Picciolo: "Il presidente designato a Gioia Tauro a rischio conflitto d'interessi? Si verifichi" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Picciolo: “Il presidente designato a Gioia Tauro a rischio conflitto d’interessi? Si verifichi”

R.Br.

Picciolo: “Il presidente designato a Gioia Tauro a rischio conflitto d’interessi? Si verifichi”

R.Br. |
venerdì 03 Febbraio 2017 - 14:16
Picciolo: “Il presidente designato a Gioia Tauro a rischio conflitto d’interessi? Si verifichi”

Oltre alle già annunciate motivazioni per chiedere l'autonomia dell'Authority di Messina c'è anche la nomina del presidente, quell'avvocato Alberto Rossi nei cui confronti l'intera deputazione calabrese si è sollevata indicando possibili conflitti d'interessi. Ecco perchè

Se nello scacchiere delle nomine il ministro Delrio ha collocato per la Presidenza dell’AP Augusta-Catania Andrea Annunziata, ex presidente dell’Authority di Salerno, incontrando il no di Crocetta, per Gioia Tauro-Messina ha scelto un altro nome contestatissimo, Alberto Rossi, nei cui confronti a gennaio si è registrata la levata di scudi della deputazione calabrese.

Adesso a chiedere uguale presa di posizione è il capogruppo Ars di Sicilia Futura Beppe Picciolo, che con un’interrogazione invita il governatore a prendere atto dei rischi di un conflitto d’interesse in capo a Rossi e ad intervenire così come fatto per Annunziata.

Nella nota Picciolo dapprima ricorda le innumerevoli istanze provenienti dalle istituzioni territoriali per sensibilizzare la Regione a pretendere la deroga e quindi l’autonomia amministrativa in proroga, poi si sofferma sui contenuti del documento di protesta che i deputati calabresi hanno trasmesso a Delrio dopo la designazione.

Il 18 gennaio infatti hanno presentato un’interrogazione i deputati calabresi Bossio, Battaglia, Stumpo, Magorno, Censore, Oliverio, Aiello e Barbanti in merito all’indicazione (leggi qui articolo di Tempostretto), da parte di Delrio dell’avvocato Alberto Rossi quale presidente dell’AP Gioia Tauro-Messina. In base a quanto previsto dalla riforma del sistema portuale la nomina dei presidenti è effettuata dal Ministro competente d'intesa con i presidenti delle regioni interessate, quindi in questo caso Calabria e Sicilia.

“L'avvocato Rossi- scrivono i deputati-, non solo proviene da un territorio non certo «alleato» delle potenzialità di traffico ma professionalmente, è tuttora l'avvocato di Aponte, che in Mct detiene il 50 per cento delle quote societarie e garantisce con le sue navi quasi il 97 per cento dei volumi movimentati negli ultimi anni. Di fronte a questo configurabile conflitto di interesse ci si chiede come si porrebbe suddetta nomina anche rispetto alla presenza di Contship Italia. Ci chiediamo se non ritenga inopportuna la nomina dell'avvocato Rossi, alla luce di quello che appare agli interroganti un evidente conflitto di interessi che lo caratterizza”

In base a quanto emerso Picciolo pone la questione all’attenzione del governatore Crocetta perché la nomina di Rossi deve passare dal vaglio anche della Regione Sicilia, come previsto dalla normativa: “ i fatti contenuti nell’interrogazione parlamentare- scrive il capogruppo di Sicilia Futura-sono quanto meno inquietanti ed, ove ovviamente riscontrati, rappresenterebbero profili da attenzionare. Inoltre, poiché il Presidente della Regione Siciliana ha più volte appalesato la volontà di impugnare comunque detto D.lgs n.164, ritenendolo lesivo delle prerogative statutarie, e ciò a prescindere dalla richiesta di deroga inoltrata per il mantenimento per un triennio della autonomia delle Authority di Messina e Milazzo, chiedo di sapere quali ulteriori atti tecnici, legislativi e politici voglia compiere per dirimere immediatamente la controversa vertenza con il Governo Nazionale, in modo definitivo, anche alla luce di Atti Parlamentari che riverberano inquietanti ombre sulla vicenda portuale siculo-calabra”.

R.Br.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. Dio ci salvi da questi signori.

    0
    0
  2. Dio ci salvi da questi signori.

    0
    0
  3. ma smettela ridicoliiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    0
    0
  4. ma smettela ridicoliiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    0
    0
  5. Non se ne salva nessuno! Come dare fiducia ai soggetti raffigurati in foto? Vedo che sorridono…. sembra la risata di chi gode nell’aver fregato il prossimo…

    0
    0
  6. Non se ne salva nessuno! Come dare fiducia ai soggetti raffigurati in foto? Vedo che sorridono…. sembra la risata di chi gode nell’aver fregato il prossimo…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007