Alluvione 2009, una sola condanna al processo per i falsi sfollati - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Alluvione 2009, una sola condanna al processo per i falsi sfollati

Alessandra Serio

Alluvione 2009, una sola condanna al processo per i falsi sfollati

venerdì 16 Marzo 2018 - 01:05
Alluvione 2009, una sola condanna al processo per i falsi sfollati

I giudici hanno disposto il non doversi procedere di quasi tutti i residenti tra Giampilieri e Scaletta accusati di aver usufruito senza diritto dei rimborsi per i disagi causati dalla disgrazia.

Si chiude con una sola condanna lieve e il non doversi procedere per tutti gli altri imputati, in tutto alla sbarra c'erano 47 persone, il processo per i presunti falsi sfollati dell'alluvione che nel 2009 travolse Giampieri, Scaletta e Itala, causando 37 morti.

Ieri sera la II sezione del Tribunale di Messina (presidente Samperi) ha condannato ad 8 mesi Nicola Santamaria (pena sospesa e non menzione), hanno dichiarato il non doversi procedere per i cinque imputati nel frattempo deceduto, e il non doversi procedere perché il fatto non sussiste o non costituisce reato per tutti gli altri imputati. Insomma, ad eccezione di un solo episodio (relativo ad un solo anno di contributi), il processo chiuso ieri secondo i giudici non avebbe mai dovuto essere celebrato.

L'indagine era partita qualche anno dopo l'alluvione e nizialmente gli indagati erano 77. Furono centinaia i residenti che dovettero abbandonare la loro abitazione perché inagibile e per loro attraverso un'ordinanza di Protezione Civile il Governo stanziò un aiuto di circa 450 euro mensili per coprire i costi di affitti e altre necessita'.

Secondo l’inchiesta della Procura, peró, molte famiglie intascarono gli assegni, pur continuando a vivere nelle vecchie abitazioni. A indicarlo ci sarebbero i consumi di acqua e luce, che continuarono regolarmente dopo l’ordinanza di sgombero. Gli accertamenti erano stati delegati ai Carabinieri.

Lo scorso gennaio l'Accusa aveva sollecitato ai guidici 47 condanne e l'assoluzione per i due comandanti della Polizia Municipale di entrambi i comuni, Letterio Alì di Scaletta e Giuseppe Trimarchi di Itala; per Salvatore Calabrò, responsabile dell’ufficio tecnico di Scaletta e Giovanni Cuppari, capoufficio tecnico di Itala, accusati di omissione in atti d’ufficio.

Alessandra Serio

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x