Occupazioni ed autogestioni. La mappa dei licei messinesi "agitati" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Occupazioni ed autogestioni. La mappa dei licei messinesi “agitati”

Claudio Panebianco

Occupazioni ed autogestioni. La mappa dei licei messinesi “agitati”

mercoledì 14 Dicembre 2016 - 08:26
Occupazioni ed autogestioni. La mappa dei licei messinesi “agitati”

L'istituto nautico Caio Duilio ottiene una forma di "autogestione didattica", il liceo Seguenza in stato d’autogestione standard come anche l’istituto tecnico Verona Trento. Occupati invece i licei classici Maurolico e La Farina. Quali i motivi delle proteste? Un elenco dei movimenti studenteschi e delle loro basi

Una settimana di vera e propria agitazione per le scuole messinesi che, dopo cortei in piazza ed assemblee permanenti, sono passate ai fatti. E' cominciato tutto lunedì, quando l’istituto nautico Caio Duilio ha richiesto l’autogestione alla Preside, respinta la richiesta i ragazzi hanno cercato di mediare, riuscendo a trovare un compromesso: un'autogestione "didattica", all'interno della quale si svolgeranno lezioni ed attività varie. Il punto della settimana di iniziative è portare agli occhi dell'opinione pubblica lo stato della struttura, troppo piccola per ospitare tutti gli iscritti e senza ancora la possibilità di spostarsi in una succursale. Sempre lunedì anche il liceo Seguenza ha avviato l’autogestione, in questo caso nella solita forma, proclamandola fino a venerdì.

L'istituto tecnico Verona Trento ha seguito la scia del plesso di via la farina e di via sant'Agostino, avviando una forma di autogestione concordata con la dirigenza: gli alunni attraverso incontri e conferenze mirate, affronteranno temi culturali, civili e sociali al fine di fare scuola in una maniera innovativa, rompendo i muri delle aule e creando un ambiente quasi poliedrico.

I licei classici del territorio peloritano, invece, hanno optato per una via decisamente più dura. Maurolico e La Farina, infatti, sono, da questa mattina, ufficialmente occupati. Il regio liceo ha deciso di alimentare lo stato d’agitazione dopo i risvolti della protesta di ieri mattina: i giovani, scesi in piazza per ottenere risposte riguardo la famosa "questione aule" che affligge il loro circondario come il liceo Seguenza, non hanno potuto incontrare il sindaco Accorinti, come da loro richiesto; di conseguenza è scattato l’assedio della sede scolastica che, come altro motivo basilare, trova lo stato negativo del complesso didattico.

Il liceo La Farina ha invece avviato una vera e propria lotta di stampo politico: la riforma "buona scuola" non piace agli scolari di via oratorio della pace che, dopo una stato di riflessione su che decisione prendere, anche tenendo conto delle carenze dell’edificio, hanno deciso di interrompere il servizio educativo occupando.

Non pervengono notizie da altri istituti ed attualmente solo Caio Duilio, Verona Trento, Seguenza, Maurolico e La Farina rappresentano i punti di resistenza studentesca cittadina. Che se ne aggiungano altri prima delle vacanze di natale? Ai posteri l’ardua sentenza.

Claudio Panebianco

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. RAGAZZI AVETE RAGIONE, PERO’ DOVETE SAPERE CHE IL FUTORO DELLA VISTA SARA’ NON VOSTRO CHE PARTECIPATE AGLI SCIOPERI, MA A COLORO CHE ORGANIZZANO GLI SCIOPERI. ESEMPIO D’ALEMA BUTTAVA LE BOMBE MOLOTOV CONTRO I CELERINI (CHE CHIAMAVA POLIZIA FASCISTA) ED ORA E’ ONOREVOLE EX MINISTRO E POTENTISSIMO IL NOBILE RADICAL CHIC GENTILONI COL SUO CAPPOTTO DI RICCO ERA UNA CHE SI PRESENTAVA E MANIFESTAVA. PER NON PARLARE DI GIORNALISTI FAMOSI E ALCUNI CHE HANNO FIRMATO LA CONDANNA A MORTE DEL COMMISSARIO CALABRESI. GLI ORGANIZZATORI AVRANNO TUTTO DALLA VITA ENTRERANNO IN POLITICA, O VICINO. NON DIMENTATE COME PUPI SICILIANI. CONOSCO PERSONE CHE ORGANIZZAVANO SCIOPERI ORA HANNO TUTTO, PROPRIO TUTTO. AVETE RAGIONE, MA STUDIATE ANDATE A CASA E STUDIATE

    0
    0
  2. RAGAZZI AVETE RAGIONE, PERO’ DOVETE SAPERE CHE IL FUTORO DELLA VISTA SARA’ NON VOSTRO CHE PARTECIPATE AGLI SCIOPERI, MA A COLORO CHE ORGANIZZANO GLI SCIOPERI. ESEMPIO D’ALEMA BUTTAVA LE BOMBE MOLOTOV CONTRO I CELERINI (CHE CHIAMAVA POLIZIA FASCISTA) ED ORA E’ ONOREVOLE EX MINISTRO E POTENTISSIMO IL NOBILE RADICAL CHIC GENTILONI COL SUO CAPPOTTO DI RICCO ERA UNA CHE SI PRESENTAVA E MANIFESTAVA. PER NON PARLARE DI GIORNALISTI FAMOSI E ALCUNI CHE HANNO FIRMATO LA CONDANNA A MORTE DEL COMMISSARIO CALABRESI. GLI ORGANIZZATORI AVRANNO TUTTO DALLA VITA ENTRERANNO IN POLITICA, O VICINO. NON DIMENTATE COME PUPI SICILIANI. CONOSCO PERSONE CHE ORGANIZZAVANO SCIOPERI ORA HANNO TUTTO, PROPRIO TUTTO. AVETE RAGIONE, MA STUDIATE ANDATE A CASA E STUDIATE

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x