Femminicidio Ale Musarra, cambia l'accusa per Cristian - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Femminicidio Ale Musarra, cambia l’accusa per Cristian

Alessandra Serio

Femminicidio Ale Musarra, cambia l’accusa per Cristian

mercoledì 24 Febbraio 2021 - 17:53
Femminicidio Ale Musarra, cambia l’accusa per Cristian

I PM cambiano l'accusa per Cristian Ioppolo, imputato del femminicidio della ex Alessandra Musarra, avvenuto a Messina 2 anni fa.

Soffocamento e strozzamento e non strangolamento e percosse. Cambia l’accusa contestata a Cristian Ioppolo, il giovane di Messina accusato del femminicidio della sua ex, Alessandra Musarra, trovata morta nella sua abitazione di Santa Lucia sopra Contesse l’8 marzo del 2019.

Il Pubblico Ministero Marco Accolla ha riscritto l’accusa a carico del 28enne, comunicandolo oggi in aula al processo davanti la Corte d’Assise (presidente Micali), dopo l’acquisizione della perizia commissionata dagli stessi giudici al dottor Leonardo Grimaldi di Roma.

La consulenza, voluta per chiarire alcuni punti sui quali i periti della Procura e quelli di parte si erano pronunciati in maniera quasi opposta, ha parlato di strozzamento con soffocamento, ed ha ampliato la forbice temporale nella quale collocare l’orario della morte.

Il difensore di Cristian, l’avvocato Alessandro Billè, ha a quel punto invocato i termini a difesa per valutare i nuovi elementi e l’udienza è stata aggiornata al 17 marzo prossimo. I nuovi termini, infatti, in teoria aprono la strada alla possibilità per il difensore di chiedere nuovamente il rito abbreviato per Cristian.

Il cambio di imputazione, infatti, non si cristallizza unicamente in un cambio di termini. Contestare il soffocamento vuole dire infatti che potrebbero essere escluse alcune condotte violente ulteriori che si potevano ipotizzare a carico di Cristian, dal maltrattamento all’aggravante della preterintenzionalità.

A questo punto occorrerà capire quindi come vuole muoversi il difensore, cosa eccepiranno eventualmente le parti civili, dalla famiglia di Alessandra alle associazioni contro la violenza di genere, poi probabilmente il processo arriverà ad un passo dalle conclusioni.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x