Messina, operaio travolto da treno nel 2011: non ci furono colpe - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina, operaio travolto da treno nel 2011: non ci furono colpe

Messina, operaio travolto da treno nel 2011: non ci furono colpe

sabato 30 Settembre 2017 - 18:42
Messina, operaio travolto da treno nel 2011: non ci furono colpe

Antonino Micali stava lavorando alla rete elettrica della linea ferrata, a Camaro, e precipitò da un camminamento, finendo sui binari mentre passava un treno merci. Il giudice ha scagionato i 4 responsabili di Rfi chiamati in causa per un parapetto mancante.

Assolti perché il fatto non costituisce reato. Si chiude così il processo per i dirigenti di Rfi Salvatore Privitera e Alfio Spina. Stessa sentenza assolutoria per Francesco Ingemi e Roberto La Rocca, capo impianti della tratta Messina-Milazzo, finiti sotto processo dopo la morte di Antonino Micali, nel 2011, operaio della rete elettrica travolto da un treno mentre lavorava

Era il 17 gennaio: l'uomo stava operando sulla linea ferrata, all'altezza della zona di San Cosimo e sarebbe scivolato, finendo nella massiciata sottostante, quasi due metro più giù, proprio mentre arrivava un treno in corsa che lo ha travolto, falcidiandolo. Il treno merci era partito da Messina ed era diretto a Pace del Mela. Il macchinista non si era neppure accorto di nulla, è stato avvisato successivamente.

I rilievi della Polizia ferroviaria rilevarono che Micali era caduto perché mancava una parte del parapetto che avrebbe dovuto proteggere il corrimano posto a tre metri di altezza.

La Procura imputò la morte ai responsabili di settore e a quelli della sicurezza.

Il processo ha però messo in luce, anche attraverso l'esame dei filmati delle video camere poste in zona ed altri rilievi tecnici, che l'operaio non aveva operato esattamente come avrebbe dovuto, utilizzando ad esempio un camminamento non idoneo. Insomma, Micali non avrebbe dovuto essere lì,

Per il giudice monocratico Scolaro, quindi, i quattro imputati c'entrerebbo poco con la morte dell'operaio, così come la mancanza della parte di parapetto.

Ma per comprendere esattamente le ragioni dell'assoluzione bisognerà attendere le motivazioni, che il giudice depositerà tra 3 mesi.

Hanno difeso gli avvocati Giovanni Calamoneri, Filippo Pagano, Giuseppe Carrabba e Vincenzo Di Mauro.

Tag:

Insieme per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007