Genitori per sempre: "Clamoroso sì del Tribunale di Patti al mantenimento diretto" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Genitori per sempre: “Clamoroso sì del Tribunale di Patti al mantenimento diretto”

Rosaria Brancato

Genitori per sempre: “Clamoroso sì del Tribunale di Patti al mantenimento diretto”

giovedì 01 Aprile 2021 - 09:52
Genitori per sempre: “Clamoroso sì del Tribunale di Patti al mantenimento diretto”

Messina è fanalino di coda nell'applicazione dell'affidamento condiviso ma la sentenza di Patti è una novità fondamentale

Considerato che il minore, seppur domiciliato presso la madre, trascorre un tempo per lo più paritetico con entrambi I genitori, appare opportuno che ciascun genitore provveda alle spese ordinarie che si rendano necessarie durante la permanenza presso di sè del minore” (Tribunale di Patti).

Un diritto calpestato

La notizia è doppiamente clamorosa. Lo è perchè afferma un principio che la normativa prevede ma la prassi ignora da anni, e lo è anche perchè la sentenza viene dal Tribunale di Patti, in una delle province, quella di Messina che ha le percentuali più basse di adeguamento ad una forma di accettazione civile della fine di un matrimonio. Il termine diritto alla bigenitorialità a Messina viene di fatto ignorato da gran parte delle sentenze nei casi di separazioni conflittuali a favore di un sistema monogenitoriale (nel quale quel “mono” è solo la donna).

Vecchi tabù

La sentenza del Tribunale di Patti corregge un precedente decreto e dispone il mantenimento diretto di un bambino di 6 anni, affidato ad entrambi i genitori con frequentazione pressoché paritetica. “La notizia è clamorosa- commenta l’Associazione Genitori per sempre– perché in tutta Italia sono pochissimi i provvedimenti che in giudiziale dispongono tempi paritetici di relazione con i figli, e molti di meno quelli che ai tempi pari azzardano di fare corrispondere l’ organizzazione del mantenimento diretto. Il provvedimento è stato reclamato, e speriamo che la Corte d’Appello di Messina abbia il coraggio di superare i propri vetusti tabù e confermare l’apertura del tribunale di Patti”.

Legge non applicata

Già perchè purtroppo abbiamo a che fare con veri e propri tabù ad oltre 30 anni dalla Convenzione per i diritti dell’infanzia e a quindici anni dall’entrata in vigore della legge 54/2006 il diritto del bambino alla bigenitorialità è di fatto calpestato. Lo certifica l’Istat, nel Report su matrimoni, separazioni e divorzi del 2016, recita testualmente che “al di là dell’assegnazione formale dell’affido condiviso, che il giudice è tenuto ad effettuare in via prioritaria rispetto all’affidamento esclusivo, per tutti gli altri aspetti considerati in cui si lascia discrezionalità ai giudici la legge non ha trovato effettiva applicazione.

Quel diritto di visita…..

La legge non ha trovato effettiva applicazione. Continua ad essere di fatto applicato il vecchio regime monogenitoriale, con uno dei genitori ridotto ad esercitare il cosiddetto ‘diritto di visita(come si parlasse di malati o prigionieri) rimanendo ai margini della vita dei figli. Dall’altro, il genitore marginalizzato continua ad essere il padre nella quasi totalità dei casi. Tradotto in numeri, il calendario di visita standard dei figli di genitori separati prevede due pernotti al mese con papà, e nel migliore dei casi un pugno di ore infrasettimanali. Del resto il dato delle ‘Separazioni con assegno ai figli corrisposto dal padre’ parla chiaro: 94.1%, praticamente uguale alla situazione pre-riforma.

Le guerre tra ex

Con il pagamento di un assegno si realizza infatti la delega all’altro genitore non soltanto dell’onere di provvedere alle necessità materiali della prole, ma insieme ad esse di tutto quel carico di cura e accudimento di cui consiste in fin dei conti l’esercizio del ruolo genitoriale. Essere costretti a pagare l’altro perché si occupi dei figli significa dunque lo svilimento più profondo della figura genitoriale. E lo svilimento pure delle legittime aspirazioni ad una realizzazione personale dell’altro genitore anche fuori dall’ambito familiare. Una condanna alla perpetuazione di un modello socio familiare che assomiglia ad una cartolina di mezzo secolo fa.

Pregiudizio di genere

Eppure oggi le immagini che vediamo ogni giorno rappresentano un’altra realtà, con il padre che si occupa direttamente dell’accudimento dei figli, mentre magari aspetta il ritorno a casa della moglie dal lavoro. Non si comprende perchè improvvisamente, in caso di separazione, il papa che ha accudito il proprio figlio debba smettere di farlo ed essere considerate inadeguato. Questo è un pregiudizio di genere applicato alle separazioni.

Il mantenimento diretto

Il mantenimento diretto – dal latino manu tenere: tenere per mano – una logica paritaria, ovvero uguale responsabilizzazione di entrambi i genitori riguardo l’accudimento dei figli, e pari possibilità per i figli di accedere alle cure di entrambi i genitori. Il mantenimento diretto si accompagna quindi ad una tendenziale parificazione dei tempi di relazione con i figli dell’uno e dell’altro genitore separato, realizzando in questo modo il preminente interesse del minore a poter fruire il più possibile della presenza attiva e responsabile di entrambi i genitori nella propria crescita.

I figli usati come armi

Il modello dell’affido paritario o condiviso determina il cessare della guerra per accaparrarsi i figli che l’attuale modello monogenitoriale prevede, con l’eliminazione alla radice del movente economico che la genera. Con tempi paritari e mantenimento diretto in capo a entrambi i genitori, infatti, non c’è più motivo di prevedere né un assegno dell’uno all’altro, se non con fini meramente perequativi e slegati dalla domiciliazione della prole. I figli non si trasformano più in “arma” contro l’altro, nè in “bottino di Guerra”.L’attuale situazione comporta che troppo spesso che lo scontro nasce per avere I figli e il mantenimento che ne consegue. Spezzare questa catena reduce anche la conflittualità delle separazioni.

Conseguenze devastanti

Verrebbero a ridursi anche fenomeni relative a condotte alienanti, operate da uno dei genitori per indurre i figli al rifiuto dell’altro genitore, attraverso un repertorio di condizionamenti, ricatti e pressioni psicoemotive. L’alienazione che, come ben sanno migliaia di figli di separate causa conseguenze devastanti per l’equilibrio del minore, anche a prescindere che esiti effettivamente in un rifiuto.

Messina fanalino di coda

L’unico strumento preventivo che si può mettere in atto per contrastare questo grave fenomeno – conclude l’associazione Genitori per sempre– è un affido tendenzialmente paritario o materialmente condiviso: che tolga ossigeno alle ragioni del conflitto, e che riduca al minimo attraverso tempi di relazione sufficientemente larghi le possibilità di un genitore di rimanere vittima di un processo di denigrazione. Messina e la sua provincia sono state purtroppo finora il fanalino di coda in Italia riguardo alle modalità di applicazione dell’affido condiviso, che abbiamo visto non brillano affatto nemmeno nel resto del Paese”.

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. Onesta analisi che rispecchia ampiamente ciò che avviene quando due genitori si separano……in questi articoli riguardanti questo delicatissimo argomento mi ci sono rispecchiata tantissimo …..leggendo mi sono riaffiorati tantissimi ricordi a cui avevo imposto un blackout, proprio per i tanti condizionamenti avuti da bambina …..la mia vita lontana da mio padre per me era giusta …..lui era cattivo ,lui non pensava a me ,lui non dava nessun aiuto per crescermi,lui non mi cercava ……eppure fermandomi a quando ero bambina ,quando ancora i miei genitori erano una famiglia, ecco riaffiorare quello che io avevo cancellato proprio per il lavaggio di pensiero che mi veniva fatto…… riaffiora un padre che non mi faceva mancare nulla ,riaffiora un padre che camminava adagio con la macchina per permettermi di leggere i cartelloni pubblicitari perché avevo imparato le lettere e iniziavo a leggere, così quando leggevo la parola ,partiva un brava e ancora a soffermarsi sulprossimo cartellone con l’ ennesimo complimento….riaffiora un padre che mi prendeva due volte a settimana e ogni volta che io aspettavo ,sempre a sentirmi dire, tanto non viene e inutile che aspetti ed io con il gettone telefonico a me tanto caro andavo a chiamare mio padre ……a volte capitava davvero che non arrivasse in tempo a prendermi perché erano due ore che potevamo stare insieme e magari aveva avuto un contrattempo al lavoro, ed io pur di non fare vedere a mia madre che lui effettivamente non veniva e poi sorbirmi la solita tiritera del padre pessimo, me ne andavo in giro a fare trascorrere quelle due ore chiedendo alla gente che ora fosse per poter poi rientrare a casa ……ho cercato di non ascoltare,ho cercato di non vedere con gli occhi di chi parlava male di lui ,ma alla fine non l ho più visto e mi sono arresa a non vedere più con i miei occhi …..a non ascoltare più con le mie orecchie…a non sentire più con il mio cuore ….ho sofferto tanto ……e ho sofferto ancora di più alla sua morte …..ho rischiato una denuncia per abbandono di persona anziana senza che ne avessi davvero colpa perché sono cresciuta pensando di essere stata abbandonata,di fatto sono stata abbandonata…..ma ecco la verità gridare giustizia ….ecco che a morte di mio padre mi ritrovo tra le mani le carte della separazione … ecco venire a sapere che non era vero che non mi voleva ,leggo che ha fatto ben 3 ricorsi,ha lottato con le unghie e con i denti per fare valere i suoi diritti di padre……ecco scoprire anche i soldi per il mio mantenimento addirittura fino a 24 anni …..ecco scoprire che in realtà mi amava …..mi aveva sempre amata e la crudeltà è stata scoprirlo quando ormai era troppo tardi sia per me che per lui ……mi sono seduta su quella panchina….ho immaginato che ci fosse mio padre e quel raggio di sole che scaldava la panchina blu ha scaldato anche il mio cuore!

    14
    0
  2. E alla fine dei giochi il prezzo più alto lo pagano gli innocenti, quelli a cui lo Stato dovrebbe tutelare “l’interesse” ma che per pigrizia e a volte incompetenza non tutela. Purtroppo molte separande si dimenticano che in sede di separazione non stanno barattando cose ma persone.. i propri figli, trattati come proprietà. Da madre posso dire che privare il proprio figlio di amore, da qualunque persona provenga (padre nonna/o, zia/o..) per un interesse personale è da criminali. Da figlia di un padre amorevole penso che ciò che ha vissuto Rosaria è stato terribile ma almeno la verità (anche se tardi) a lei è arrivata. Ma quanti figli ancora dovranno scoprire la verità troppo tardi (o mai) per l’immobilismo ottuso di un Tribunale come quello di Messina ancorato a stereotipi e pregiudizi??? Cari magistrati la legge esiste…. fate il vostro lavoro, applicatela!

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x