L'appello delle docenti delle Eolie: "restituiteci alle nostre isole. Basta esilio, fateci tornare" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

L’appello delle docenti delle Eolie: “restituiteci alle nostre isole. Basta esilio, fateci tornare”

Redazione

L’appello delle docenti delle Eolie: “restituiteci alle nostre isole. Basta esilio, fateci tornare”

giovedì 28 Maggio 2020 - 07:51
L’appello delle docenti delle Eolie: “restituiteci alle nostre isole. Basta esilio, fateci tornare”

Il paradosso: mentre le docenti eoliane da anni lavorano al nord, spesso nelle isole, in inverno, non ci sono insegnanti....La lettera

Di seguito la lettera delle docenti delle isole Eolie inviata al presidente del Consiglio Conti, alla ministra Azzolina e all’assessore regionale Lagalla

Un’altra estate di attesa

L’anno scolastico 2019- 20, che ci ha viste alcune al Nord  e qualcuna in assegnazione provvisoria nei nostri territori, volge al termine. Inizia il conto alla rovescia e un’altra estate di attesa è alle porte: trasferimento sì, trasferimento no? Sembra ormai un calvario, quello delle docenti delle isole minori, che da quando sono entrate in ruolo, non hanno più la certezza di una cattedra in continuità. Non sanno mai, fino a Settembre, dove la “sorte” vorrà inviarle, neanche per il prossimo anno scolastico. Il tempo di attesa è ormai un lungo susseguirsi di mesi e di speranze verso una “fine pena”, che ci consenta di ritornare nelle nostre scuole, nella nostra provincia, dalle nostre famiglie, alle nostre vite.

Una roulette russa

Ogni anno, per necessità, siamo costrette a presentare istanza di trasferimento, e, come nel lontano 2015, attendiamo, con l’ansia dei giovani lavoratori appena assunti, di conoscere il risultato di questa che ormai può definirsi una “roulette russa” che si è presa gioco dei docenti di tutto il Sud. Non sono più chiari a nessuno i criteri utilizzati per i lavoratori della scuola. C’è una tale confusione tra ordinanze, decreti, accordi sempre nuovi tra le parti in causa, che noi non ci sentiamo più neanche persone, ma pacchi postali. Oggi qui, domani là.

E nelle Eolie mancano i docenti

Non siamo più né trentenni, alcune neanche più, quarantenni, tutte con figli, madri e padri anziani a cui badare. Con famiglie divise, redditi “sparsi” che arrivano al di sotto di quello di cittadinanza per affrontare viaggi, vitto e alloggio e il resto. Possibile che non si sia trovato ad oggi, il modo di farci rientrare? Nelle nostre scuole mancano i docenti: alle Eolie, difficilmente si accetta di venire in inverno. I disagi sono tanti e lo comprendiamo. I presidi hanno difficoltà a sostituire o rintracciare un docente disponibile anche per una sostituzione. Bisogna scorrere le graduatorie e spesso si arriva alle Mad. Intanto nella stagione invernale il vento e il mare la fanno da padroni. Cosi, è successo che per settimane intere si sia rimasti senza insegnanti.

Che fine ha fatto la legge delega?

Ci chiediamo che fine ha fatto la legge-delega sulle isole minori? Quella passata al Senato durante il precedente governo e ora dimenticata? Perché non considerare le peculiari difficoltà di questi nostri territori, e come recitava l’art. 13 di quella stessa proposta di legge, consentire ai docenti residenti di restare nelle loro piccole isole? Sarebbe molto più utile e meno dispendioso. I bambini avrebbero la loro docente in loco, si smetterebbe di fare il balletto dei supplenti, certamente più costosi, e la continuità sarebbe assicurata cosi come il reddito delle stesse docenti che eviterebbero di spenderlo ovunque, vanificando così il proprio stesso lavoro e i propri sacrifici.

I diritti e la Costituzione

L’ art 3 della Costituzione recita cosi: “Tutti i cittadini hanno pari dignità e sono eguali davanti alla legge…” “E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana…”. Ecco, vorremmo essere: lavoratori con pari diritto: di ricongiungersi ai propri familiari; al reddito prodotto con il proprio lavoro; di occuparsi dei propri figli e dei propri vecchi; di vivere nel posto in cui hanno fissato il centro della propria vita e dei propri affetti oltre che la propria residenza e dimora. Ridateci un po’ di dignità e di pace.

Quando finirà l’esilio?

Questo è stato un anno particolare; siamo stati sorpresi da un’emergenza che non sembra ancora finita. Solo questo, imporrebbe di “attenzionare” le piccole realtà come le nostre, fragili e isolate, con provvedimenti in deroga e appropriati! Diversamente, dovremmo ancora partire senza sapere, come e quando ritornare. Con lo paura della seconda ondata di Covid, come si può davvero pensare di non lasciarci qui, dove siamo? Dopo cinque, sei, sette anni di lavoro fuori sede? Quando dovrà finire questo esilio, se non adesso? E dire che basterebbe applicare, nella procedura di mobilità, la precedenza ai trasferimenti, con buon senso, con logica, ma soprattutto come hanno sentenziato i giudici ordinari e amministrativi italiani, infinite volte, dando ragione ai fuori sede e in ultimo, perfino, il Cds con l’ Ordinanza n.2367/ 2019, ove si riconosce che il principio contenuto nel dlgs 297/94 è stato disatteso. Quindi, se le Sentenze si rispettano, in questo paese, e sono vincolanti nei confronti di subisce una pronuncia, allora occorrerà uniformarvisi.

Restituiteci ai nostri cari

Non si possono più lasciare le cose così. Non si può essere “pendolari “ a vita, a 55 anni e oltre! La Pubblica amministrazione non funziona così. Abbiamo lavorato con la dad, ad ogni costo e per necessità. I Decreti sono fioccati a iosa, nel bene e nel male. Abbiamo imparato a divincolarci tra reti mal funzionanti, alle volte solo con i “piccoli” telefoni dei ragazzi che si sono impegnati fino allo sfinimento.. Bene!! Cosa vogliamo d’ora in poi per loro?’ Per il loro futuro?? Percorriamo insieme la strada del buon senso! Basta al pendolarismo perpetuo! Restituiteci alle nostre Eolie, alla nostra vita, ai nostri alunni. Prima che sia troppo tardi e non serva più né a noi, né ai nostri cari, né alle nostre isole sempre più isolate, deserte e impoverite.

Maria Grazia Bonica (Filicudi)
Sabina Giuffrè (Salina)
Elisa Giuffrè (Salina)
Tina Pollicino (Salina)
Angela Centorrino (Lipari)
Caterina Costa (Lipari)
Rosangela Ziino (Lipari)

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007