Trimarchi, editore di Tempostretto: "A proposito delle intercettazioni che riguardano le nostre giornaliste" - Tempo Stretto

Trimarchi, editore di Tempostretto: “A proposito delle intercettazioni che riguardano le nostre giornaliste”

Pippo Trimarchi

Trimarchi, editore di Tempostretto: “A proposito delle intercettazioni che riguardano le nostre giornaliste”

domenica 13 Dicembre 2015 - 07:00
Trimarchi, editore di Tempostretto: “A proposito delle intercettazioni che riguardano le nostre giornaliste”

L'editore di Tempostretto, Pippo Trimarchi, interviene per far chiarezza sulle intercettazioni che nell'ambito dell'inchiesta Gettonopoli hanno riguardato i colloqui telefonici di Rosaria Brancato e Danila La Torre. "Qualcuno, interessato a piegare la verità alla sua personale visione, ha gettato un'ombra sulla dirittura morale delle nostre giornaliste. Il soffio velenoso della calunnia non fermerà Tempostretto".

Le nostre giornaliste, Rosaria Brancato e Danila La Torre sono state intercettate. I loro colloqui telefonici intrattenuti soprattutto con Daniele Zuccarello, uno dei consiglieri comunali indagati per la cosiddetta Gettonopoli messinese, sono finiti nei verbali dell'inchiesta giudiziaria. Per qualcuno, interessato a piegare la verità alla sua personale visione, questo solo fatto di finire nelle intercettazioni identifica un coinvolgimento delle giornaliste nel malaffare, come se loro fossero colluse. Niente di più falso ovviamente. La realtà la conoscete prima di tutto voi, lettori di Tempostretto, che avete letto ben prima che venisse alla luce l'inchiesta giudiziaria, i numerosi articoli del vostro giornale che descrivevano con dovizia di particolari il meccanismo con cui i consiglieri comunali mettevano in atto i loro propositi. Ed era proprio attraverso quei colloqui telefonici intercettati che le nostre giornaliste, Rosaria Brancato e Danila La Torre, apprendevano come quel sistema funzionasse per poi raccontarlo a voi lettori, una volta effettuati i dovuti riscontri. E dunque si può dire che il loro lavoro di indagine è servito alla magistratura, anche attraverso le intercettazioni, a capire meglio ciò che avveniva in consiglio comunale. Tutto l'opposto quindi di ciò che qualcuno va argomentando gettando assurdamente un'ombra sulla dirittura morale delle nostre giornaliste e coinvolgendole nel generalizzato e, in gran parte condivisibile, giudizio negativo sull'operato dei consiglieri.

Per paradosso tutto ciò è successo proprio per la discrezione che hanno avuto Rosaria Brancato e Danila La Torre, nell'affrontare, giornalisticamente parlando, una vicenda che le ha riguardate personalmente. Non hanno, cioè, ritenuto opportuno enfatizzare quello che è stato oggettivamente un loro contributo, seppur involontario, a un'indagine clamorosa, grazie semplicemente alla professionalità con cui hanno svolto il loro lavoro. Questo atteggiamento discreto ha finito per danneggiarle offrendo il destro a qualche personaggio di scarso profilo di alimentare un equivoco infondato e ingiusto.

Ora, sin quando tutto ciò si limita alle idee strampalate di qualche rivoluzionario da tastiera, si può anche sopportare. Non è per nulla accettabile, invece, che sia stata esclusa la partecipazione di Rosaria Brancato ad una importante iniziativa antimafia adducendo la motivazione che è stata intercettata e, dunque, non ha la patente morale per partecipare ad un evento, che, per la nostra giornalista, è stato ogni anno un appuntamento fisso. Questo atto proditorio è il simbolo di un modo di condurre l'azione antimafia, che si trasforma nel suo contrario quando, per biechi interessi di bottega, adotta il metodo dell’isolamento, tipico strumento della mafia per distruggere gli avversari. A coloro che hanno in testa questo obiettivo, a coloro che usano il soffio velenoso della calunnia per sottrarsi alle critiche di chi risponde solo alla sua coscienza suggeriamo di farsene una ragione, Tempostretto non farà un passo indietro. E a quanti pensano di isolarci rispondiamo che dalla nostra parte abbiamo un pubblico vasto di affezionati lettori che capisce e apprezza il nostro lavoro di informazione, svolto al servizio del territorio e di chi cerca di orientarlo davvero verso un futuro migliore, un futuro in cui l'onestà intellettuale prevalga sui giudizi prevenuti; un futuro in cui chi decide di esprimersi liberamente, al di fuori degli schieramenti precostituiti, non diventi oggetto di accuse false tendenti a screditarlo professionalmente e personalmente; un futuro in cui ci sia un confronto, anche aspro, ma leale e fondato sui contenuti e non sugli slogan; un futuro in cui la medaglietta dell'antimafia non serva per togliersi qualche sassolino dalla scarpa verso chi è considerato un nemico.

Tanto dovevo al mio senso di giustizia e alla voglia mai stanca di combattere le ipocrisie.

Pippo Trimarchi

Tag:

20 commenti

  1. imprenditore messinese 13 Dicembre 2015 07:21

    L’editore di Tempostretto denuncia un sistema che funziona così , con i “professionisti dell’antimafia” che rilasciano e ritirano a piacimento patenti morali agli uni ed agli altri. Il giorno che i giornalisti ed i loro editori adotteranno lo stile anglosassone che prevede che ogni notizia venga verificata ed i giornalisti tengano per se le loro opinioni allora forse potrà prendere le distanze da questo sistema , di cui , altrimenti, anche loro ne sono attori, ora carnefici, ora vittime.

    0
    0
  2. imprenditore messinese 13 Dicembre 2015 07:21

    L’editore di Tempostretto denuncia un sistema che funziona così , con i “professionisti dell’antimafia” che rilasciano e ritirano a piacimento patenti morali agli uni ed agli altri. Il giorno che i giornalisti ed i loro editori adotteranno lo stile anglosassone che prevede che ogni notizia venga verificata ed i giornalisti tengano per se le loro opinioni allora forse potrà prendere le distanze da questo sistema , di cui , altrimenti, anche loro ne sono attori, ora carnefici, ora vittime.

    0
    0
  3. Pur non trovandomi quasi mai d’accordo con le valutazioni espresse da Rosaria Brancato nelle sue rubriche, la ritengo una delle migliori giornaliste del panorama messinese, non foss’altro perché dice quello che pensa senza troppi giri di parole. Ed è per questo, ma anche per la statura professionale e morale che la contraddistingue, che a Lei va la mia più totale solidarietà. Così come a Danila La Torre, sulla quale non serve dilungarmi, giacché con Lei mi sono lanciato in complimenti entusiastici in molte occasioni. Avanti così!

    0
    0
  4. Pur non trovandomi quasi mai d’accordo con le valutazioni espresse da Rosaria Brancato nelle sue rubriche, la ritengo una delle migliori giornaliste del panorama messinese, non foss’altro perché dice quello che pensa senza troppi giri di parole. Ed è per questo, ma anche per la statura professionale e morale che la contraddistingue, che a Lei va la mia più totale solidarietà. Così come a Danila La Torre, sulla quale non serve dilungarmi, giacché con Lei mi sono lanciato in complimenti entusiastici in molte occasioni. Avanti così!

    0
    0
  5. L’articolo non è molto chiaro.
    In genere è presente un link che richiama ad un secondo articolo nel quale vengono spiegati i fatti.
    Così sinceramente non si comprende molto della vicenda.

    Salvatore

    0
    0
  6. L’articolo non è molto chiaro.
    In genere è presente un link che richiama ad un secondo articolo nel quale vengono spiegati i fatti.
    Così sinceramente non si comprende molto della vicenda.

    Salvatore

    0
    0
  7. Carlo Cucinotta 13 Dicembre 2015 10:02

    Confermo e ribadisco la solidarietà, mia personale e della Redazione di MessinaWebTv, a Tempostretto, a Danila e Rosaria.

    Al di la di tutto prevalga la “libertà di stampa”, l’onestà intellettuale e l’impegno nei e per i propri valori !

    0
    0
  8. Carlo Cucinotta 13 Dicembre 2015 10:02

    Confermo e ribadisco la solidarietà, mia personale e della Redazione di MessinaWebTv, a Tempostretto, a Danila e Rosaria.

    Al di la di tutto prevalga la “libertà di stampa”, l’onestà intellettuale e l’impegno nei e per i propri valori !

    0
    0
  9. Purtroppo in Italia la Carta Costituzionale è diventata solo un inchiostro sulla carta.
    La libertà è una cosa sacra di ogni democrazia che in Italia dal 1990 in poi è diventata un optional.
    Avete la mia solidarietà.

    0
    0
  10. Purtroppo in Italia la Carta Costituzionale è diventata solo un inchiostro sulla carta.
    La libertà è una cosa sacra di ogni democrazia che in Italia dal 1990 in poi è diventata un optional.
    Avete la mia solidarietà.

    0
    0
  11. La mia solidarietà alla portavoce di Genovese e alla compagna dell’ex assessore UDC. Con stima.

    0
    0
  12. La mia solidarietà alla portavoce di Genovese e alla compagna dell’ex assessore UDC. Con stima.

    0
    0
  13. Inevitabile con un articolo giornalistico tanto importante non pestare i piedi a qualcuno. Eppoi tutti sapevano ma nessuno aveva il coraggio di dirlo apertamente. Una calunnia che invece sta ottenendo l’effetto opposto…

    0
    0
  14. Inevitabile con un articolo giornalistico tanto importante non pestare i piedi a qualcuno. Eppoi tutti sapevano ma nessuno aveva il coraggio di dirlo apertamente. Una calunnia che invece sta ottenendo l’effetto opposto…

    0
    0
  15. É un commento tanto meschino che non è degno di risposta

    0
    0
  16. É un commento tanto meschino che non è degno di risposta

    0
    0
  17. Mi associo al suo pensiero!! Io leggo questo coso solo per farmi due risate e poi si sa il nemico va sempre scrutato!!

    0
    0
  18. Mi associo al suo pensiero!! Io leggo questo coso solo per farmi due risate e poi si sa il nemico va sempre scrutato!!

    0
    0
  19. Si sa che andando contro un sistema si innesca una reazione del genere. Tutto il mio sostegno a Danila La Torre e Rosaria Brancato, che a differenza di altri sanno fare il loro lavoro..

    0
    0
  20. Si sa che andando contro un sistema si innesca una reazione del genere. Tutto il mio sostegno a Danila La Torre e Rosaria Brancato, che a differenza di altri sanno fare il loro lavoro..

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007