Niente ascensori per i malati. Trasportati in barella da un piano all’altro - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Niente ascensori per i malati. Trasportati in barella da un piano all’altro

Niente ascensori per i malati. Trasportati in barella da un piano all’altro

giovedì 12 Gennaio 2012 - 15:28
Niente ascensori per i malati. Trasportati in barella da un piano all’altro

Fuori uso gli ascensori per trasportare i pazienti da un piano all’altro all’ospedale universitario.

Tutti gli ascensori per il trasporto dei pazienti in barella sono in tilt. E per far eseguire gli esami di routine necessari ai ricoverati si devono trasportare i pazienti in barella da un piano all’altro. Succede al padiglione C del Policlinico universitario. Numerose le segnalazioni dei lettori che stamattina hanno assistito al trasferimento di una donna ricoverata al terzo piano, che ha dovuto lasciare il suo letto del reparto, è stata trasferita su una barella e a braccia il personale del 118 ha provveduto a fare scendere fino al piano terra per consentirle di essere sottoposta ad alcune analisi.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Racconto l’esperienza recente di un parente,ricoverato al PRONTO SOCCORSO del Policlinico di Messina,paragonandola a quelle avute al Papardo e in una città del nord est,quasi sempre prima in tutte le classifiche sulla qualità della vita.Non ho trovato differenze fra Policlinico e nord est rispetto alle professionalità dei medici ed infiermieri,ma differenze evidenti a favore del nord est nella logistica,cioè nel numero delle postazioni di lavoro e del personale,sia medico che infiermeristo,notando al Policlinco uno stress dovuto alla mole di interventi spesso complessi.Non paragonabile è il confort delle sale di attesa, una per codice nel nord est e sedie molto confortevoli per le lunghe attese nei codici meno pericolosi.Angusta e senza privacy,dalle dimensioni molto insufficienti,comune a tutti i codici,è quella del Policlinico.A favore del Policlinico è il reparto che chiamano OSSERVAZIONE dei casi più complessi,con buona qualità dei medici,scrupolosi nella compilazione della CARTELLA CLINICA(a livello del nord est) e nel rapporto con i colleghi dei reparti,a cui mandano chi è osservato per ben 2 giorni.La professionalità degli infiermieri dell’OSSERVAZIONE è molto alta.Quello del PAPARDO NON E’ UN PRONTO SOCCORSO,per l’esperienza NEGATIVA fatta,sancita da un foglio di uscita,scolorito e superficiale,che non è cartella clinica.
    Al PRONTO SOCCORSO del Policlinico servono spazi e personale,per gli spostamenti ai reparti,fatti con l’ambulanza interna,credo ci sia poco da fare.
    Andate con fiducia al PRONTO SOCCORSO del Policlinico

    0
    0

Rispondi a mariedit Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007