Gli obiettivi dell’Amam: acqua 24 ore su 24. Ma devono pagare tutti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Gli obiettivi dell’Amam: acqua 24 ore su 24. Ma devono pagare tutti

Marco Ipsale

Gli obiettivi dell’Amam: acqua 24 ore su 24. Ma devono pagare tutti

venerdì 22 Marzo 2019 - 12:19
Gli obiettivi dell’Amam: acqua 24 ore su 24. Ma devono pagare tutti

Il presidente dell'Amam, Salvo Puccio, insiste sulla necessità di garantire un servizio continuo. Il sindaco Cateno De Luca vuole che tutti paghino e per chi non può c'è il baratto amministrativo

MESSINA – All’Annunziata bassa l’acqua arriva solo dalle 2 alle 8 mattina, nella parte alta persino un’ora in meno dalle 3 alle 8. “Ma tanto ci sono i serbatoi, mi ha detto qualcuno. E’ una cosa fuori da ogni logica, l’acqua deve arrivare 24 ore su 24”. La logica non è che non serve l’acqua sempre perché tutti hanno i serbatoi, è invece che tutti hanno i serbatoi perché non c’è l’acqua sempre. Il presidente dell’Amam, Salvo Puccio, ribadisce la necessità di fornire un servizio migliore, anche perché, oltretutto, “l’acqua dei serbatoi non è potabile e perde qualità”.

Ecco perché “Acqua cerca Amam”, l’iniziativa per cercare nuovi pozzi ai quali attingere. Nel Masterplan ci sono 4 milioni e mezzo proprio per trovare nuove fonti, per realizzare nuove infrastrutture di captazione ed adduzione per sistemare finalmente il depuratore di Mili, eliminando quegli odori nauseanti che esasperano i residenti.

I PROGETTI PER L’ACQUEDOTTO FIUMEFREDDO E IL SERBATOIO MONTESANTO

A maggio, poi, andranno in gara due progetti: 3 milioni 110mila euro per la ristrutturazione di alcune parti dell’acquedotto Fiumefreddo e 3 milioni 300mila euro per l’adeguamento e il ripristino del serbatoio Montesanto 1.

L’acquedotto Fiumefreddo è precario per corrosione elettrolitica e per ammaloramenti, che danno luogo a perdite riparabili solo interrompendo l’erogazione. Con questo progetto si punta a ridurre le perdite per evitare rotture ed il rischio di restare senz’acqua.

Con l’altro progetto, invece, una vasca del serbatoio Montesanto 1 garantirà un volume di compenso pari a circa 5mila metri cubi, alimentato direttamente a gravità dalla condotta Fiumefreddo, e sarà collegata col serbatoio Montesanto 2, tramite una nuova condotta. I costi energetici saranno abbattuti.

EVASIONE E POSSIBILITA’ DI RATEIZZARE IL DEBITO

C’è poi il problema di chi non paga. Il sindaco Cateno De Luca vuole prendere di petto la questione: “Entro un anno pretendo che l’evasione sia ridotta al massimo al 20 %. Chi non può pagare perché non ha soldi ha la possibilità del baratto amministrativo, chi può pagare deve farlo”.

Per le utenze commerciali, si può pagare subito un acconto del 25 % del debito e poi rate mensili da 200 a 500 euro al mese a seconda dell’importo. Nel caso di debiti da 10mila euro in su, invece, servirà anche una fidejussione.

Per le utenze domestiche, un acconto del 20 % sul totale, poi massimo 30 rate mensili con un minimo di 75 euro al mese. Per chi ha un Isee non superiore a 8mila euro, nessun acconto e massimo 36 rate mensili con rata minima di 50 euro.

Per le utenze condominiali, infine, un acconto del 20 % sul totale, massimo 36 rate mensili con rata minima a 75 euro per ogni concessione.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Dove, purtroppo, abito io l’acqua, attraverso autoclave condominiale, arriva due volte alla settimana per un totale di UNA ora di erogazione. Quindi 4 ore al mese per circa 1200-1500 litri di acqua erogata pro-capite. E’ chiaro che io debba fare ricorso all’approvvigionamento esterno, con esborsi di circa 125 euro mensili. E’ questa la chiamate civiltà?

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007