Festa in maschera, ecco le 8 condanne per il market della droga a Giostra - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Festa in maschera, ecco le 8 condanne per il market della droga a Giostra

Alessandra Serio

Festa in maschera, ecco le 8 condanne per il market della droga a Giostra

martedì 29 Settembre 2020 - 18:15
Festa in maschera, ecco le 8 condanne per il market della droga a Giostra

Otto condanne per gli spacciatori messinesi arrestati nell'operazione Festa in Maschera della Guardia di Finanza sullo spaccio a Giostra.

Sono otto pesanti condanne – tenuto conto che si tratta del processo in abbreviato – quelle decise dal giudice Fabio Pagana per gli imputati dell’inchiesta antidroga a Messina Festa in Maschera.

Ecco nel dettaglio le condanne:  15 anni e 8 mesi a Gaetano Mauro, 10 anni a Giacomo Lo Presti, 6 anni a Domenico Sottile, 10 anni e 2 mesi ad Alessio Papale, 8 anni a Giacomo Russo, 6 anni e 8 mesi a Carlo Ardizzone,7 anni e 2 mesi a Domenico Batessa, 9 anni e 10 mesi a Domenico Papale. Assolto perché il fatto non sussiste Luca Di Silvestro.

L’Accusa, rappresentata dai PM Roberto Conte e Antonella Fradà, aveva sollecitato condanne per tutti fino a 20 anni. Hanno difeso gli avvocati  gli avvocati Salvatore Silvestro, Carolina Stroscio, Daniela Garufi, Katia Veneziani, Giuseppe Donato, Alessandro Trovato e Giuseppe Bonavita.

L’indagine della Guardia di Finanza ha visto la luce lo scorso febbraio: la retata con 11 arresti è scattata proprio nei giorni di Carnevale nello storico rione di Giostra, dove in via degli Appennini (nella foto) alcuni nomi storici del mondo dello spaccio avevano messo su un vero e proprio market della droga, attivo 24 ore su 24.

Nomi come Alessio Papale e Gaetano Mauro – questa la ricostruzione della Procura di Messina, avevano messo in piedi una rete di pusher in grado di garantire lo smercio di hashish ma anche cocaina in tempi rapidissimi. A far scoprire tutto ai finanzieri erano state le conversazioni in carcere di due corrieri arrestati nel 2018, al ritorno da un carico di hashish a Rosarno.

Le intercettazioni dietro le sbarre prima e le cimici in via degli Appennini dopo permisero agli investigatori di svelare che dietro al giro c’era Mauro, un pezzo da ’90 del clan di Giostra, e che una baracca era diventata una base operativa attivissima, gestita da Papale che alle sue dipendente aveva pusher assoldati “a turno”, così da garantire la vendita per l’arco dell’intera giornata.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007