Galluzzo: "Brutta pagina politica. Conte punisce la Sicilia, ma i soldi quando arrivano?" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Galluzzo: “Brutta pagina politica. Conte punisce la Sicilia, ma i soldi quando arrivano?”

Redazione

Galluzzo: “Brutta pagina politica. Conte punisce la Sicilia, ma i soldi quando arrivano?”

giovedì 05 Novembre 2020 - 13:22
Galluzzo: “Brutta pagina politica. Conte punisce la Sicilia, ma i soldi quando arrivano?”

Sicilia zona arancione per due settimane. Continuano le reazioni nel mondo politico

Mentre Pd, Italia Viva e 5Stelle, nonché il sindaco Cateno De Luca, attribuiscono a Musumeci le responsabilità della Sicilia qualificata come zona arancione, nel centro destra si levano gli scudi a favore della giunta regionale.

Galluzzo: brutta pagina politica

“Assistiamo a una bruttissima pagina politica. Il governo Conte si è inventato il sistema dei “colori” alle regioni per punire politicamente e a convenienza ora uno ora l’altro, in modo da creare dissenso verso quei governi regionali che non sono allineati come la Sicilia”. Così commenta Pino Galluzzo, deputato regionale di Diventerà Bellissima dopo la decisione del governo nazionale di dichiarare la Sicilia zona arancione.

“I soldi quando arrivano?”

Conte ed il suo governo inconsistente- prosegue Galluzzo- invece di dare gli aiuti che servono economicamente, passerà tutta la pandemia a dare giudizi politici a questo o al quel governatore a piacere, distogliendo l’attenzione sul tema vero: ma quando arrivano i soldi per chi è costretto a chiudere? Mi unisco all’indignazione dell’assessore Razza sulle farneticazioni sui posti letto in Sicilia. I nostri indici di occupazione dei posti letto sono ben al di sotto della soglia di allarme.”

Siracusano: danni economici

Posizione analoga per la deputata azzurra Matilde Siracusano: “Una decisione incomprensibile e ridicola, che non tiene conto dei dati reali dei contagi e dei posti letto in terapia intensiva. In Sicilia la decisione dell’esecutivo avrà pesantissime ripercussioni economiche. Imprenditori, commerciati, lavoratori siciliani saranno gravemente colpiti da una scelta che fatichiamo davvero a comprendere”.

Amata: battaglia unilaterale

Interviene anche la capogruppo Ars di Fratelli d’Italia Elvira Amata: Siamo al cospetto di una battaglia politica unilaterale fatta di ripicche, antipatie e antagonismi. Il ministro Speranza più che della Salute, ha dimostrato di essere il ministro di LeU, creando ad hoc per la Sicilia la zona arancione, e lasciando in zona gialla due regioni come Lazio e Campania che il giorno prima davano tutti tra le zone rosse e che sono state miracolate in quella gialla. Forse il Covid sarà miracolosamente scomparso in una notte! Non è un modo serio di affrontare questa emergenza”.

Articoli correlati

Tag:

3 commenti

  1. Parole, parole. Ma per favore cosa hanno fatto Musumeci e Razza con i soldi arrivati a Maggio per potenziare le terapie intensive, il sistema di tracciamento, le ASL, etc. La colpa è sempre degli altri! E noi ne paghiamo le conseguenze. Vergogna!

    2
    0
  2. ma sto virus è di destra o di sinistra? se qualcuno me lo sa dire,piglio la tessera del partito che non si infetta

    1
    0
  3. Ma come sono bravi a parlare dei soldi che non arrivano da Roma, ma delle pensioni che si sono aumentati i deputati Siciliani, solo i 5 stelle se ne sono accorti e rinunciato? Matilde Siracusano della scelta di aumentarsi le pensioni , lì non faticate a comprendere? o tu e il tuo partito avete rinunciato? Galluzzo e Elvira Amata anche voi avete rinunciato a questi privilegi ? Se lo avete fatto ditelo, altrimenti fareste più figura a tacere.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x