Fase 2 non è via libera: la denuncia dei comitati alla ripresa movida messinese - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Fase 2 non è via libera: la denuncia dei comitati alla ripresa movida messinese

Emanuela Giorgianni

Fase 2 non è via libera: la denuncia dei comitati alla ripresa movida messinese

giovedì 21 Maggio 2020 - 08:10
Fase 2 non è via libera: la denuncia dei comitati alla ripresa movida messinese

Coronavirus. La fase 2 è stata scambiata per il via libera ad assembramenti e divertimento sfrenato fino a tarda notte. Questa è la denuncia del Comitato Civico "Centro Storico Vivibile" e del Gruppo "Rispetto Messina" alla ripresa della movida messinese senza alcun rispetto delle disposizioni di sicurezza.

Dal “vi ordino di stare a casa” allo “scatenate l’inferno”, questo è forse il modo in cui molti messinesi stanno vivendo il passaggio dalla Fase uno alla Fase due della pandemia in corso. Da qui nasce la denuncia che il Comitato Civico “Centro Storico Vivibile” e il Gruppo “Rispetto Messina” rivolgono al Sindaco ed alla sua Amministrazione, al Prefetto, al Questore e, per quanto di loro competenza, alle altre Autorità Sanitarie.

Le riaperture senza rispetto delle disposizioni di sicurezza

“Con la ripresa delle attività degli esercizi commerciali sono stati riaperti anche alcuni dei locali situati nel centro storico della città nella zona della movida, quali lounge bar e locali che somministrano bevande alcoliche.

Ma le modalità di tale riapertura, in alcune aree come via Cardines e le stradine limitrofe, si sono svolte senza il rispetto delle disposizioni minime sulla sicurezza personale e dei relativi protocolli previsti. Ciò senza che vi siano stati i controlli necessari per impedire gli assembramenti e la possibilità di diffusione del contagio” dichiarano i comitati

“La reiterazione del rituale autolesionista”

Si è così verificata la reiterazione del rituale autolesionista da parte dei frequentatori di tali locali del “binge drinking” che, per il suo svolgimento, porta alla riduzione delle distanze e ad una pericolosa prossimità promiscua, dato il momento particolare che stiamo vivendo tutti come collettività. Ciò senza utilizzo delle mascherine e del rispetto del distanziamento sociale e con la creazione di assembramenti che si sono protratti con schiamazzi fino alle quattro ed oltre di mattina, a causa anche della assurda e incomprensibile mancata previsione in tutti i decreti e le ordinanze emesse di un orario di chiusura dei vari locali” continuano.

Il virus non è volato via con lo Scirocco

“Viene lecito, quindi, porre una domanda : ma è concepibile e responsabile passare dal coprifuoco alle diciotto, dalle multe per inosservanza delle determinazioni sindacali, anche a chi usciva a prendere una boccata d’aria sotto casa o si recava sulla spiaggia deserta antistante la propria dimora, dal “vi ordino di stare a casa perché il coronavirus è nell’aria”, dai droni che avrebbero dovuto inseguirci e localizzarci, all’indiscriminato liberi tutti ed alla anarchia più totale senza controlli da parte delle varie forze dell’ordine per fare rispettare le regole fatte a tutela della salute di tutti i cittadini?” si chiedono infatti.

“Perché, purtroppo, il virus non è volato via con lo Scirocco ed a causa di soggetti asintomatici e paucisintomatici potrebbe diffondersi se non vengono rispettate le misure previste”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. E comunque mi chiedo dove sono finite tutte quelle pattuglie di polizia municipale, metropolitana, di stato, carabinieri, guardia di finanza.? E ancora non ho capito perché non viene ripristinata la ZTL anche perché ci sono migliaia di residenti che la pagano avendo pagato il secondo pass. Messina è tornata peggio di prima

    2
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007