Il monito di Palano Quero: “Recuperare subito gli arredi dell’ex isola pedonale” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il monito di Palano Quero: “Recuperare subito gli arredi dell’ex isola pedonale”

Ma. Ip.

Il monito di Palano Quero: “Recuperare subito gli arredi dell’ex isola pedonale”

Ma. Ip. |
mercoledì 26 Novembre 2014 - 15:13
Il monito di Palano Quero: “Recuperare subito gli arredi dell’ex isola pedonale”

Il presidente della IV circoscrizione scrive al sindaco e al segretario generale chiedendo che il Comune acquisisca le bici fioriere che i commercianti sono disposti a donare. L’unica alternativa è quella di restituirle ai proprietari autorizzandoli a collocarle altrove

O acquisirli al patrimonio comunale o restituirli ai legittimi proprietari. Di certo, non lasciarli abbandonati. Il presidente della IV circoscrizione, Francesco Palano Quero, scrive al sindaco Renato Accorinti ed al segretario generale Antonio Le Donne per chiedere il riutilizzo degli arredi urbani accatastati nell’area dell’ex Gasometro, dopo la chiusura dell’isola pedonale.

Appartengono ai commercianti che li hanno fatti realizzare e che si erano detti disponibili a donarli al Comune. C’era anche un indirizzo di giunta in tal senso, che però non ha avuto seguito, pare a causa della mancanza delle prescrizioni e dei requisiti normativi di sicurezza e degli standard comunitari. “Ma questo era più che ovvio – scrive Palano Quero – considerata la loro realizzazione artigianale. Inoltre l’Avvocatura ha indicato come possibile tale procedimento, anche perché l’azienda costruttrice è certificata”.

L’obiettivo è quello di ricollocarli, evitando che “marciscano” e subiscano danni, o acquisendoli al patrimonio comunale oppure dando l’autorizzazione ai proprietari. “Comunque non lasciamoli là – conclude il presidente della IV circoscrizione -, sarebbe un triste epilogo ad una storia messinese di grande civismo e appartenenza alla cosa pubblica. L’auspicio, in ogni caso, è che gli attori istituzionali in campo trovino finalmente una condivisione e un accordo per ampliare, migliorare, investire e modificare l’attuale conformazione dell’area pedonale Cairoli, troppo esigua, nell’interesse della città”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. ma metterle in ogni angolo di marciapiede per impedire il prcheggio selvaggio??e magari risparmiare i soldi per quegli scempi di marciapiedi che stanno realizzando vicino alla forestale??

    0
    0
  2. ma metterle in ogni angolo di marciapiede per impedire il prcheggio selvaggio??e magari risparmiare i soldi per quegli scempi di marciapiedi che stanno realizzando vicino alla forestale??

    0
    0
  3. il nuovo nulla che vanaza

    0
    0
  4. il nuovo nulla che vanaza

    0
    0
  5. Ho scoperto che il Prof Palano Quero ha un banco per il commercio dei prodotti agricoli in Piazza del Popolo (Campagna amica). Perchè non si interessa per fare mettere ordine? Forse perchè era una delle poche iniziative intelligenti sorte a Messina nell’ultimo ventennio? Ci vuole molto a chiedere l’intervento di VV.UU. e carabinieri per fare rimuovere ciò che non è pertinente? Oppure neanche gli agricoltori pagano la tassa per l’occupazione del suolo pubblico?

    0
    0
  6. Ho scoperto che il Prof Palano Quero ha un banco per il commercio dei prodotti agricoli in Piazza del Popolo (Campagna amica). Perchè non si interessa per fare mettere ordine? Forse perchè era una delle poche iniziative intelligenti sorte a Messina nell’ultimo ventennio? Ci vuole molto a chiedere l’intervento di VV.UU. e carabinieri per fare rimuovere ciò che non è pertinente? Oppure neanche gli agricoltori pagano la tassa per l’occupazione del suolo pubblico?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007