Corsi di laurea a numero chiuso: in assenza di cinesi entrano gli studenti comunitari - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Corsi di laurea a numero chiuso: in assenza di cinesi entrano gli studenti comunitari

Corsi di laurea a numero chiuso: in assenza di cinesi entrano gli studenti comunitari

giovedì 15 Marzo 2012 - 09:32
Corsi di laurea a numero chiuso: in assenza di cinesi entrano gli studenti comunitari

Lo ha deciso il Consiglio di Stato, che ha ammesso tre studenti ai corsi di laurea in Medicina delle Università di Catania e Messina

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso degli avvocati Santi Delia e Michele Bonetti, ammettendo tre studenti ai corsi di laurea in Medicina delle Università di Catania e Messina. I Giudici di Palazzo Spada hanno ritenuto illegittima la scelta del Miur e degli Atenei di non assegnare ai pretendenti comunitari i posti liberi inizialmente riservati ai cittadini cinesi e rimasti vacanti. Secondo il M.I.U.R., in particolare, i posti riservati agli studenti cinesi, arabi o curdi farebbero parti di particolari accordi internazionali e, persino in ipotesi di vacanze, non potrebbero essere fruiti dai pretendenti italiani utilmente collocati in graduatoria.
Presso tutti gli Atenei siciliani, tuttavia, nonostante da diversi anni venissero riservati numerosi posti ai cittadini cinesi, nessuno studente con gli occhi a mandorla era mai giunto e decine di studenti italiani erano rimasti comunque esclusi. Grazie a tale decisione potranno essere assegnati centinaia di posti che rischiavano di rimanere vacanti nonostante migliaia di pretendenti pronti a subentrare.
«La decisione del Consiglio di Stato, – secondo gli Avvocati Bonetti e Delia – dà una nuova speranza a tantissimi di studenti ancora oggi esclusi dal corso di laura cui legittimamente aspirano a studiare e rappresenta un’importante riaffermazione del diritto allo studio di tutti gli studenti comunitari e extracomunitari. Non consentire che nessuno dei posti banditi rimanga vacante – conclude l’Avvocato Delia – appare in linea con l’orientamento annunciato
dal Governo Monti che, nei giorni scorsi, aveva annunciato di voler prevedere espressamente, all’interno del c.d. “Decreto Giovani”, che tutti i posti comunque rimasti liberi all’esito dei test fossero assegnati ai pretendenti comunitari nell’ordine di graduatoria».

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007