Fridays For Future: anche i giovani di Messina in piazza per il pianeta. Foto e Video - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Fridays For Future: anche i giovani di Messina in piazza per il pianeta. Foto e Video

Francesca Stornante

Fridays For Future: anche i giovani di Messina in piazza per il pianeta. Foto e Video

venerdì 29 Novembre 2019 - 13:15

Anche Messina ha risposto al quarto sciopero mondiale per il clima. Tantissimi i giovani che hanno manifestato in questo Fridays For Future

Il 29 novembre non è solo il giorno del Black Friday. E’ tornato in tutto il mondo lo sciopero globale del clima di “Fridays For Future”, il movimento di Greta Thunberg. E’ il quarto sciopero mondiale, dopo quelli del 15 marzo e 24 maggio e la settimana del 20-27 settembre. La data del 29 novembre è stata scelta proprio in risposta al black friday e perché il 2 dicembre si apre a Madrid l’annuale conferenza sul clima dell’Onu.

Messina in piazza

Anche i giovani di Messina hanno risposto compatti e numerosi. Striscioni, cartelli e tanta voglia di tornare a ripetere in piazza e per le strade che è il momento di fermarsi perché l’ambiente ha bisogno di noi. Gli studenti messinesi hanno attraversato la città da piazza Antonello, in tantissimi si sono uniti nella scia della gattaglia di Greta Thunberg per lanciare ancora una volta un messaggio chiaro e forte. I giovani non hanno intenzione di rassegnarsi ad un sistema che non tiene conto del pianeta che è la nostra casa. E allora oggi da Messina, da tutte le città d’Italia e dal milioni di persone nel mondo è partito l’ennesimo grido d’allarme.

Contro il Black Friday

Una scelta non casuale quella di organizzare il quarto sciopero mondiale per l’ambiente proprio nel giorno del Black Friday. Per “Fridays For Future”, infatti, il Black Friday è il simbolo del consumismo insostenibile, di uno sfruttamento fuori controllo delle risorse, che impoverisce il pianeta e aumenta il riscaldamento globale.

Da Messina un corteo giovanissimo, numeroso e colorato ha manifestato sotto uno slogan chiaro e diretto: “Distruggi il sistema, salva il pianeta”.

Restare per lottare

«È necessario ribadire che per fermare i cambiamenti climatici bisogna cambiare il sistema economico e produttivo. Lo stesso sistema che sta portando verso la distruzione interi territori. Oggi, in nome del profitto, imprese, lobbies e multinazionali non guardano in faccia nessuno e nel loro agire mettono in discussione la stessa prosecuzione della vita sul nostro territorio e, in generale, sull’intero pianeta. Davanti a noi una catastrofica situazione ma anche una consapevolezza: con azione collettive e concrete, con impegno e protagonismo, un cambio di rotta è possibile». Sono le parole di Domiziana Giorgianni, tra i promotori della manifestazione messinese.

Per i giovani che a Messina oggi sono scesi in piazza non c’è spazio per cedere: «Vogliamo restare nella nostra terra per cambiare le condizioni in cui essa versa. Dobbiamo partire da qui e lottare contro tutte quelle opere quali discariche, raffinerie e trivelle che le multinazionali impongono sul nostro territorio. Continueremo su questa strada avendo sempre chiaro il nostro obiettivo: ribaltare il vigente sistema di produzione basato sul consumismo e lo sfruttamento capitalista delle risorse dei nostri territori».

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Posate i vostri smartphone, tablet, motorini, scooter, vetturette urbane e tutto ciò che è fatto grazie all’energia del carbone, del petrolio e del gas, e tutto ciò che è un derivato petrolifero (praticamente tutto ciò che usiamo). Andate a studiare e cercate di comprendere i cicli di Maunder, Wolf, Spoerer, Dalton, cercate di comprendere come interagiscono i campi elettromagnetici con la CO2 e con il vapor d’acqua, e smettetela di fare il “copia – incolla”…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007