La beffa dei fondi per l'ex Provincia, la UilFpl: "De Luca e Grasso si dimettano" - Tempo Stretto

La beffa dei fondi per l’ex Provincia, la UilFpl: “De Luca e Grasso si dimettano”

Rosaria Brancato

La beffa dei fondi per l’ex Provincia, la UilFpl: “De Luca e Grasso si dimettano”

lunedì 12 Agosto 2019 - 11:58
La beffa dei fondi per l’ex Provincia, la UilFpl: “De Luca e Grasso si dimettano”

Messina- La Città Metropolitana ha avuto la stessa cifra di Trapani e Caltanissetta, realtà meno popolose e Liberi Consorzi

Continuano le polemiche per le ridotte risorse arrivate per la Città Metropolitana di Messina ( 5 milioni) rispetto agli accordi presi con Stato e Regione nei giorni caldi della protesta. Era stato il sindaco Cateno De Luca a contestare proprio il fatto che la somma arrivata è del tutto insufficiente a garantire persino la chiusura del bilancio, ma a seguire l’assessore regionale Bernadette Grasso l’aveva rassicurato sul rispetto degli impegni nelle prossime fasi.

Adesso a chiedere la testa sia dell’assessore Grasso che del sindaco Metropolitano è la UilFpl.

Messina come Trapani…

L’esito del riparto di somme del decreto assessoriale sancisce ancora una volta il fallimento della deputazione messinese, che è riuscita nel ‘meritevole’ risultato di ottenere per la città metropolitana di Messina importi inferiori a quanto previsto per Trapani e Siracusa che ottengono oltre 7.000.000 di euro di trasferimenti”.

dichiarano Pippo Calapai, Maurizio Giliberto e Giovanni Risitano, rispettivamente segretario generale, responsabile territoriale e responsabile aziendale della Uil-Fpl Messina.

La beffa

Ma non è finita – aggiungono i sindacalisti – dal momento che alla ex provincia regionale di Messina sono state destinate somme analoghe a quanto assegnato al Libero Consorzio di Caltanissetta che con meno della metà degli abitanti si è visti assegnati 5.210.000 euro a fronte dei 5.800.000 euro assegnati a Messina. Nel ricordare che la provincia di Messina con i suoi 108 Comuni è la realtà con più chilometri di strade provinciali (2.651), e che quindi esigerebbe da parte di amministratori attenti più considerazione per le esigenze per la relativa manutenzione e della sicurezza per i cittadini, risulta una vera beffa l’assegnazione di somme che sanno più di mancia che di volontà di rilancio dei servizi ai cittadini. Davanti a tale vergogna si chiede che l’Assessore peraltro messinese e il Sindaco della città metropolitana, pure parte della maggioranza, prendano atto del fallimento e rassegnino vere dimissioni”.

Frattanto Messina, come ormai pessima tradizione, continua ad essere Cenerentola dell’isola….

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007