Reati ambientali. All'Ars il ddl di Catalfamo per tutelare chi denuncia - Tempo Stretto

Reati ambientali. All’Ars il ddl di Catalfamo per tutelare chi denuncia

Salvatore Di Trapani

Reati ambientali. All’Ars il ddl di Catalfamo per tutelare chi denuncia

mercoledì 28 Novembre 2018 - 14:47
Reati ambientali. All’Ars il ddl di Catalfamo per tutelare chi denuncia

Il disegno di legge prevede sostegno e indennizzi per chi subisce ripercussioni in seguito alla denuncia di reati ambientali. Catalfamo: “Chi spezza le catene dell’omertà e contribuisce a denunciare irregolarità per quel che riguarda la salute e l’ambiente dei cittadini, non può restare solo”.

Reati ambientali gravi, all’Ars un disegno di legge a sostegno di chi subisce ripercussioni lavorative in seguito alla denuncia. Il ddl, che nel corso della passata legislatura portava la firma degli allora deputati Nello Musumeci e Santi Formica, è stato presentato dal capogruppo di Fratelli d’Italia all’Ars Antonio Catalfamo.

“Chi spezza le catene dell’omertà e contribuisce a denunciare irregolarità per quel che riguarda la salute e l’ambiente dei cittadini, non può restare solo –ha dichiarato Catalfamo- Chi denuncia sa che può incorrere nel rischio di perdere il lavoro o subire minacce. Questo disegno di legge era stato formulato per estendere a chi denuncia i reati ambientali, i benefici previsti dalla legge regionale n. 20 del 1999 sulle vittime della mafia. Si tratta –ha concluso- di riconoscere un indennizzo monetario per l’imprenditore o il lavoratore che, denunciando gravi reati ambientali, dovesse subire ritorsioni dai poteri forti, come la perdita di ordinazioni o, peggio, del posto di lavoro”.

Nello specifico la norma proposta prevede che il presidente della regione possa elargire indennizzi che vanno da un minimo di 50.000 euro a un massimo di 300.000 euro, previo accertamento di ripercussioni lavorative connesse alla denuncia di reati ambientali. L’indennizzo, secondo quanto stabilito dal ddl, viene concesso su istanza degli interessati con decreto del presidente della regione e in relazione all'entità del pregiudizio.

Salvatore Di Trapani

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007