Pseudo informazione. La bufala del tunnel sotterraneo tra Sicilia e Calabria - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Pseudo informazione. La bufala del tunnel sotterraneo tra Sicilia e Calabria

Azzurra Papalia

Pseudo informazione. La bufala del tunnel sotterraneo tra Sicilia e Calabria

martedì 18 Febbraio 2014 - 09:13

La notizia diffusa dal tabloid britannico Daily Mail riguarda un tunnel presente in Baviera e collegato ad una rete di sottopassaggi che si estende in tutta Europa e che dovrebbe risalire all’ Età della Pietra

In queste ore circola sul web la curiosa notizia sull’esistenza di un possibile tunnel sotterraneo nello Stretto di Messina. Il sottopassaggio marino, lungo 3 km e profondo 200metri, si estenderebbe dal pilone di Capo Peloro a Torre Cavallo, in Calabria. La sua realizzazione risalirebbe all’epoca delle guerre puniche tra il 264 e il 241 a.C. Il tunnel avrebbe avuto l’utilità di consentire alle truppe romane in guerra contro Cartagine di facilitare i propri spostamenti nel corso delle battaglie ed evitare possibili attacchi nemici e quindi possibili perdite tra la propria flotta in mare aperto. Si afferma addirittura che il sottopassaggio sarebbe stato sfruttato nel corso della seconda guerra mondiale.

La presunta esistenza del tunnel sarebbe stata scoperta nel corso di lavori di carotaggio, tecnica di campionamento per la ricerca di risorse minerarie nel sottosuolo, nell’area relativa all’autostrada Salerno – Reggio Calabria all’altezza di Villa San Giovanni. Si legge persino che, dopo la scoperta, i lavori di ricerca effettiva e di scavo sarebbero stati assegnati alla Sovraintendenza di Reggio Calabria e ad una squadra di archeologi .In realtà le immagini fornite per corredare la notizia non hanno nulla a che vedere con la presunta scoperta, anzi la notizia diffusa dal tabloid britannico Daily Mail riguarda un tunnel presente in Baviera e collegato ad una rete di sottopassaggi che si estende in tutta Europa e che dovrebbe risalire all’ Età della Pietra.

Tag:

9 commenti

  1. La cosa più sconvolgente e che a mio modesto avviso la dice lunga sulle potenzialità di questa città, è l’incredibile e insospettabile quantità di persone che ha condiviso entusiasticamente una tale stratosferica cavolata.

    0
    0
  2. Lo stesso vale per la notizia del ragno di 60 kg trovato in Calabria, precisamente a Gioia Tauro, e portato all’Ospedale Papardo di Messina per essere studiato

    0
    0
  3. Ma i messinesi (lo sono anc h’io) siamo chiamati col nome di un pesce, che ha una grossa bocca e con la quale ingoia la qualunque il nome (conosciutissimo dai miei cari concittadini è BUDDACI !!! quindi se la Bufala è ben raccontata ………..- L’unica cosa che mi meraviglia è il fatto di credere che lo stretto sia profondo meno di 200 metri !!!!!!!! signori miei
    il nomignolo affibbiatoci ( BUDDACI ) è perfettamente azzeccato.- non prendetevela ma è proprio così !!!!!!!!!!.-

    0
    0
  4. Facendo un calcolo semplice se un tunnel si trovasse sotto lo stretto dovrebbe essere a circa 4000 metri di profondita’ non a 200, a quella profondita’ la pressione stritolerebbe qualsiasi essere umano come una lattina vuota, ma lasciando stare tutto questo ho visto nei vari siti commenti di persone che ci credono!

    0
    0
  5. MessineseAttento 18 Febbraio 2014 23:12

    Lei travisa il significato di buddaci e se è veramente messinese, la cosa è parecchio grave.
    L’accostamento con il pesce dalla “bocca larga” non è riferito all’essere creduloni, bensì sbruffoni. Ovvero gente che parla troppo, che ama vantarsi.
    Nel caso specifico, poi, i veri buddaci, almeno questa volta, non sono stati i messinesi ma gli inglesi.

    0
    0
  6. E pensare che qualche mese fa si era diffusa la notizia della nascita di una nuova isola vulcanica nei pressi di Stromboli…. Che già , mentre era in “corso d’opera”, c’erano imprenditori che volevano costruirci sopra. Ma come si fa a credere a certe caxxate..

    0
    0
  7. e menomale che era semplice il calcolo…se fosse stato complicato chissà cosa scrivevi.

    1
    0
  8. normalità da web.. i tempi cambiano le caxxate no!

    0
    0
  9. Punta Pezzo dove si riscontra la minore profondità (80–120 m) e la minore ampiezza (3.150 m) dello stretto di Messina

    fonte wikipedia

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x