“Andiamo a scuola in Tpl”. Buona la teoria, l'Atm rimandata sulla pratica - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Andiamo a scuola in Tpl”. Buona la teoria, l’Atm rimandata sulla pratica

Francesca Stornante

“Andiamo a scuola in Tpl”. Buona la teoria, l’Atm rimandata sulla pratica

venerdì 21 Febbraio 2014 - 13:24
“Andiamo a scuola in Tpl”. Buona la teoria, l’Atm rimandata sulla pratica

Pagella di fine primo quadrimestre per un progetto avviato lo scorso 21 ottobre e dicui si è parlato pochissimo. Doveva essere un esperimento ma non si hanno ancora dati ufficiali su come sta funzionando. Noi siamo andati a vedere cosa accade tra le 7 e le 7.30 del mattino al capolinea Gazzi

Esattamente 4 mesi fa partiva uno dei primi esperimenti dell’amministrazione Accorinti nel difficilissimo settore della mobilità cittadina. “Andiamo a scuola in Tpl” è stato forse il progetto di battesimo per l’assessore Gaetano Cacciola che la mattina del 21 ottobre, e poi per molti giorni a seguire, ha puntato la sveglia al mattino presto per toccare con mano se l’idea elaborata per dare agli studenti messinesi un sistema alternativo per andare ogni giorno a scuola funzionasse davvero. Perché si sa, passare dalla teoria alla pratica è sempre difficile e lo diventa ancor di più in una città come Messina quando si parla di trasporti.

Che cos’era “Andiamo a scuola in Tpl”? Per chi non lo ricordasse più è il piano che prevede un servizio di bus e tram concentrato nella fascia oraria che va dalle 7 alle 7.30, la più critica per il traffico di studenti che raggiungono le scuole. Sono stati istituiti cinque sistemi a pettine, due dei quali servono i capolinea Gazzi e Annunziata gli altri tre viale Giostra (con fermata in corrispondenza di via Torrente Trapani), viale Boccetta e, dalla fermata di fronte al Municipio, la zona tra via Cesare Battisti e corso Cavour. Per funzionare però il progetto aveva bisogno di un fattore principale: garantire in quella fascia oraria la frequenza del tram ogni sette minuti. Solo così, infatti, il sistema di interscambio con i bus avrebbe funzionato alla perfezione. Per fare ciò era stata stabilita la partenza di tre vetture dai due capolinea alle 7.15, alle 7.22 e alle 7.30, orari che erano stati studiati in modo da corrispondere all’arrivo ai capolinea dei bus che provengono dai villaggi e subito dopo con la partenza degli altri mezzi che portano i ragazzi a scuola. Sistema che può filare senza difficoltà solo se si mettono in moto almeno 7 tram.

Ma oggi, a distanza di quattro mesi, cosa è accaduto al famoso Tpl? Siamo andati a vedere con i nostri occhi che cosa succede in una normale mattinata della settimana a chi decide di muoversi da casa a scuola a bordo dei mezzi pubblici. Mercoledì mattina siamo stati al capolinea del tram di Gazzi per vedere se davvero i ragazzi in questi quattro mesi hanno imparato cosa significa “trasporto pubblico locale”. Intanto, dei tre tram previsti sulla carta, ne abbiamo visti partire solo due, uno alle 7.15 e uno alle 7.30. Sparito il tram delle 7.22, quello che cioè doveva scandire la differenza di soli sette minuti tra le due partenze. Purtroppo però all’Atm bisogna fare i conti anche con ciò che c’è a disposizione e con un parco mezzi che non consente grandi rivoluzioni. E dunque il tram, anche se con difficoltà, funziona, non però come da progetto. Salta così uno dei capisaldi di ”Andiamo a scuola in Tpl” che diventa un normalissimo servizio di trasporto pubblico che poco ha di sperimentale.

Mercoledì mattina tanti ragazzi sono giunti al capolinea di Gazzi con i bus che arrivavano dai villaggi. I tram sono partiti a intervalli di 15 minuti l’uno dall’altro, in questo modo però rispettare gli orari delle coincidenze con gli altri mezzi diventa difficilissimo e addio Tpl scuola. Abbastanza puntuali gli 8 bus giunti in quella fascia oraria dalla zona sud, nessuno ha infatti superato i 10 minuti di ritardo. Poco o nulla utilizzato il bus 17 nel suo proseguimento progettato per gli istituti ubicati sul viale Boccetta e quasi scomparso il circuito cittadino del numero 15 che avrebbe dovuto con una "circolare" servire le scuole del centro nel quadrilatero Cannizzaro-Battisti– Garibaldi- Cavour e presente solo a singhiozzo, mezzi permettendo, il 53 destinato sul viale giostra a studenti di Antonello e Marconi.

In questi mesi nessuno ha più parlato del progetto, doveva essere un esperimento ma non sappiamo se e quali frutti ha prodotto. Abbiamo dunque interpellato l’assessore Cacciola che ha spiegato che il servizio continua ad andare avanti, ma che non mancano le difficoltà e gli intoppi, soprattutto a causa di quel parco mezzi ridotto all’osso. Non siamo riusciti a sapere se i risultati dell’esperimento sono positivi o negativi, probabilmente non si è ancora capito. Qualche dato certo però c’è: i mezzi erano abbastanza pieni, ma sono troppo pochi per garantire determinati servizi.

Limitarsi ad un solo giorno di osservazione però può essere riduttivo e dunque, per monitorare tutto l’andamento di questi mesi siamo tornati indietro andando a verificare quanti tram sono stati messi in servizio da ottobre ad oggi perché, lo ripetiamo, il Tpl ha bisogno di almeno sette vetture in circolazione per rispettare gli intenti per cui è nato. Si scopre che nel mese di gennaio, dal rientro dei ragazzi a scuola, solo in quattro giornate l’Atm è riuscita a far uscire sette tram, precisamente il 21, 22, 27 e 31 gennaio. Il periodo in cui ha funzionato meglio è stato quello compreso tra la fine di novembre e la pausa natalizia degli studenti. Dal 21 novembre al 18 dicembre infatti hanno circolato sempre sette tram tranne in sei giornate in cui ne sono stati messi in circolazione cinque o sei.. Non è andata bene ancora prima, dal 21 ottobre al 20 novembre, mese in cui il piano è stato rispettato alla perfezione solo per nove giorni, mentre nei restanti sono usciti cinque o sei macchine. Questo piccolo report è lo specchio di quanto, nonostante gli sforzi, la buona volontà e le idee non bastano. E può essere anche lo spunto di riflessione in prospettiva futura se si guarda al progetto di integrazione con la metroferrovia. Il sistema dovrebbe essere molto simile, con tram e bus che si interscambiano, ma sicuramente si verificherebbero gli stessi identici problemi. E sarà così fino a quando i tram saranno così pochi e i bus in strada non saranno più di 30, come è successo mercoledì, quando al mattino ne erano usciti 39 e durante la giornata in 9 sono stati costretti a rientrare per guasti vari. L’ideale sarebbe avere a disposizione 10 tram, con partenze ogni 9 minuti, mentre oggi ci si deve accontentare di vederne partire uno ogni 15, se non ci sono intoppi.

Tornando al Tpl una sensazione emersa ascoltando qualche viaggiatore è che la gente è stata un po’ disorientata da questi orari che non sempre vengono rispettati, soprattutto per quanto riguarda i tram in quella fascia oraria mattutina. Servirebbe un “memorario” cadenzato con partenze fisse, basandosi sulle risorse che l’Atm può mettere davvero in campo, sarebbe un modo per dare ai cittadini la sicurezza di andare alle fermate e sapere che entro tot tempo arriverà il tram.

Al momento quindi il giudizio non può essere molto positivo. In questa pagella di fine primo quadrimestre sul Tpl scuola l’amministrazione Accorinti e la Dirigenza ATM non prende un buon voto, anzi si becca una bella insufficienza. Ma l’anno scolastico non è ancora finito e il tempo per recuperare ancora c’è. Altrimenti arriverà la bocciatura.

(Francesca Stornante)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. Ma se la sanno anche i porci quanti mezzi ha a disposizione l’Atm. Il solito servizio fuffa come da tradizione.

    0
    0
  2. Bisogna capire tante cose:
    1) Come mai il numero dei mezzi pubblici partenti è inferiore al programmato (il problema può essere organizzativo dell’atm o tecnico dei mezzi, ad esempio mezzi guasti) e risolvere il problema (lavorare sul coordinamento o investire sulla manutenzione dei mezzi guasti monitorando attentamente la qualità e gli sprechi).

    2) Se è stato fatto un monitoraggio a campione del progetto una volta messo in pratica (se se ne sono infischiati delle criticità rilevate) o se mai è stato effettuato un monitoraggio (un responsabile/ispettore ci deve sempre essere almeno per i progetti di nuova creazione)

    3) il ritardi di circa 10 minuti dei mezzi a cos’è dovuto? al traffico? alle macchine in doppia fila? alla mancanza di corsie preferenziali libere?
    Individuto il problema si lavora per risolverlo.

    4) I controllori sono operativi e sufficienti sui mezzi pubblici? E’ impensabile intensificare l’attività pubblica e migliorare la manutenzione dei mezzi senza il fondamentale apporto economico dei biglietti.

    Ognuno deve fare il proprio mestiere, con coscenza delle proprie responsabilità per cui si è pagati, sapendo che se sbaglia paga in prima persona.

    Nai paesi civili ed organizzati funziona così; se non si fa così, diventa tutto oggetto di scherno e perdita di tempo, soldi e risorse umane.

    0
    0
  3. Che male c’è a dire che l’esperimento è stato un flop?
    Se sono previsti 300 utenti in 3 mezzi (100 per ciascuno, che è la capienza massima della vettura) ed improvvisamente si hanno a disposizione 200 posti, le possibilità che restano sono:
    – viaggiare come sardine, con igiene precaria;
    – eliminare fisicamente il centinaio di utenti in esubero;
    – arrivare in ritardo a scuola od in ufficio.
    Soltanto gli eliminati non dovranno decidere come fare, gli altri si arrangino pure.
    Quelli pensavano ai fatti loro questi non sono nelle condizioni di pensare e non sono disponibili ad ascoltare: è inutile cercare di fare cadere nell’oblio i flop.

    0
    0
  4. BRAVISSIMA Francesca STORNANTE,una cronista deve essere una SPINA NEL FIANCO di chi governa,solo così c’è la possibilità di CAMBIARE MESSINA DAL BASSO.Utilizzo questo spazio per rivolgermi ai messinesi di Palazzo Zanca,ricordare loro alcune cifre che li riguardino,sono dell’ultimo consuntivo conosciuto.La spesa riconducibile al PERSONALE del Comune è di € 72.049.859,incide per il 36,3% sul totale di spesa corrente pari a € 198.471.265.Ci sono delle cose interessanti,ad esempio le COMPETENZE per il personale a tempo indeterminato sono € 41.209.918,a cui bisogna aggiungere le INDENNITA’ ACCESSORIE per € 7.880.824,per i precari a tempo determinato le COMPETENZE sono pari a € 7.504.425,adesso do una notizia sconosciuta ai più,al Comune c’è gente con LAVORO FLESSIBILE,CONTRATTI DI FORMAZIONE LAVORO e LSU,a tutti questi è destinato € 1.561.495, infine il LAVORE STRAORDINARIO vale € 860.579,il totale di queste voci è pari a € 59.017.241.Bisogna aggungere poi € 11.856.183 per CONTRIBUTI PREVIDENZIALI e € 1.078.368 per TFR e INDENNITA’ DI FINE SERVIZIO,fanno un totale di € 12.934.551. Infine € 100.000 per vecchie spettanze a chi è già in pensione. Queste cifre le ricordo anche ai miei amici dentro Palazzo Zanca,devo testimoniare la loro consapevolezza di doversele meritare,visto che anno dopo anno diminuiscono i trasferimenti di Stato e Regione, e nel contempo aumentano le entrate tributarie, cioè i soldi cash dei messinesi.

    0
    0
  5. Devo precisare che al 31 dicembre 2012 il personale del Comune con contratto a tempo indeterminato era pari a 1570 unità, mentre quello a tempo determinato,lavoro flessibile,lsu, 303 unità. Senza tenere conto dello straordinario e delle differenze tra le varie categorie, non conteggiando le ritenute previdenziali,tfr e indennità di fine servizio, il costo medio annuo è per i primi € 31.089 e per i secondi € 29.920, c’è poca differenza. Tenendo conto di tutte le voci di spesa il costo medio nel 2012, per le 1882 unità di personale, è stato di € 38.283, naturalmente questa cifra è maggiore per i dirigenti e le categorie D e C, e al proprio interno diverso per anzianità di servizio. Comunque le cifre nette, sono in linea con altri settori pubblici, non sono alte, tranne per i dirigenti. Per le categorie D e C, che facciano seriamente il proprio lavoro, a mio avviso sono basse.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007