Morte Tomasello, chiesto il giudizio per 9 di Messinambiente, compreso l'ex commissario Ciacci - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Morte Tomasello, chiesto il giudizio per 9 di Messinambiente, compreso l’ex commissario Ciacci

Alessandra Serio

Morte Tomasello, chiesto il giudizio per 9 di Messinambiente, compreso l’ex commissario Ciacci

martedì 26 Gennaio 2016 - 16:29
Morte Tomasello, chiesto il giudizio per 9 di Messinambiente, compreso l’ex commissario Ciacci

Per la Procura la morte dell'operaio, rovinato nel torrente Pace con la spazzatrice, nel luglio 2014, è stato causato dal mancato addestramento del personale. Nove gli indagati finali, che vanno al vaglio processuale a marzo per non aver vigilato sulle norme di sicurezza. Omicidio colposo il reato contestato.

Sono nove gli indagati alla fine degli accertamenti sulla morte di Antonino Tomasello, l'operaio di Messinambiente finito con la spazzatrice nel Torrente Pace, il 3 luglio del 2014. Per tutti la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio ed è già stata fissata l'udienza preliminare, che sarà celebrata dal GUP Daniela Urbani il prossimo 14 marzo.

Rispetto all'ipotesi iniziale, l'elenco degli indagati si è allungato e ai quattro iniziali, cioè Alessio Ciacci, allora commissario di MessinaAmbiente, il responsabile del Personale Natale Cucè, il responsabile dell’Autoparco Filiippo Marguccio,e il direttore tecnico Antonino Miloro, vanno ora al vaglio preliminare anche l'ex liquidatore Armando Di Maria, Pietro Arrigo, Roberto Lisi e Cesare Sindoni quali responsabili dei servizi di prevenzione e protezione e il dirigente responsabile Claudio Sindoni.

L'ipotesi d'accusa resta quella di omicidio colposo. La perizia medico legale ha infatti stabilito che l'operaio è morto per le complicanze seguite all'incidente, e non fu invece stroncato da un malore che poteva avergli fatto perdere il controllo del mezzo. In sostanza ai dirigenti e dipendenti di Messinambiente la Procura contesta la mancata vigilanza sulle norme di sicurezza poste a protezioen del personale che effettua i servizi in strada, in particolare la mancata formazione degli operai al corretto uso dei mezzi, in questo caso specifico la spazzatrice.

L'evento, riconducibile alla velocità di marcia e alla perdita temporanea di efficenza dei freni, non si sarebbe verificato qualora il Tomasello fosse stato adeguatamente informato (ed addestrato) in ordine alle modalità di conduzione della macchina spazzatrice su tratte in discesa", scrive il PM Antonio Carchietti nel provvedimento col quale chiede il rinvio a giudizio degli indagati. Sostanzialmente la spazzatrice in discesa dovrebbe adottare la "condizione di lavoro" con l'azionamento delle turbine, mentre quando è caduto nel torrente Tomasello guidava in modalità "trasferimento", così che in discesa i freni erano sovraccarichi.

Gli indagati sono difesi dagli avvocati Gianluca Currò, Carmelo Scillia, Giuseppe Carrabba, Giuseppe Mazzotta, Giuseppe Forganni e Francesco Bonanno. Le parti offese, la moglie ei figli dell'operaio, sono assistiti dall'avvocato Maria Emanuele.

(Alessandra Serio)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x