Risoluzione M5S contro la chiusura delle Corti d'Appello in Sicilia: "E' un regalo alla mafia" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Risoluzione M5S contro la chiusura delle Corti d’Appello in Sicilia: “E’ un regalo alla mafia”

Risoluzione M5S contro la chiusura delle Corti d’Appello in Sicilia: “E’ un regalo alla mafia”

venerdì 20 Novembre 2015 - 08:21
Risoluzione M5S contro la chiusura delle Corti d’Appello in Sicilia: “E’ un regalo alla mafia”

“La volontà del Governo di far scomparire presidi di legalità così importanti come le Corti d’Appello di Messina e Caltanissetta, zone con una comprovata e sensibile presenza mafiosa, mi lascia senza parole ”, afferma il Portavoce messinese Francesco D’Uva

Il MoVimento 5 Stelle ha presentato una risoluzione a firma Cancelleri, D’Uva, Villarosa e Sarti sulla volontà del Governo di ridurre il numero delle Corti d'Appello in Sicilia, con la conseguente chiusura delle sedi di Messina e Caltanissetta, così come previsto nel programma del Ministero della Giustizia. Con il documento depositato alla Camera, i firmatari fanno rilevare che "la riduzione e l'accorpamento delle Corti è da escludere, considerate l'estensione territoriale di pertinenza, i carichi di lavoro, la situazione infrastrutturale precaria e l'effettivo tasso di impatto della criminalità organizzata".

“La volontà del Governo di far scomparire presidi di legalità così importanti come le Corti d’Appello di Messina e Caltanissetta, zone con una comprovata e sensibile presenza mafiosa, mi lascia senza parole ”, afferma il Portavoce messinese Francesco D’Uva.

“Assistiamo ormai da tempo ad un progressivo abbandono del Meridione, ma speravamo che almeno il settore della Giustizia venisse risparmiato. A Messina il disegno dell’esecutivo sembra ormai portato a conclusione. Alle ormai note vicende dell’Autorità Portuale, della Camera di Commercio e dell’ Ospedale Piemonte, si va ad aggiungere la chiusura della Corte d’Appello. I cittadini sono ormai esasperati da una situazione non più sostenibile, e per questo chiediamo a gran voce al Governo di interrompere questo gioco al ribasso. Messina merita rispetto – conclude D’Uva – ed anche se le vicende di questi giorni ci fanno capire che c’è chi non la pensa così, sono sicuro che presto la Città porterà il conto ai responsabili di queste scelte.”

Nella risoluzione depositata si mette in evidenza, tra l’altro, che i carichi di lavoro della Corte d’Appello di Messina sono a oggi altissimi, dal momento che questa deve far fronte alle esigenze di una Città metropolitana, con un numero di abitanti che sfiora le 250.000 unità nel solo centro cittadino, fino ad arrivare alle 650.000 se si intende considerare l’intera Provincia.

“secondo quanto abbiamo appreso”, afferma il Portavoce barcellonese Alessio Villarosa, “non soltanto con la chiusura della Corte di Appello si priverebbe l’intera Provincia di un fondamentale presidio di legalità, ma quale diretta conseguenza di tale azione vi sarebbe anche la possibilità di vedere soppresse anche la Procura Generale, gli importanti uffici con competenza distrettuale, come il tribunale minorile, il tribunale di sorveglianza, la DDA e, infine, l'avvocatura distrettuale dello Stato e il distretto notarile. Riteniamo che una scelta di questa portata non possa essere assunta esclusivamente pensando ai risparmi per le casse dello Stato. Gli sprechi sono tanti, e noi siamo i primi a combatterli. Ma non è certo togliendo servizi essenziali ai cittadini che il Governo deve pensare di ottenere maggiori risorse. Sopratutto al Sud, dove di servizi ne sono rimasti davvero troppo pochi”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. LA MAFIA SE NE FREGA DEI TRIBUNALI FIGURIAMOCI DELLA CORTE D’APPELLO. CONSIDERAZIONE. COME MAI IL MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA VUOLE CHIUDERE 2 SEDI IN SICILIA CONSIDERANDO CHE IL MINISTRO DEGLI INTERNI E’ AVVOCATO ED E PALERMITANO E IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E’ MAGISTRATO ED E’ MAGISTRATO? QUANDO IL CONSIGLIO DEI MINISTRI HA DISCUSSO E APPROVATO E IL PRESIDNETE DELLA REPUBBLICA HA PROMULGATO? SEMPRE SE E’ DIVENUTA LEGGE OPPURE CON ALTRO PROVVEDIMENTO. MA STA DI FATTO CHE BEN DUE CARICHE DELLO STATO, VIENE INTERESSATA LA PRESIDENZA DELLA REPBBLICA NON SI E’ OPPOSTO? OPPURE HA CHIESTO, E LA COSTITUZIIONE DA LA POSSIBILITA’ DI INTERVENIRE, CONSTATATE LE PREROGATIVE PRESIDENZIALI, CHIARIMENTI A MEZZO LETTERA MODALITA’ IN COSTITUZIONE?

    0
    0
  2. LA MAFIA SE NE FREGA DEI TRIBUNALI FIGURIAMOCI DELLA CORTE D’APPELLO. CONSIDERAZIONE. COME MAI IL MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA VUOLE CHIUDERE 2 SEDI IN SICILIA CONSIDERANDO CHE IL MINISTRO DEGLI INTERNI E’ AVVOCATO ED E PALERMITANO E IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E’ MAGISTRATO ED E’ MAGISTRATO? QUANDO IL CONSIGLIO DEI MINISTRI HA DISCUSSO E APPROVATO E IL PRESIDNETE DELLA REPUBBLICA HA PROMULGATO? SEMPRE SE E’ DIVENUTA LEGGE OPPURE CON ALTRO PROVVEDIMENTO. MA STA DI FATTO CHE BEN DUE CARICHE DELLO STATO, VIENE INTERESSATA LA PRESIDENZA DELLA REPBBLICA NON SI E’ OPPOSTO? OPPURE HA CHIESTO, E LA COSTITUZIIONE DA LA POSSIBILITA’ DI INTERVENIRE, CONSTATATE LE PREROGATIVE PRESIDENZIALI, CHIARIMENTI A MEZZO LETTERA MODALITA’ IN COSTITUZIONE?

    0
    0
  3. L’ESECUTIVO VUOLE PORTARE A CONCLUSIONE, CHE SCRIVETE GIA’ SI SAPEVA DA OLTRE 30 ANNI CHE MESSINA VENIVA UMILIATA. PRIMA LE FERROVIE POI LE INSTALLAZIONI MILITARI OSPEDALE MILITARE VOLEVANO CHIUDERE L’ARSENALE E LA BASE NAVALE (VILLE?) POI UFFICI FORSE LA BANCA D’ITALIA. ORA VI SVEGLIATE? NON FATE COME KAIFA CHE SI E’ STRAPPATO LE VESTI. MESSINA E’ GIA’ DESTINATA A SCOMPARIRE E SCOMPARIRA’. VI SIETE FATTI TRATTARE A PESCI IN FACCIA VEDI IL REGISTRO NAVALE DA MESSINA A REGGIO CALABRIA MESSINA PIUI’ GRANDE E’ DIVENTATA SERVA, MA LO STRETTO NON SI CHIAMA STRETTO DI MESSINA? O QUESTO NOME SERVE PER IL PROGETTO PONTE DI MESSINA? NON CONTA PIU’ NULLA E’ MORTA DECREPITA LA CITTA’. MI RIPETO SEMPRE SONO ACCUSATO DI ESSERE PESSIMISTA ORA CHE DITE?

    0
    0
  4. L’ESECUTIVO VUOLE PORTARE A CONCLUSIONE, CHE SCRIVETE GIA’ SI SAPEVA DA OLTRE 30 ANNI CHE MESSINA VENIVA UMILIATA. PRIMA LE FERROVIE POI LE INSTALLAZIONI MILITARI OSPEDALE MILITARE VOLEVANO CHIUDERE L’ARSENALE E LA BASE NAVALE (VILLE?) POI UFFICI FORSE LA BANCA D’ITALIA. ORA VI SVEGLIATE? NON FATE COME KAIFA CHE SI E’ STRAPPATO LE VESTI. MESSINA E’ GIA’ DESTINATA A SCOMPARIRE E SCOMPARIRA’. VI SIETE FATTI TRATTARE A PESCI IN FACCIA VEDI IL REGISTRO NAVALE DA MESSINA A REGGIO CALABRIA MESSINA PIUI’ GRANDE E’ DIVENTATA SERVA, MA LO STRETTO NON SI CHIAMA STRETTO DI MESSINA? O QUESTO NOME SERVE PER IL PROGETTO PONTE DI MESSINA? NON CONTA PIU’ NULLA E’ MORTA DECREPITA LA CITTA’. MI RIPETO SEMPRE SONO ACCUSATO DI ESSERE PESSIMISTA ORA CHE DITE?

    0
    0
  5. Non avete capito che il trasferimento di uffici pubblici porta con se un giro di denaro pubblico a tutto vantaggio delle nuove sedi. Gli pseudo politici di messina hanno determinato tutto questo con il loro colpevole silenzio. Ribellarsi adesso e’ inutile.

    0
    0
  6. Non avete capito che il trasferimento di uffici pubblici porta con se un giro di denaro pubblico a tutto vantaggio delle nuove sedi. Gli pseudo politici di messina hanno determinato tutto questo con il loro colpevole silenzio. Ribellarsi adesso e’ inutile.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007