Caso Siracusa, ex giudice Cga Mineo arrestato dalla Procura di Messina - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Caso Siracusa, ex giudice Cga Mineo arrestato dalla Procura di Messina

Alessandra Serio

Caso Siracusa, ex giudice Cga Mineo arrestato dalla Procura di Messina

mercoledì 04 Luglio 2018 - 07:05
Caso Siracusa, ex giudice Cga Mineo arrestato dalla Procura di Messina

Ad accusare il magistrato, che risolse il maxi contenzioso tra il Comune di Siracusa e la Open Land in favore della società, è l'avvocato Piero Amara. L'accusa è di corruzione.

C’è una nuova eclatante pagina nell’inchiesta sul caso Siracusa. Stamattina la Guardia di Finanza ha arrestato l’ex giudice del Consiglio di giustizia amministrativa della Sicilia Giuseppe Mineo. Il provvedimento è stato siglato dal GIP di Messina su richiesta della Procura guidata da Maurizio De Lucia e arriva dopo le dichiarazioni di Piero Amara, l’avvocato di Siracusa coinvolto nello scandalo del febbraio 2018 che ha verbalizzato pagine e pagine di rivelazioni agli inquirenti, confermando in gran parte quello che era stato ipotizzato dai magistrati e aprendo nuovi scenari su altre vicende.

Le dichiarazioni di Amara sono state “cristallizate” ieri mattina nell’incidente probatorio, ora sono prove a tutti gli effetti. E visto che l’avvocato ha confermato gli scenari venuti fuori dalle intercettazioni della Finanza, che avevano già chiamato in causa Mineo, oggi per il giudice scattano i domiciliari con l’accusa di corruzione. Amara ha parlato di una cena con Mineo avvenuta all’Hotel Alexandra a Roma, alla quale l’avvocato e Calafiore si sarebbero presentati con una bozza di sentenza già pre confezionata.

A lavoro sul caso c’è ancora il sostituto procuratore Antonio Carchietti, affiancato dai colleghi Antonella Fradà e Federica Rende. I magistrati chiamano in correità Alessandro Ferraro, stretto collaboratore dei legali siracusani, ritenuto il "facilitatore" che, tramite un conto corrente di Malta, avrebbe fatto arrivare a Mineo 115 mila euro. La somma doveva servire all'ex presidente della Regione siciliana Giuseppe Drago, gravemente malato e poi morto a settembre 2016, per curarsi in una clinica in Malesia. I soldi sarebbero arrivati da Calafiore ed Amara. In cambio Mineo li avrebbe aiutati con una sentenza favorevole alle società Open Land e Am Group, impegnate nel contenzioso col Comune di Siracusa. La maxi richiesta di risarcimento da 2,8 milioni di eurò rischiò di far tracollare le casse del comune aretuseo, nel 2016.

A firmare il provvedimento è stato il GIP Maria Militello che ha disposto il carcere per Mineo e concesso i domiciliari a Ferraro.

La stessa vicenda era costata l’arresto all’ex pm di Siracusa Giancarlo Longo, accusato di aver aperto, su input di Amara e Calafiore, l’indagine che doveva servire da volano al contenzioso favorevole al Cga (VEDI QUI). Il verdetto arrivò: il Comune avrebbe dovuto pagare alla Open Land, società del gruppo Frontino di proprietà della famiglia della compagna dell'avvocato Giuseppe Calafiore, i quasi 3 milioni di euro per i presunti ritardi nel rilascio della licenza per la costruzione di un centro commerciale in una zona archeologica. Proprio 4 giorni fa il tribunale di Siracusa ha disposto che la cifra sia restituita al Comune.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. MessineseIncallito 4 Luglio 2018 08:16

    Incredibile dove possa arrivare il malaffare…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007