"Il ponte sullo Stretto oggi si chiama Blu Jet". I marittimi di nuovo in protesta - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Il ponte sullo Stretto oggi si chiama Blu Jet”. I marittimi di nuovo in protesta

Redazione

“Il ponte sullo Stretto oggi si chiama Blu Jet”. I marittimi di nuovo in protesta

sabato 26 Settembre 2020 - 11:51
“Il ponte sullo Stretto oggi si chiama Blu Jet”. I marittimi di nuovo in protesta

Dopo sei scioperi consecutivi, i lavoratori dello Stretto sono tornati in sit in al porto storico. Continua la vertenza

Continua la vertenza dei marittimi Blu Jet. Dopo sei scioperi consecutivi,  i lavoratori si sono ritrovati questa mattina in sit in presso gli imbarchi dei mezzi veloci al porto storico. 

«Ad oltre due anni dalla costituzione della società Blu Jet, sembra che si navighi ancora a vista – dichiarano Filt Cgil e UIltrasporti Messina – e dell’azienda  pubblica,  in esercizio dal primo maggio del 2019, non se ne capisce il piano industriale. Nata per garantire la continuità territoriale tra le sponde di Messina e Villa San Giovanni ha avuto successivamente affidato il servizio anche nella tratta per Reggio Calabria. Ma due soli sono i mezzi veloci di proprietà a cui si sono progressivamente aggiunti altri 4 mezzi presi a noleggio.  Non conosciamo costi e modalità  del noleggio – continuano i sindacati – ma di certo preoccupa che l’azienda non abbia pensato di provvedere all’acquisto di nuovo naviglio per un servizio essenziale nell’area dello Stretto. Come del resto hanno fatto le società gemelle Bluferries ed Rfi.

Di certo il noleggio comporta costi esosi per le casse del servizio pubblico e spesso i mezzi risultano non adeguati, messi in linea grazie alla professionalità degli equipaggi che ne consentono la navigazione e lo svolgimento del servizio. Mentre l’azienda tende al massimo risparmio nel costo del lavoro disattendendo al riconoscimento del contratto delle attività ferroviarie dei dipendenti divenuti oggi circa 110.  Sul territorio questa gestione  in  due anni ha portato l’azienda ed il mondo dell’indotto e degli appalti correlato in un stato di stallo e assoluta precarietà dietro la motivazione di un servizio su Reggio Calabria in affidamento solo temporaneo. 

Blu Jet è un’azienda pubblica che gestisce unicamente risorse e concessioni pubbliche – concludono Filt Cgil e UIltrasporti – e pertanto è ingiustificabile il silenzio con cui ad oggi la dirigenza locale e del gruppo Fs risponde alle legittime rivendicazioni contrattuali dei lavoratori. Mentre la politica nello Stretto di Messina si divide sulla questione ponte, i lavoratori marittimi restano distanti dalle diatribe sulla grande opera e, insieme a Filt Cgil e UIltrasporti Messina, cercano di riportare l’attenzione  sui temi del lavoro  a cominciare dalla vertenza occupazionale Blu Jet,  il servizio che resta ad oggi l’unico vero “collegamento stabile” tra le sponde dello Stretto per milioni di cittadini  ed è l’unica alta velocità che ad oggi abbiamo.

La protesta di  lavoratori e sindacati  si leva contro il dumping salariale  e per rivendicare  diritti  contrattuali e regole certe per la navigazione nello stretto di Messina auspicando che il Governo nazionale e la politica del territorio dopo tante promesse  finalmente facciano la propria parte. 

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. Si stava meglio quando si stava peggio. Sibari, Iginia, Rosalia, vai e vieni di treni che non esistono piu’… Liberalizzazioni, alta velocita’, societa’ come scatole cinesi, cosi ognuna ha burocrati da stipendiare, ma se succede un incidente non si sa mai di chi e’ la colpa: Tizio provvede alla massicciata, Caio provvede al passaggio al livello, Sempronio provvede ai tralicci…Non si sa piu’ a chi fa capo l’attraversamento dello Stretto… Trasporti, Scuola e Sanita’ sono i ministeri dove il privato dovrebbe essere tenuto alla larga, naturalmente con una gestione impeccabile dello Stato, se no vai fuori a pedate. Negli anni, uno Stato incapace ha svenduto tutto, e questi sono i risultati: avvoltoi che si vogliono spartire il bottino. Vedi autostrade e ponti che crollano, per i quali dobbiamo pure pagare altri 40 milioni di euro per la messa in sicurezza

    0
    0
  2. E che bel ponte…… le corse sono pochissime la sera e sopratutto la notte non esistono, per non parlare dei festivi, se un messinese volesse andare a fare due passi sul lungomare di Reggio e mangiare una cosa li, non saprebbe più come tornare a casa… questo non è un ponte e neanche un servizio di collegamento…

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007