri, vertici dell'Amam. Fuori dal Palazzo del governo c'è chi protesta, ed anche i presidenti delle circoscrizioni hanno contestato il fatto di non aver potuto partecipare al vertice. Si sta lavorando soltanto alle soluzion tampone, come ad esempio la possibilità di utilizzare navi cisterne ipotesi questa che comporta comunque almeno altri 2 giorni di attesa. Il Comune e l'Amam continuano ad invitare i messinesi a denunciare quanti si propongono per la vendita di acqua con autobotti, perchè la fonte unica di approvvigionamento è il Comune e i punti di distribuzione individuati. L'amministrazione non ha autorizzato alcuna autobotte esterna.

Doveva essere il giorno del ritorno alla normalità, si è trasformato nel giorno più nefasto. Sin da subito si torna a lavorare anche di notte a Calatabiano, lì dove il terreno frana continuamente sulla condotta idrica, e si proveranno i salti mortali per concludere entro tre o quattro giorni. Ma la valutazione più vicina alla realtà, a caldo, prevede almeno altri cinque giorni di stop, dunque fino a lunedì.

TERMINI: “STOP NECESSARIO. A RISCHIO SIA LA CONDUTTURA SIA CALATABIANO”

E’ quanto hanno spiegato in conferenza stampa i vertici dell’Amam, a partire dal presidente Leonardo Termini: “Martedì sera le pompe del Fiumefreddo spingevano acqua verso la città ma i test ci hanno detto che non si riusciva a raggiungere un flusso continuo e costante. In sopralluogo, abbiamo visto altri movimenti del terreno che mettevano a rischio sia la conduttura sia la comunità di Calatabiano. Alle 16.45 abbiamo notato uno spostamento di circa 1 centimetro e mezzo del terreno e della conduttura, che subiva tensioni ed è stato necessario svuotarla. In più domani è prevista pioggia e sabato ancora più forte, potrebbero esserci altri danni al terreno. Sui tempi, potremo essere più precisi dopo il vertice in Prefettura”.

LA ROSA: “SERVONO ALTRI LAVORI PERCHE’ C’E’ UN ENORME MASSA DI TERRENO IN MOVIMENTO”

Gli aspetti tecnici sono stati approfonditi dal direttore generale dell’Amam, Luigi La Rosa: “Tutto il versante è in frana. Speravamo che la realizzazione di saldature rinforzate avrebbe consentito una portata idrica sufficiente, anche ridotta, ma poi un enorme massa di terreno in movimento continuava a spingere sulla condotta determinando uno spostamento verso nord. Purtroppo la situazione sarà la stessa dei giorni scorsi, con a disposizione solo l’acqua della Santissima e dei pozzi, ma stiamo valutando più soluzioni per ridurre i disagi al minimo possibile. Sappiamo che ci sono privati che forniscono acqua, ma non possono farlo. O meglio, dovrebbe venire all’Amam e pagare una bolletta di carico. Se siete a conoscenza di favoritismi o di vendita al mercato nero denunciateli”.

SOLUZIONE 1 – IN CORSO A CALATABIANO I LAVORI SULLA CONDOTTA DEL FIUMEFREDDO. DURATA PREVISTA 5 GIORNI

“L’obiettivo – ha proseguito La Rosa – è quello di trovare soluzioni immediate almeno per un primo rifornimento, anche se non pieno, sufficiente a garantire un paio d’ore di acqua al giorno. Dopo il sopralluogo con il geologo e il geotecnico, si è deciso di liberare la condotta dal terreno che la circonda e riportarla alla luce scaricando le tensioni che il terreno provoca. Dovrà essere un lavoro costante perché il terreno tornerà a spingere. Una volta liberata la condotta, verranno realizzate saldature di rinforzo delle giunture che insistono ogni 12 metri e poi opere di consolidamento più importanti, vale a dire palificate da piantare nel substrato roccioso e agganciare, creando punti fissi che non dovrebbero subire variazioni neanche sotto spinta. A quel punto potrà essere immesso un primo quantitativo d’acqua e garantire un minimo sufficiente, prima delle operazioni definitive per la portata massima. All’impresa Trovato, che ha lavorato finora, si aggiunge anche l’impresa Celesti, entrambe di Messina”.

SOLUZIONE 2 – COLLEGAMENTO AD Alì TRA CONDOTTE ALCANTARA E FIUMEFREDDO. TEMPI DA VALUTARE, DA 3 A 10 GIORNI

Termini ha contattato telefonicamente l’amministratore delegato di Siciliacque, Stefano Albani, e già oggi è previsto un incontro per verificare la possibilità di realizzare un collegamento tra le condutture di Alcantara e Fiumefreddo ad Alì. Proprio in quel punto, infatti, qualche anno fa, la conduttura dell’Alcantara, che ha un diametro di 75 centimetri, è stata danneggiata e mai ripristinata, se non con un piccolo bypass, da circa 20 centimetri, per servire il Comune di Scaletta con una portata di circa 20 litri al secondo, la metà dei quali è di troppo e viene scaricata nel torrente Giampilieri. Una quantità irrisoria per Messina, ecco perché diventa necessario creare un nuovo collegamento, tenendo presente le difficoltà di passare da una conduttura di 75 centimetri (l’Alcantara) ad una di 1 metro (il Fiumefreddo). La conduttura dell’Alcantara è interrotta anche a Santa Margherita ma questo non influirebbe visto che verrebbe utilizzata solo fino ad Alì mentre da Alì a Messina verrebbe sfruttata quella del Fiumefreddo. I tempi? “Sono da valutare – conclude La Rosa – in funzione dei luoghi e della distanza tra le due tubazioni. Potrebbero essere variabili da 3 a 10 giorni. In ogni caso è un intervento utile anche per il futuro, perché consentirebbe di riutilizzare la condotta dell’Alcantara fino ad Alì e poi di fare arrivare l’acqua a Messina tramite la condotta del Fiumefreddo”.

ACCORINTI: “CHIEDEREMO LO STATO DI CALAMITA’ NATURALE”

In conclusione, è intervenuto anche il sindaco Accorinti: “Queste sono le conseguenze del dissesto idrogeologico. Chiederemo la dichiarazione di stato di calamità naturale perché riteniamo ci siano i presupposti. Lo Stato deve intervenire come ha fatto altrove, senza fare due pesi e due misure. Stavo per partire per Torino, dove c’è l’assemblea dell’Anci, e avrei avuto l’occasione di parlare con più ministri, ma sono rimasto per l’emergenza. Purtroppo, se ancora non ci sarà acqua, scuole e uffici resteranno chiusi e saranno aperti solo i servizi essenziali”.

(Marco Ipsale)

Tag:

82 commenti

  1. V E R G O G N A ! ! !

    SOLO A MESSINA POTEVA CAPITARE SIAMO SENZA ACQUA DA SABATO,DA NOI NON E’ MAI ARRIVATA NEANCHE UN MINUTO !!!

    V E R G O G N A !!!!

    0
    0
  2. V E R G O G N A ! ! !

    SOLO A MESSINA POTEVA CAPITARE SIAMO SENZA ACQUA DA SABATO,DA NOI NON E’ MAI ARRIVATA NEANCHE UN MINUTO !!!

    V E R G O G N A !!!!

    0
    0
  3. Magari un acquedotto a messina?visto che messina è piena d acqua?ah no vero,ovviamente l acqua di Fiumefreddo ed Alcantara xxxxxxxxxxxxx!

    0
    0
  4. Magari un acquedotto a messina?visto che messina è piena d acqua?ah no vero,ovviamente l acqua di Fiumefreddo ed Alcantara xxxxxxxxxxxxx!

    0
    0
  5. per una Città Metropolitana (???)è il massimo.
    Vergogna e dire poco. In un qualunque paese anche il più sperduto sarebbe andata “molto” meglio. Quanta acqua si perde nelle condutture, quanta e non si immette nei serbatoi???? da Nord (Rodia)a Sud (Giampilieri). Grazie.

    0
    0
  6. per una Città Metropolitana (???)è il massimo.
    Vergogna e dire poco. In un qualunque paese anche il più sperduto sarebbe andata “molto” meglio. Quanta acqua si perde nelle condutture, quanta e non si immette nei serbatoi???? da Nord (Rodia)a Sud (Giampilieri). Grazie.

    0
    0
  7. antonio campanella 29 Ottobre 2015 06:36

    Che banda di incapaci. In presenza di frana si taglia la condotta in un punto fermo, si fa un by-pass fino ad un’altro punto fermo, con almeno due tubi di polietilene che possono passare sopra la frana. Soluzione adottata in tanti altri posti in casi analoghi. Ma qui…..

    0
    0
  8. antonio campanella 29 Ottobre 2015 06:36

    Che banda di incapaci. In presenza di frana si taglia la condotta in un punto fermo, si fa un by-pass fino ad un’altro punto fermo, con almeno due tubi di polietilene che possono passare sopra la frana. Soluzione adottata in tanti altri posti in casi analoghi. Ma qui…..

    0
    0
  9. Come sempre la colpa è della pioggia!.
    Talvolta del terreno argilloso. Non hanno un piano B, non sanno come fronteggiare l’emergenza. Prima dichiarano tre giorni, con tanto di encomi pubblici, poi 5.
    Spendono soldi inutili in cariche politiche super pagate, mai in opere provvisionali e azioni preventive.
    Riesumiamo gli antichi egizi e gli antichi romani. ANDATE A CASA INCAPACI!

    0
    0
  10. Come sempre la colpa è della pioggia!.
    Talvolta del terreno argilloso. Non hanno un piano B, non sanno come fronteggiare l’emergenza. Prima dichiarano tre giorni, con tanto di encomi pubblici, poi 5.
    Spendono soldi inutili in cariche politiche super pagate, mai in opere provvisionali e azioni preventive.
    Riesumiamo gli antichi egizi e gli antichi romani. ANDATE A CASA INCAPACI!

    0
    0
  11. la calamità naturale ce l’abbiamo già e siete tutti voi.Poi è ora di mettere la maglietta Free Messina,perchè quella nera del tibet porta sfiga ai buddaci.

    0
    0
  12. la calamità naturale ce l’abbiamo già e siete tutti voi.Poi è ora di mettere la maglietta Free Messina,perchè quella nera del tibet porta sfiga ai buddaci.

    0
    0
  13. la riunione in prefettura la potevate fare anche lunedi con calma, tanto il popolo bue può andare per strada a fare i “bisogni”:Grazie della celerità.

    0
    0
  14. la riunione in prefettura la potevate fare anche lunedi con calma, tanto il popolo bue può andare per strada a fare i “bisogni”:Grazie della celerità.

    0
    0
  15. Mi chiedo: è giusto che le inefficienze, la leggerezza e la mancanza di lungimiranza di chi amministra questa città si scarichi sempre impunemente sulla popolazione? È giusto e accettabile che una città di 250 mila abitanti possa restare per giorni e giorni senza acqua? È’ giusto che nessuna autorità intervenga per chiedere conto e ragione a chi ha la responsabilità di governare questa città? È’ giusto pensare rassegnatamente che nessuno è responsabile e che si tratta solo di un mero fatto accidentale? È’ giusto che in questa città nessuno ha l’orgoglio di dire NO, che tutto ciò non può essere un fatto accidentale e che qualcuno deve risponderne? È’ possibile continuare a vivere a Messina in queste condizioni di degrado politico e morale?

    0
    0
  16. Mi chiedo: è giusto che le inefficienze, la leggerezza e la mancanza di lungimiranza di chi amministra questa città si scarichi sempre impunemente sulla popolazione? È giusto e accettabile che una città di 250 mila abitanti possa restare per giorni e giorni senza acqua? È’ giusto che nessuna autorità intervenga per chiedere conto e ragione a chi ha la responsabilità di governare questa città? È’ giusto pensare rassegnatamente che nessuno è responsabile e che si tratta solo di un mero fatto accidentale? È’ giusto che in questa città nessuno ha l’orgoglio di dire NO, che tutto ciò non può essere un fatto accidentale e che qualcuno deve risponderne? È’ possibile continuare a vivere a Messina in queste condizioni di degrado politico e morale?

    0
    0
  17. Mi raccomando cittadini se venite a sapere di privati che vengono acqua non la prendete per lavarvi per cucinare e per altri 1000 motivi ma andate di corsa a denunciare chi vende quest’acqua senza pagare l’amam. ora uno in un momento di emergenza va a vedere se chi vende acqua ha pagato il carico all’amam

    0
    0
  18. Mi raccomando cittadini se venite a sapere di privati che vengono acqua non la prendete per lavarvi per cucinare e per altri 1000 motivi ma andate di corsa a denunciare chi vende quest’acqua senza pagare l’amam. ora uno in un momento di emergenza va a vedere se chi vende acqua ha pagato il carico all’amam

    0
    0
  19. i dirigenti sono xxxxxxxxxxxxxxxx cosa vuole che facciano? io lo saprei cosa fare,tutti a zappare.xxxxxxxxx tutti

    0
    0
  20. i dirigenti sono xxxxxxxxxxxxxxxx cosa vuole che facciano? io lo saprei cosa fare,tutti a zappare.xxxxxxxxx tutti

    0
    0
  21. Se ne stava scappando a Torino per farsi l’ennesima vacanza ed è stato “bloccato” con le valigie in mano ahahahah siamo alle comiche… a chi dice “u sinnucu ccorinzio non avi responsabilittà”, la verifica a priori dei punti di vulnerabilità della struttura idrica e la richiesta di finanziamento per il raddoppio della conduttura “vitale” per la città in questi anni chi la doveva fare, Fra Caxxo da Velletri??? O i doveri “ddu sinnucu ccorinzio” sono soltanto quelli di farsi i selfie attipo bimbominkia ai concerti di Taormina di Vasco e Jovanotti e al Miramare di Salina?

    0
    0
  22. Se ne stava scappando a Torino per farsi l’ennesima vacanza ed è stato “bloccato” con le valigie in mano ahahahah siamo alle comiche… a chi dice “u sinnucu ccorinzio non avi responsabilittà”, la verifica a priori dei punti di vulnerabilità della struttura idrica e la richiesta di finanziamento per il raddoppio della conduttura “vitale” per la città in questi anni chi la doveva fare, Fra Caxxo da Velletri??? O i doveri “ddu sinnucu ccorinzio” sono soltanto quelli di farsi i selfie attipo bimbominkia ai concerti di Taormina di Vasco e Jovanotti e al Miramare di Salina?

    0
    0
  23. salve,
    non lamentatevi come sempre a breve arriva la TARI cosi paghiamo le inettitudini della classe politica e dirigenziale.
    Forza popolo Messinese…(Buddaciani) in fondo vi lamentate senza mai intraprendere nessuna azione. Meritate tutto questo.

    0
    0
  24. salve,
    non lamentatevi come sempre a breve arriva la TARI cosi paghiamo le inettitudini della classe politica e dirigenziale.
    Forza popolo Messinese…(Buddaciani) in fondo vi lamentate senza mai intraprendere nessuna azione. Meritate tutto questo.

    0
    0
  25. se ben leggete i post sono tutti di una linearità senza se e senza ma eppure di fronte all’evidenza c’è qualcuno che mette “NON mi PIACE”.è logico capite che si tratta dei difensori d’ufficio che non avendo il coraggio di smentire,(li piglieremo con i forconi),si sfogano col non mi piace,senza dignità ne vergogna.

    0
    0
  26. se ben leggete i post sono tutti di una linearità senza se e senza ma eppure di fronte all’evidenza c’è qualcuno che mette “NON mi PIACE”.è logico capite che si tratta dei difensori d’ufficio che non avendo il coraggio di smentire,(li piglieremo con i forconi),si sfogano col non mi piace,senza dignità ne vergogna.

    0
    0
  27. approssimare per 6 giorni soluzioni, senza avere un piano b.Non chiedere aiuto al governo nazionale, al prefetto, o ai comuni viciniori per il solito eccesso di boria che li contraddistingue.Ovviamente un commercialista ,presidente all’amam ci sta tutto…

    0
    0
  28. approssimare per 6 giorni soluzioni, senza avere un piano b.Non chiedere aiuto al governo nazionale, al prefetto, o ai comuni viciniori per il solito eccesso di boria che li contraddistingue.Ovviamente un commercialista ,presidente all’amam ci sta tutto…

    0
    0
  29. Dal tenore rabbioso dei commenti si capisce che molti messinesi ignorano la storia dell’ACQUEDOTTO di Messina,per loro fortuna non hanno attraversato gli anni cinquanta,sessanta,settanta,ed erano bambini inconsapevoli durante la crisi idrica del 1977-78,anni in cui l’erogazione scese ad una,raramente a due volte al giorno,con zone prive di erogazione. Con PROVVIDENTI sindaco,l’ing. Domenico GALATA’, memoria storica, scrisse un libro per i CENTO ANNI 1985-1995 del nostro acquedotto, l’idea era di portarlo nelle scuole e università per farne conoscere la storia e gli aspetti tecnici; se fosse stato letto la rabbia non solo sarebbe contenuta ma si comprenderebbe che scagliarsi contro l’ACQUEDOTTO è come avventarsi su MESSINA e le sue genti.

    0
    0
  30. Dal tenore rabbioso dei commenti si capisce che molti messinesi ignorano la storia dell’ACQUEDOTTO di Messina,per loro fortuna non hanno attraversato gli anni cinquanta,sessanta,settanta,ed erano bambini inconsapevoli durante la crisi idrica del 1977-78,anni in cui l’erogazione scese ad una,raramente a due volte al giorno,con zone prive di erogazione. Con PROVVIDENTI sindaco,l’ing. Domenico GALATA’, memoria storica, scrisse un libro per i CENTO ANNI 1985-1995 del nostro acquedotto, l’idea era di portarlo nelle scuole e università per farne conoscere la storia e gli aspetti tecnici; se fosse stato letto la rabbia non solo sarebbe contenuta ma si comprenderebbe che scagliarsi contro l’ACQUEDOTTO è come avventarsi su MESSINA e le sue genti.

    0
    0
  31. dopo l’elogio all’Amam,Accorinti ha ragione nell’affermare che la citta’ merita il Nobel per la Pace. I buddaci lo meritano per la loro innata capacita’ di sopportazione, per la loro tolleranza, per la mitezza d’animo. La 13a citta’ d’Italia, metropolitana (!), che ogni giorno affronta un’emergenza da terzo mondo e non reagisce, ma spera e aspetta. Prima i rifiuti, poi l’acqua, e i tir, e gli allagamenti, e gli alberi che si schiantano, e le frane sulle strade e le autostrade, e i viadotti che restano ad una corsia per anni, e il porto che si insabbia ogni settimana, e lo Stretto sempre piu’ largo per le FS che ci hanno piantato e .mi sono stancato di fare l’elenco. Vogliamo il Nobel. Oppure ridateci una dignita’.Ridateci l’europa.

    0
    0
  32. dopo l’elogio all’Amam,Accorinti ha ragione nell’affermare che la citta’ merita il Nobel per la Pace. I buddaci lo meritano per la loro innata capacita’ di sopportazione, per la loro tolleranza, per la mitezza d’animo. La 13a citta’ d’Italia, metropolitana (!), che ogni giorno affronta un’emergenza da terzo mondo e non reagisce, ma spera e aspetta. Prima i rifiuti, poi l’acqua, e i tir, e gli allagamenti, e gli alberi che si schiantano, e le frane sulle strade e le autostrade, e i viadotti che restano ad una corsia per anni, e il porto che si insabbia ogni settimana, e lo Stretto sempre piu’ largo per le FS che ci hanno piantato e .mi sono stancato di fare l’elenco. Vogliamo il Nobel. Oppure ridateci una dignita’.Ridateci l’europa.

    0
    0
  33. LA NASA TROVA L’ACQUA SU MARTE , L’AMAM NON LA TROVA A MESSINA

    0
    0
  34. LA NASA TROVA L’ACQUA SU MARTE , L’AMAM NON LA TROVA A MESSINA

    0
    0
  35. Lillo pellizzotto 29 Ottobre 2015 09:13

    Mi viene difficile commentare
    Questa problematica ha radici profonde e la questione fiume freddo Alcatraz affonda nelle Notre dei tempi nessuna amministrazione si è mai curata di risolvere il problema dopo la famosa crisi idrica degli anni 70
    Non si capisce perché la condotta a lcantara e interrotta ad ali da diversi anni
    Vorrei ricordare il contenzioso di molto tempo addietro quando si rivolta toni gli agricoltori cara mesi
    Ancora ricordo la questione economica quando per una condotta praticamente messinesi chiesero circa 0,80 per metro cubo
    Ma da qui alla solenne incapacità attuale c’è ne passa
    A voi le valutazioni

    0
    0
  36. Lillo pellizzotto 29 Ottobre 2015 09:13

    Mi viene difficile commentare
    Questa problematica ha radici profonde e la questione fiume freddo Alcatraz affonda nelle Notre dei tempi nessuna amministrazione si è mai curata di risolvere il problema dopo la famosa crisi idrica degli anni 70
    Non si capisce perché la condotta a lcantara e interrotta ad ali da diversi anni
    Vorrei ricordare il contenzioso di molto tempo addietro quando si rivolta toni gli agricoltori cara mesi
    Ancora ricordo la questione economica quando per una condotta praticamente messinesi chiesero circa 0,80 per metro cubo
    Ma da qui alla solenne incapacità attuale c’è ne passa
    A voi le valutazioni

    0
    0
  37. A proposito dell’acquedotto ALCANTARA, tracciato come quello di FIUMEFREDDO in terreni impervi, circa 66 km, con lunghe gallerie di oltre 3 km, venne portato a termine nel 1967, a quella data Messina è passata da una portata di 350 l/sec ( 250 l/sec della Santissima + 100 l/sec di altri pozzi) ad una portata nei mesi invernali e primaverili di 850 l/sec, ridotta nei periodi estivi o anni peggiori di siccità a 480 l/sec. Dicevo che ALCANTARA nel 2009, sindaco BUZZANCA, fu colpevolmente abbandonata, non sappiamo bene il perché, i costi, il superamento dei 974,6 l/sec assegnati alla nostra città?

    0
    0
  38. A proposito dell’acquedotto ALCANTARA, tracciato come quello di FIUMEFREDDO in terreni impervi, circa 66 km, con lunghe gallerie di oltre 3 km, venne portato a termine nel 1967, a quella data Messina è passata da una portata di 350 l/sec ( 250 l/sec della Santissima + 100 l/sec di altri pozzi) ad una portata nei mesi invernali e primaverili di 850 l/sec, ridotta nei periodi estivi o anni peggiori di siccità a 480 l/sec. Dicevo che ALCANTARA nel 2009, sindaco BUZZANCA, fu colpevolmente abbandonata, non sappiamo bene il perché, i costi, il superamento dei 974,6 l/sec assegnati alla nostra città?

    0
    0
  39. Egregio signor Burrascanu, quello che mi fa paura è che i forconi a Messina non li piglia nessuno. Ci possono fare di tutto e di più ma nessuno concretamente fa nulla! Una volta sola ho visto alzare la schiena a questa martoriata citta: quando vi fu il fallimento del Messina calcio. Ricorda il blocco alla Turist e i cortei difronte Palazzo Zanca? Bene! Purtroppo i messinesi ( me compreso) sono questi.

    0
    0
  40. Egregio signor Burrascanu, quello che mi fa paura è che i forconi a Messina non li piglia nessuno. Ci possono fare di tutto e di più ma nessuno concretamente fa nulla! Una volta sola ho visto alzare la schiena a questa martoriata citta: quando vi fu il fallimento del Messina calcio. Ricorda il blocco alla Turist e i cortei difronte Palazzo Zanca? Bene! Purtroppo i messinesi ( me compreso) sono questi.

    0
    0
  41. E LA litania ricomincia:la colpa è di buzzanca e’ di provvidenti e di me nonna e siccome la colpa è diquellicheceranoprima noi che semuscattri non facemu nenti .ma di cosa andate ancora a parlare ,state li da quasi tre anni ed ancora avemus a litania.ma aiddattivi do c…u.

    0
    0
  42. E LA litania ricomincia:la colpa è di buzzanca e’ di provvidenti e di me nonna e siccome la colpa è diquellicheceranoprima noi che semuscattri non facemu nenti .ma di cosa andate ancora a parlare ,state li da quasi tre anni ed ancora avemus a litania.ma aiddattivi do c…u.

    0
    0
  43. Francamnente che il vertice in Prefettura venga convocato solo oggi è vergognoso. E’ inutile prendercela con la sfortuna è una città male amministrata dove anche il responsabile del governo è un inetto e spero di non essere censurato per questo. Ma le colpe maggiori sono le nostre che non ci ribelliamo mai, accettiamo di tutto la spazzatura che staziona giorni sui marcipiedi, le bollette della Tari che aumentano, strade piene di buche, marciapiedi lerci, alberi che cadono e ora mla mancanza d’acqua per chissà quanti giorni. Facciamo tutti schifo

    0
    0
  44. Francamnente che il vertice in Prefettura venga convocato solo oggi è vergognoso. E’ inutile prendercela con la sfortuna è una città male amministrata dove anche il responsabile del governo è un inetto e spero di non essere censurato per questo. Ma le colpe maggiori sono le nostre che non ci ribelliamo mai, accettiamo di tutto la spazzatura che staziona giorni sui marcipiedi, le bollette della Tari che aumentano, strade piene di buche, marciapiedi lerci, alberi che cadono e ora mla mancanza d’acqua per chissà quanti giorni. Facciamo tutti schifo

    0
    0
  45. V per vendetta2 29 Ottobre 2015 11:13

    ingegner Makoto Ishikawa in appena sei giorni è riuscito a sistemare e rendere nuovamente attiva la Great Kanto Highway, autostrada squassata dal terremoto registrato in Giappone lo scorso 11 marzo. La porzione di strada interessata dai lavori misura 150 metri ed è stata rimessa a nuovo fra il 17 ed il 23 marzo, grazie alla celerità di istituzioni e dell’azienda responsabile dei lavori. I nostri ingegneri “luminari nel settore ;-)”” ancora sono seduti ad un tavolo tecnico….. povera messina

    0
    0
  46. V per vendetta2 29 Ottobre 2015 11:13

    ingegner Makoto Ishikawa in appena sei giorni è riuscito a sistemare e rendere nuovamente attiva la Great Kanto Highway, autostrada squassata dal terremoto registrato in Giappone lo scorso 11 marzo. La porzione di strada interessata dai lavori misura 150 metri ed è stata rimessa a nuovo fra il 17 ed il 23 marzo, grazie alla celerità di istituzioni e dell’azienda responsabile dei lavori. I nostri ingegneri “luminari nel settore ;-)”” ancora sono seduti ad un tavolo tecnico….. povera messina

    0
    0
  47. Lei sa se il viaggio era a carico nostro o lo pagava con i suoi soldi?
    Comunque meglio che non sia partito altrimenti avremmo fatto noi cittadini una figura di m…da davanti agli altri sindaci che non si sarebbero spiegati come facciamo a tenerci un sindaco che indossa la maglietta pro tibet e non quella pro Messina, città all’ultimo posto, che compete con i paesi del 4° mondo, dato che siamo proprio nel quarto mondo grazie a lui e dai suoi accoliti assessori del tubo, che non hanno idea di cosa fare, ma sanno bene quanto guadagnano con i soldi da noi pagati per mantenerli.Ora chiederà la calamità naturale, si doveva chiedere subito quando è stato eletto e ha presentato la lista degli assessori. Quella si è stata una vera calamità.

    0
    0
  48. Lei sa se il viaggio era a carico nostro o lo pagava con i suoi soldi?
    Comunque meglio che non sia partito altrimenti avremmo fatto noi cittadini una figura di m…da davanti agli altri sindaci che non si sarebbero spiegati come facciamo a tenerci un sindaco che indossa la maglietta pro tibet e non quella pro Messina, città all’ultimo posto, che compete con i paesi del 4° mondo, dato che siamo proprio nel quarto mondo grazie a lui e dai suoi accoliti assessori del tubo, che non hanno idea di cosa fare, ma sanno bene quanto guadagnano con i soldi da noi pagati per mantenerli.Ora chiederà la calamità naturale, si doveva chiedere subito quando è stato eletto e ha presentato la lista degli assessori. Quella si è stata una vera calamità.

    0
    0
  49. Spero che la magistratura controlli a tappeto xxxxxxxxxxx.
    Indaghi anche la società Siciliacque da quando è costituita ad oggi e perchè gestisce l’acqua dell’alcantara, che acqua di tutti non di una società che potrebbe essere xxxxxxxxxxxxxxxx????

    0
    0
  50. Spero che la magistratura controlli a tappeto xxxxxxxxxxx.
    Indaghi anche la società Siciliacque da quando è costituita ad oggi e perchè gestisce l’acqua dell’alcantara, che acqua di tutti non di una società che potrebbe essere xxxxxxxxxxxxxxxx????

    0
    0
  51. imprenditore messinese 29 Ottobre 2015 11:57

    Amici concittadini, manteniamo la calma e prepariamoci a cambiare. Identifichiamo persone capaci intorno a noi e – se è il caso – diamo anche la disponibilità personale a buttarci nell’agone politico per quando si andrà a votare. Ma nel frattempo cerchiamo di stare calmi perché la città è una bomba pronta ad esplodere e le conseguenze PER TUTTI potrebbero essere più gravi della cause..

    0
    0
  52. imprenditore messinese 29 Ottobre 2015 11:57

    Amici concittadini, manteniamo la calma e prepariamoci a cambiare. Identifichiamo persone capaci intorno a noi e – se è il caso – diamo anche la disponibilità personale a buttarci nell’agone politico per quando si andrà a votare. Ma nel frattempo cerchiamo di stare calmi perché la città è una bomba pronta ad esplodere e le conseguenze PER TUTTI potrebbero essere più gravi della cause..

    0
    0
  53. scusi,quell’ingegnere era giapponese mica faceva parte della squadra TIBETANA.i tibetani sono distanti anni luce dai buddaci che già sono una razza primitiva.

    0
    0
  54. scusi,quell’ingegnere era giapponese mica faceva parte della squadra TIBETANA.i tibetani sono distanti anni luce dai buddaci che già sono una razza primitiva.

    0
    0
  55. le solite sciocchezze di mariedit! Adesso parla degli anni cinquanta… sessanta… settanta…, io, al posto suo, tornerei al tempo dei Greci…
    Vuoi vedere che la colpa è la loro se il tibetano scalzo non ha idea di come risolvere la situazione?
    Oggi, alla riunione in Prefettura, era assente… Forse era a farsi a doccia nella sua casa di Taormina… No, impossibile, non credo proprio che si sia fatto una doccia…. non siamo ancora a Natale.

    0
    0
  56. le solite sciocchezze di mariedit! Adesso parla degli anni cinquanta… sessanta… settanta…, io, al posto suo, tornerei al tempo dei Greci…
    Vuoi vedere che la colpa è la loro se il tibetano scalzo non ha idea di come risolvere la situazione?
    Oggi, alla riunione in Prefettura, era assente… Forse era a farsi a doccia nella sua casa di Taormina… No, impossibile, non credo proprio che si sia fatto una doccia…. non siamo ancora a Natale.

    0
    0
  57. Antonio sono d’accordo. Una cosa così banale. Il bello che gli diamo dei bei soldini. Scavare su un terreno che frana. Siamo ridicoli.

    0
    0
  58. Antonio sono d’accordo. Una cosa così banale. Il bello che gli diamo dei bei soldini. Scavare su un terreno che frana. Siamo ridicoli.

    0
    0
  59. Basta un by pass che scavalca la frana. Ma com’è possibile liberare un tubo da un terreno molle. Pura follia. Sarei curioso di sapere come quanti metri sono riusciti a liberare. Per la vergogna nessuno lo dice.

    0
    0
  60. Basta un by pass che scavalca la frana. Ma com’è possibile liberare un tubo da un terreno molle. Pura follia. Sarei curioso di sapere come quanti metri sono riusciti a liberare. Per la vergogna nessuno lo dice.

    0
    0
  61. se a Genova,Milano,Livorno,Roma o in qualunque altra città d’Italia capita un evento disastroso,anche alluvione,il primo a cui i cittadini chiedono ragione è Il SINNACO e lo mandano anche a casa( vedi Marino). se capita a Messina la colpa è di quellidiprima:Buzzanca O Provvidenti e se la cosa è più vecchia, di mia Nonna (che è morta nel 1954).i galoppini ce l’hanno sempre un mostro.allora il tibetano che si arrampicava sul pilone(MENO MALE CHE NON è CADUTO),per cosa si è battuto in 30 anni? Per dichiarare dopo quasi tre anni che lui ai buddaci i problemi non li risolve perchè devono cercare quellidiprima!e c’era bisogno di fare il sindaco,potevi gridarlo dal Pilone.a Genova il sindaco lo stavano linciando anche se eletto da 3 mesi.

    0
    0
  62. se a Genova,Milano,Livorno,Roma o in qualunque altra città d’Italia capita un evento disastroso,anche alluvione,il primo a cui i cittadini chiedono ragione è Il SINNACO e lo mandano anche a casa( vedi Marino). se capita a Messina la colpa è di quellidiprima:Buzzanca O Provvidenti e se la cosa è più vecchia, di mia Nonna (che è morta nel 1954).i galoppini ce l’hanno sempre un mostro.allora il tibetano che si arrampicava sul pilone(MENO MALE CHE NON è CADUTO),per cosa si è battuto in 30 anni? Per dichiarare dopo quasi tre anni che lui ai buddaci i problemi non li risolve perchè devono cercare quellidiprima!e c’era bisogno di fare il sindaco,potevi gridarlo dal Pilone.a Genova il sindaco lo stavano linciando anche se eletto da 3 mesi.

    0
    0
  63. certo… certo… la colpa non è dello scalzo, ma di quellidiprima.
    Ma non ti vergogni? ma quanto ti danno per scrivere tante sciocchezze? ti pagano a risposta o a parola? e per i copia-incolla, ti pagano al 50%?

    0
    0
  64. certo… certo… la colpa non è dello scalzo, ma di quellidiprima.
    Ma non ti vergogni? ma quanto ti danno per scrivere tante sciocchezze? ti pagano a risposta o a parola? e per i copia-incolla, ti pagano al 50%?

    0
    0
  65. In Giappone hanno Makoto Ishikawa? In Italia abbiamo: Renzi – Crocetta e… il tibetano scalzo

    0
    0
  66. In Giappone hanno Makoto Ishikawa? In Italia abbiamo: Renzi – Crocetta e… il tibetano scalzo

    0
    0
  67. Non riesco a capire il senso di dare un incarico di presidente ad un commercialista che di acqua, annessi e connessi non ha neppure la lontana idea. Infatti appena si scioglie la neve si vedono i buchi, e se a quello che sta accadendo non ci fosse il Dir.La Rosa, adesso i4 scappatidicasa, sarebbero tutti nelle chiese a pregare che avvenga un miracolo. Gente inutile che viene messa al posto sbagliato, chi insegna ed. fisica non può fare il sindaco, un avvocato non può fare il chirurgo, un commercialista ecc. ecc,torni a fare i conti, magari solo i propri.A Signorino e Accorinti che lo hanno messo a quel posto non dico nulla, se mi leggono e lo spero, sanno già cosa vorrei dire loro ma non posso,sarei non solo censurato ma denunciato.

    0
    0
  68. Non riesco a capire il senso di dare un incarico di presidente ad un commercialista che di acqua, annessi e connessi non ha neppure la lontana idea. Infatti appena si scioglie la neve si vedono i buchi, e se a quello che sta accadendo non ci fosse il Dir.La Rosa, adesso i4 scappatidicasa, sarebbero tutti nelle chiese a pregare che avvenga un miracolo. Gente inutile che viene messa al posto sbagliato, chi insegna ed. fisica non può fare il sindaco, un avvocato non può fare il chirurgo, un commercialista ecc. ecc,torni a fare i conti, magari solo i propri.A Signorino e Accorinti che lo hanno messo a quel posto non dico nulla, se mi leggono e lo spero, sanno già cosa vorrei dire loro ma non posso,sarei non solo censurato ma denunciato.

    0
    0
  69. Cari soliti noti di solite bandiere PD fi ecc ecc cari Saitta e ecc ecc vogliamo una messina a 5 stelle!!!!!!

    0
    0
  70. Cari soliti noti di solite bandiere PD fi ecc ecc cari Saitta e ecc ecc vogliamo una messina a 5 stelle!!!!!!

    0
    0
  71. Almeno a villa cianciafara chi distribuisce l acqua nei condomini di zafferia sta guadagnando bene in questa emergenza……potete venire tutti ed ordinare la vostra autobotte a 100 euro per 8000 litri di acqua

    0
    0
  72. Almeno a villa cianciafara chi distribuisce l acqua nei condomini di zafferia sta guadagnando bene in questa emergenza……potete venire tutti ed ordinare la vostra autobotte a 100 euro per 8000 litri di acqua

    0
    0
  73. perche è amico suo…compagno di merende…

    0
    0
  74. perche è amico suo…compagno di merende…

    0
    0
  75. sembrerebbe che sia stata segnalata una immane calca con risse (a fatica sedate dalle forze dell’ordine schierate in tenuta antisommossa), per potersi aggiudicare la dotazione minima personale del sacro e raro liquido vitale, e code lunghissime con ingorghi di auto pazzeschi, si sono registrati presso la casa comunale non appena i messinesi hanno consapevolizzato che la “Gestione Accorinti” fa acqua da tutte le parti.Si sono visti anche taniche da 6000 litri da
    portare sotto casa del…….

    0
    0
  76. sembrerebbe che sia stata segnalata una immane calca con risse (a fatica sedate dalle forze dell’ordine schierate in tenuta antisommossa), per potersi aggiudicare la dotazione minima personale del sacro e raro liquido vitale, e code lunghissime con ingorghi di auto pazzeschi, si sono registrati presso la casa comunale non appena i messinesi hanno consapevolizzato che la “Gestione Accorinti” fa acqua da tutte le parti.Si sono visti anche taniche da 6000 litri da
    portare sotto casa del…….

    0
    0
  77. No per favore, già ci è bastato Accorinti.

    0
    0
  78. No per favore, già ci è bastato Accorinti.

    0
    0
  79. letterio.colloca 30 Ottobre 2015 17:12

    Qui sono SCIENZIATI o INCAPACI!!!!!

    0
    0
  80. letterio.colloca 30 Ottobre 2015 17:12

    Qui sono SCIENZIATI o INCAPACI!!!!!

    0
    0
  81. V per vendetta2 3 Novembre 2015 20:12

    Scusate ma nell’era della tecnologia ma dico un’e-mail dico una non mille all’Ing. Makoto Ishikawa con allegata la planimetria del territorio e della condotta idrica per chiedere come fare per fronteggiare questa emergenza…….no ma tanto anche un bambino sa fare questo piccolo progetto
    /————-
    /si chiama
    ________/ bypass 😉 ________

    0
    0
  82. V per vendetta2 3 Novembre 2015 20:12

    Scusate ma nell’era della tecnologia ma dico un’e-mail dico una non mille all’Ing. Makoto Ishikawa con allegata la planimetria del territorio e della condotta idrica per chiedere come fare per fronteggiare questa emergenza…….no ma tanto anche un bambino sa fare questo piccolo progetto
    /————-
    /si chiama
    ________/ bypass 😉 ________

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007