La Cisl: "I messinesi passino dall'indignazione individuale alla rivendicazione collettiva" - Tempostretto

La Cisl: “I messinesi passino dall’indignazione individuale alla rivendicazione collettiva”

Redazione

La Cisl: “I messinesi passino dall’indignazione individuale alla rivendicazione collettiva”

venerdì 15 Marzo 2019 - 08:02
La Cisl: “I messinesi passino dall’indignazione individuale alla rivendicazione collettiva”

Genovese: "Servono grandi infrastrutture per spostare l’asse degli investimenti, della produzione e del lavoro"

MESSINA – La forza di cancellare l’apatia e rivendicare i propri diritti. “La forza di passare dall’indignazione individuale alla rivendicazione collettiva”, ha sottolineato il segretario generale Tonino Genovese parlando ai dirigenti sindacali della Cisl Messina e analizzando il quadro politico nazionale e locale.

Purtuttavia, per la Cisl occorre evidenziare che l’indignazione non nasce dal nulla ma è figlia della consapevolezza, essa stessa diametralmente opposta al concetto di società liquida di Bauman, nella quale la persona diviene individuo e fatica a concepire altro che non sia il proprio soddisfacimento personale con obiettivi piccoli e riferiti a sé stessi. “Tra la fase dell’indignazione personale e quella della mobilitazione collettiva ve n’è una di mezzo, ossia: tornare ad essere comunità. La chiave di violino che riesce a render chiara la partitura sul pentagramma è data dal passaggio dall’io al noi, dall’ego riferito alla collettività, dall’incoscienza alla consapevolezza, dalla società alla comunità”.

I riferimenti del numero uno della Cisl peloritana nascono da tre momenti importanti registrati nelle ultime settimane in Italia: dalle migliaia di cittadini scese due volte in piazza a Torino per rivendicare la realizzazione della Tav ma anche delle infrastrutture importanti per l’intero Paese, alla straordinaria manifestazione del 9 febbraio a Roma di Cgil, Cisl e Uil che ha riportato al centro del dibattito il tema del lavoro e, per finire, la manifestazione di sabato scorso a Milano sui diritti e per l’integrazione.

“Sono stati – ha detto Genovese – tre momenti di piazza, di partecipazione, di condivisione e di affermazione e rivendicazione di diritti, di una prospettiva, di chi chiede basi per guardare al futuro. Ma hanno anche sottolineato, attraverso la centralità della “piazza”, la capacità di coinvolgimento, mobilitazione e partecipazione”.

La premessa è servita a dare l’assist per il passaggio conseguenziale e quasi naturale del ragionamento dal panorama nazionale a quello locale. “Il Sud, la Sicilia e in particolare la nostra città ha bisogno di spostare l’asse degli investimenti, della produzione e del lavoro attraverso la realizzazione di grandi infrastrutture che avvicinino al Sud le aree del paese più forti. Se vogliamo avere rispetto, attenzione e centralità non si può prescindere dal dimostrare che la comunità è capace e pronta a rivendicare le proprie richieste attraverso una straordinaria mobilitazione, senza colori e senza bandiere. Occorre dire basta all’apatia, al disinteresse, alla rassegnazione e dimostrare che i messinesi sono altrettanti capaci di fare sentire la propria voce passando dall’indignazione individuale alla rivendicazione collettiva”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007