Messina. La Camera penale Pisani: "Pandemia pericolo per la giustizia, svilita dall'emergenza" - Tempostretto

Messina. La Camera penale Pisani: “Pandemia pericolo per la giustizia, svilita dall’emergenza”

Alessandra Serio

Messina. La Camera penale Pisani: “Pandemia pericolo per la giustizia, svilita dall’emergenza”

domenica 23 Gennaio 2022 - 07:10

L'intervento del presidente della Camera Penale Pisani-Amendolia di Messina all'apertura dell'anno giudiziario

MESSINA – L’intervento del presidente della Camera Penale Pisani-Amendolia, l’avvocato Bonaventura Candido, alla cerimonia d’apertura dell’anno giudiziario, celebrata ieri a Palazzo Piacentini. La Camera che raccoglie gli avvocati penalisti richiama l’attenzione sui pericoli che i cambiamenti introdotti per far fronte alla pandemia divengano permanenti, comprimendo sempre più i diritti di chi accede alla giustizia.

“La pandemia rischia di essere lo strumento surrettizio per fare diventare definitivo ciò che invece è (e dovrà restare) solo contrasto all’emergenza. Avvertiamo forte il pericolo che, per incrementare i consensi, un certo ceto politico dia deprecabile sostegno al giustizialismo dei social ed al populismo giudiziario. Le udienze non partecipate, il tentativo di svilire (se non abolire) l’appello, il ripristino della prescrizione, la revisione costituzionalmente orientata dell’istituto delle misure di prevenzione, la riforma dell’ordinamento penitenziario, il contrasto all’occupazione dei posti chiave nei Ministeri saranno temi su cui concentreremo la nostra attenzione (anche in sede locale) senza mai abbassare la guardia e per scongiurare che certi progetti, in aperta dissonanza con i nostri principi costituzionali, possano trovare felice e definitiva attuazione nel nostro complesso sistema giudiziario.”, ha detto l’avvocato Candido

“Il prossimo 12 febbraio a Catanzaro avremo l’inaugurazione dell’anno giudiziario dell’Unione Camere Penali. La scelta del capoluogo Calabrese non è casuale e non lascia spazio a interpretazioni di sorta sul segnale che intendiamo fare arrivare all’opinione pubblica, all’intero comparto della Giustizia ed al ceto politico. Ma maggiormente eloquente è il titolo coniato per questo evento: “garantire la libertà del difensore per garantire l’indipendenza del giudice”. E’ su queste basi che organizzeremo le nostre iniziative e veicoleremo le nostre idee ed i nostri convincimenti in tema di “Giustizia”, ha annunciato il presidente della Camera

“Il Presidente della Corte Di Appello ha dichiarato formalmente aperto l’anno giudiziario 2022 che, francamente, non sembra iniziare con i migliori auspici. Noi non intendiamo, però, soccombere innanzi alle criticità del sistema e non concederemo spazio ai costanti e deprecabili tentavi populisti di compressione dei diritti ed erosione delle garanzie. La Camera Penale continuerà a mantenere un convinto e collaborativo rapporto con l’A.G. ritenendo che sia lo strumento più utile ad individuare ed adottare soluzioni condivise a problemi comuni. Resteremo, però, sempre vigili e strenui difensori dei diritti di tutti (soprattutto degli ultimi e dei più deboli) ed irriducibili garanti del rispetto della dignità e delle prerogative dei difensori, dentro e fuori il processo. Riteniamo dannoso il ricorrere alla politica del muro contro muro e, certamente, non ci sottrarremo mai al confronto, neanche sui più divisivi dei temi di politica giudiziaria, ma pensiamo che la ricerca di punti di contatto sia sempre possibile ed utile a raggiungere traguardi positivi, spesso insperati.”, conclude il legale.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007