Le responsabilità della scienza, olocausto, Montale, il bene comune e i giovani e la crisi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Le responsabilità della scienza, olocausto, Montale, il bene comune e i giovani e la crisi

Le responsabilità della scienza, olocausto, Montale, il bene comune e i giovani e la crisi

mercoledì 20 Giugno 2012 - 07:05
Le responsabilità della scienza, olocausto, Montale, il bene comune e i giovani e la crisi

Ecco le tracce dei temi sui quali si sono cimentati quasi 500mila studenti italiani. In provincia di Messina, esami per 5.855 ragazzi

Hanno preso il via, con la comunicazione delle tracce dei temi d’italiano, gli esami di Stato dell’anno scolastico 2011/2012. E’ l’anno del plico telematico, niente più cartaceo. Le tracce sono arrivate via web sulle caselle delle scuole alle quali possono accedere solo i présidi, tramite i codici forniti dal Ministero.
Diverse le tipologie di scelta per i temi da affrontare: il tema di letteratura, il tema storico, il tema di attualità e l’articolo di giornale o saggio breve.
L’analisi di letteratura va effettuata su un testo di Eugenio Montale, «Ammazzare il tempo», tratto da «Auto da fè. Cronache in due tempi», saggio del 1966.
Per il tema storico, è possibile affrontare il triste evento dell’eccidio degli ebrei da parte dei nazisti (traendo spunto da una frase di Hannah Arendt).
Per il tema d’attualità, la crisi vista dai giovani (partendo dalla frase di Paul Nizan: “Avevo vent’anni… Non permetterò a nessuno di dire che questa è la più bella età della vita”, del libro Aden Arabia).
Il saggio breve o articolo di giornale è suddiviso in ambito scientifico, artistico-letterario e socio-politico. L’ambito scientifico verte sulle responsabilità della scienza e della tecnologia, partendo da una frase di Hans Jonas, “Il principio responsabilità. Un’etica per la civiltà tecnologica” e citando brani di Primo Levi, Leonardo Sciascia, Pietro Greco e Margherita Hack. L’ambito artistico-letterario sul “labirinto”, tramite i dipinti Minotauromachia di Picasso, Pasiphae di Pollock e La relatività di Escher. L’ambito socio-politico riguarda il rapporto tra bene comune e individuale, con frasi di Jean Jacques Rousseau e Tommaso D’Aquino.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. che tracce
    che tracce avulse dal contesto scolastico!
    Eugenio Montale non si sfiora nenche nel programma d’Italiano.
    la crisi e i givani: i brani erano riferiti alla disccupazione givanile e l’ultimo esaltava Jobs
    tecnologia e scienza: la falsa neutalità della scienza.con brani che facevano riferimento ad E. Majorana e le cue antiADIs in Africa.
    Ancora una riprova che chi elabora le tracce è lontano anni luce dall’ambito scolatico

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x