Letojanni. Imprenditore muore schiacciato da un ascensore, probabile errore umano - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Letojanni. Imprenditore muore schiacciato da un ascensore, probabile errore umano

Veronica Crocitti

Letojanni. Imprenditore muore schiacciato da un ascensore, probabile errore umano

lunedì 22 Dicembre 2014 - 08:58
Letojanni. Imprenditore muore schiacciato da un ascensore, probabile errore umano

L'episodio è avvenuto venerdì mattina. Teodoro Spanò, 54 anni, è morto poche ore dopo in un lettino dell'ospedale San Vincenzo di Taormina. Sul caso indagano i militari dell'Arma coordinati dal tenente Angelo Pio Mitrione.

E’ stato quasi certamente un errore umano a costare la vita a Teodoro Spanò, l'imprenditore che, venerdì mattina, mentre effettuava un lavoro di manutenzione ordinaria dell’hotel Antares, è rimasto schiacciato dal contrappeso dell’ascensore.

Cinquantaquattro anni, originario di Gaggi, titolare di una ditta specializzata in lavori di manutenzione, Spanò aveva stipulato un regolare contratto con la nota struttura alberghiera per dei lavori di manutenzione nell’ascensore. In particolare, quel tragico venerdì mattina l’uomo si trovava all’interno del vano sotto l’ascensore, quello dove sono posti i vari rulli, quando avrebbe azionato per sbaglio la leva.

Un momento drammatico durato vari secondi finché, secondo quanto raccontato dai colleghi che si trovavano con lui, il 54enne sarebbe autonomamente uscito dal vano facendo ipotizzare che non vi fosse nulla di grave. E’ stato poi al Pronto Soccorso dell’ospedale San Vincenzo di Taormina che i medici si sono resi conto di quanto fossero gravi, invece, le lesioni interne. Spanò è morto poche ore dopo in un lettino dell'ospedale, in serata.

Sul caso stanno indagando i militari dell'Arma del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Taormina, guidati dal tenente Angelo Pio Mitrione. Insieme a loro, l’Ispettorato del Lavoro ha già effettuato un sopralluogo nell’Hotel Antares per rilevare tutti i dettagli e, da una prima verifica, sembrerebbe che la struttura alberghiera non abbia alcuna responsabilità.
Adesso la salma dell’uomo è a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ne ha già disposto l’autopsia.

Veronica Crocitti

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. non abbiamo nessuna cultura di sicurezza sul lavoro. Non si fanno lavori dl genere senza avere prima isolato e messo in sicurezza.

    0
    0
  2. non abbiamo nessuna cultura di sicurezza sul lavoro. Non si fanno lavori dl genere senza avere prima isolato e messo in sicurezza.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007