Denuncia OrSa: per risparmiare sul costo lavoro Rfi attua spostamenti di dipendenti in unità navali non similari - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Denuncia OrSa: per risparmiare sul costo lavoro Rfi attua spostamenti di dipendenti in unità navali non similari

Denuncia OrSa: per risparmiare sul costo lavoro Rfi attua spostamenti di dipendenti in unità navali non similari

lunedì 27 Giugno 2011 - 07:03
Denuncia OrSa: per risparmiare sul costo lavoro Rfi attua spostamenti di dipendenti in unità navali non similari

I rappresentanti sindacali Massaro e D'Orazio chiedono l'intervento delle autorità competenti

Ancora una denuncia da parte dell’Orsa per la gestione del personale impiegato a bordo sulle navi Rfi. Secondo quanto affermato in una nota dai rappresentanti sindacali Mariano Massaro e Antonino D’Orazio, la società per risparmiare sui costi di lavoro, opera continui spostamenti di personale nelle diverse unità navali non similari, penalizzando la necessaria intesa fra i componenti degli equipaggi e l’indispensabile conoscenza degli impianti che rappresenta uno dei fattori primari per la garanzia di sicurezza in mare.
“In buona sintesi RFI – affermano – ha rinunciato del tutto a mantenere equipaggi fissi, con buona pace dei livelli di sicurezza e quotidianamente arma le navi con personale “raccogliticcio”, anche precario, spesse volte proveniente da unità diverse. In tal senso la sicurezza sulle navi assume valenza virtuale visto che da tempo il personale si trova costretto a girovagare in navi non similari per cui non è possibile pretendere dagli equipaggi prontezza di esecuzione e dettagliata conoscenza degli impianti di sicurezza”. Il sindacato sottolinea anche che “nella spasmodica ricerca di compressione del costo del lavoro, RFI spesso non è in grado di garantire impreviste assenze di personale nelle navi in esercizio e per risolvere l’emergenza utilizza il personale di guardia nelle navi spente e ormeggiate sguarnendo il previsto servizio di guardiania. Per la gravità di quanto esposto riteniamo indispensabile l’autorevole intervento dell’Autorità competente in indirizzo e chiediamo di essere informati del dettaglio di eventuali accordi intercossi fra la Capitaneria di Porto di Messina e RFI che autorizzerebbero il descritto comportamento dell’azienda”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. MA CHE VI FREGA,L’IMPORTANTE è LAVORARE,PRIMA CHE QUESTI SIGNORINI DELLA BARCA ALL’ASCIUTTO,oRSA,VI FARANNO MANDARE A CASA A ZAPPARE,SEMPRE CHE TROVANO IL TERRENO ADATTO.

    0
    0
  2. muntagnolu, il tuo nik name è tutto un programma, solo un muntagnolu ca scoccia può scrive ” basta che si lavora ” sai che fai? Continua a pascolare i tuoi simili : le pecore!!! E lascia parlare gli altri di diritti del lavoro e sicurezza. Sono gli schiavi come te che hanno rovinato tutto

    0
    0

Rispondi a muntagnolu Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007