Niente carro attrezzi dopo le 19. “E venne la frana… mentre l’automobilista in doppia fila restò” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Niente carro attrezzi dopo le 19. “E venne la frana… mentre l’automobilista in doppia fila restò”

Niente carro attrezzi dopo le 19. “E venne la frana… mentre l’automobilista in doppia fila restò”

sabato 07 Novembre 2015 - 23:06
Niente carro attrezzi dopo le 19. “E venne la frana… mentre l’automobilista in doppia fila restò”

Dall’avv. Daniel Fortuna riceviamo e pubblichiamo una riflessione sull’inciviltà dei messinesi e l’incapacità delle istituzioni di contrastarla. C’è chi parcheggia in doppia fila e va via per ore, bloccando altri poveri cittadini. E nessuno interviene

Cari concittadini dopo le sette di sera parcheggiate pure dove vi pare. Dal novero dei posti disponibili, presumibilmente, non è necessario escludere neppure le fronde degli alberi, la groppa dei cani randagi o l'ingresso di un Pronto Soccorso. Già, perché sappiate che nessun carro attrezzi verrà a molestare le vostre "sacre ruote" con ganasce punitive. Nessun vigile urbano munito di taccuino annoterà la vostra targa fra i cattivi da multare. No. Nell'ultima città d'Italia, incontrastata regina del disservizio, sovrana incoronata dal decennale triste primato per qualità della vita (e non solo a parere del Sole 24ore) succede anche questo. Un'auto in doppia fila blocca la vostra uscita dal (regolare) parcheggio e voi avete un'emergenza? Da bravi e cristiani "buddaci", prima di denunciare alle autorità competenti l'offesa, affinché si ripari con le maniere forti e torni a vigere il vostro diritto alla libera circolazione, fate la via crucis dei papabili luoghi di sosta del simpatico e scaltro parcheggiatore. Chiedete in giro a chi appartenga quella graziosissima Punto bianca e se qualcuno per piacere, con calma, appena può e sempre senza disturbare, possa cortesemente venire a spostarla. Il desaparecido, nascosto meglio di Provenzano prima dell'arresto non si fa vivo e voi, indecisi fra il cedere alla rabbia, cercando la chiave più lunga che avete a portata di mano per scrivergli sulla vernice il vostro recapito telefonico, nell'eventualità che per caso dovesse giovargli un carrozziere, e chiamare la Polizia Municipale come ultima spiaggia, optate per quest'ultima. Era meglio la chiave. La risposta, cari amici, ha dell'incredibile: il Comune di Messina non paga il notturno agli operatori, i carri attrezzi dopo le sette di sera non esistono. Avete un'emergenza? Sono "ca…rri" vostri. Nel senso che se conoscete qualcuno con una ruspa potete fare da voi. Altrimenti non sperate neanche in una multa a scopo pedagogico. Perché tutte le pattuglie della Polizia Municipale sono impegnate a scortare le autobotti che portano l'acqua in questo deserto. Povero di tutto, civiltà compresa. La soluzione proposta dallo zelante vigile centralinista? "Mi dia il numero di targa, magari risaliamo al proprietario, cerchiamo il numero di casa e vediamo se risponde qualcuno, così lo contattano e lo informano che bisogna spostare la macchina". Potenti mezzi della potentissima Amministrazione comunale di una città metropolitana. Salvo poi batter cassa per una macchina parcheggiata venti centimetri troppo vicina a un incrocio o venti minuti fuori tempo massimo gratta e sosta. Dunque, per fare il punto toccherebbe chiedere aiuto a Branduardi. Pregate di non aver mai un'emergenza, frequentate un buon corso per il controllo della rabbia, imparate a difendervi da soli perché le istituzioni non lo faranno per voi, oppure provateci, come sto facendo io con questa segnalazione, e cantate con me: e venne la frana che si portò via l'acquedotto, che bloccó l'acqua (che a questo punto decisamente non spense il fuoco), che arrivò con l'autobotte, che fu scortata dagli ultimi due vigili urbani, che lasciarono la viabilità nel caos, mentre l'allegro automobilista in doppia fila per altre cinque ore tranquillo restó! Buon divertimento alla fiera dell'assurdo. La colpa non è mai di nessuno. Tranne di chi sta zitto. Io ho smesso.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

14 commenti

  1. Con questa lettera si è capito solo lui. Ancora insistete sulla inciviltà dei Messinesi, cosa falsa. Se non c’è controllo non c’è civiltà. Ci pensi il Tribunale (avvocato, giusto?) ad accertare l’esistenza di reato da parte dei vigili urbani di Messina per il mancato controllo della città. NON ESISTE UN SERVIZIO DI VIGILI URBANI A PIEDI CHE E’ L’UNICO METODO VALIDO PER COMBATTERE LA SOSTA SELVAGGIA O TUTTE LE ALTRE INFRAZIONE AL CDS IN AMBITO COMUNALE.

    Ho già scritto che se posteggio nella “illeggittima, ZTL come tutti i messinesi cerco disperatamente il gratta e sosta perché so che dopo 5 minuti mi fanno la multa, la stessa cosa se so che da li a poco passa un vigile non posteggierò mai in divieto di sosta, così si conquista la civiltà.

    0
    0
  2. Con questa lettera si è capito solo lui. Ancora insistete sulla inciviltà dei Messinesi, cosa falsa. Se non c’è controllo non c’è civiltà. Ci pensi il Tribunale (avvocato, giusto?) ad accertare l’esistenza di reato da parte dei vigili urbani di Messina per il mancato controllo della città. NON ESISTE UN SERVIZIO DI VIGILI URBANI A PIEDI CHE E’ L’UNICO METODO VALIDO PER COMBATTERE LA SOSTA SELVAGGIA O TUTTE LE ALTRE INFRAZIONE AL CDS IN AMBITO COMUNALE.

    Ho già scritto che se posteggio nella “illeggittima, ZTL come tutti i messinesi cerco disperatamente il gratta e sosta perché so che dopo 5 minuti mi fanno la multa, la stessa cosa se so che da li a poco passa un vigile non posteggierò mai in divieto di sosta, così si conquista la civiltà.

    0
    0
  3. avvocato,perchè si scandalizza,ci stiamo tibetanizzando e in quel paese esistono solo i muli che se viene parcheggiato accanto al suo puo sempre togliere la cavezza e spostarlo senza richiedere il camion per trasporto “animali.

    0
    0
  4. avvocato,perchè si scandalizza,ci stiamo tibetanizzando e in quel paese esistono solo i muli che se viene parcheggiato accanto al suo puo sempre togliere la cavezza e spostarlo senza richiedere il camion per trasporto “animali.

    0
    0
  5. E posso essere sicuro che questi automobilisti passino tutto il giorno (anche quando stanno guidando) a scrivere su facebook o in qualche altro inutile posto invettive conto il governo, il sindaco, il presidente degli Stati Uniti…

    0
    0
  6. E posso essere sicuro che questi automobilisti passino tutto il giorno (anche quando stanno guidando) a scrivere su facebook o in qualche altro inutile posto invettive conto il governo, il sindaco, il presidente degli Stati Uniti…

    0
    0
  7. L’AVVOCATO GENTILMENTE A VOI MESSINESI E A NOI EX MESSINESI, PURTROPPO, HA RICORDATO CHE MESSINA HA UN PRIMATO CHE NESSUNO E’ IN GRADO DI SPODESTARLA E’ ULTIMA. QUANDO COMPRO UN GIORNALE GIURIDICO ECONOMICO SOLE 24 ORE LE EDIZIONI DEL LUNEDI PORTANO LE CLASSIFICHE DELLE SINGOLE VOCI DI VIVIBILITA’ DI CITTA’ E PROVINCIA D’ITAILA. REGOLARMENTE INVIO I DATI A MIEI CONOSCENTI MESSINESE COME VIVONO. MI DISPIACE RICORDARE A MIEI AMICI SIA DEL NORD OVEST CHE DEL NORD EST CGE CONOSCONO MESSINA COME TURISTA CHE IMPARENTATI CON MESSINESI COME E’ STATO DISTRUTTA. MA COLUI CHE E’ STATO COLPITO DALLA SITUAZIONE PESSINA DI MESSINA E’ UN MIO ANZIANO VICINO DI CASA DI SAN DONA’ DEL PIAVE FACCIO CONOSCERE MESSINA TRAMITE FOTO E GIORNALI DISTRUTTO SCONSOLATO

    0
    0
  8. L’AVVOCATO GENTILMENTE A VOI MESSINESI E A NOI EX MESSINESI, PURTROPPO, HA RICORDATO CHE MESSINA HA UN PRIMATO CHE NESSUNO E’ IN GRADO DI SPODESTARLA E’ ULTIMA. QUANDO COMPRO UN GIORNALE GIURIDICO ECONOMICO SOLE 24 ORE LE EDIZIONI DEL LUNEDI PORTANO LE CLASSIFICHE DELLE SINGOLE VOCI DI VIVIBILITA’ DI CITTA’ E PROVINCIA D’ITAILA. REGOLARMENTE INVIO I DATI A MIEI CONOSCENTI MESSINESE COME VIVONO. MI DISPIACE RICORDARE A MIEI AMICI SIA DEL NORD OVEST CHE DEL NORD EST CGE CONOSCONO MESSINA COME TURISTA CHE IMPARENTATI CON MESSINESI COME E’ STATO DISTRUTTA. MA COLUI CHE E’ STATO COLPITO DALLA SITUAZIONE PESSINA DI MESSINA E’ UN MIO ANZIANO VICINO DI CASA DI SAN DONA’ DEL PIAVE FACCIO CONOSCERE MESSINA TRAMITE FOTO E GIORNALI DISTRUTTO SCONSOLATO

    0
    0
  9. V per vendetta2 8 Novembre 2015 16:11

    Il problema si potrebbe risolvere con un rullo compressore …..ma sorgerebbe il problema dei rottami ……anche qui potremmo ovviare al problema comprando un super compattatore mangiarifiuti capace persino divorare un’auto il bello che esiste davvero si chiama “new way cobra magnum”” …..mi piacerebbe vedere la faccia del proprietario mentre l’auto scompare dentro il compattatore ……;-)

    0
    0
  10. V per vendetta2 8 Novembre 2015 16:11

    Il problema si potrebbe risolvere con un rullo compressore …..ma sorgerebbe il problema dei rottami ……anche qui potremmo ovviare al problema comprando un super compattatore mangiarifiuti capace persino divorare un’auto il bello che esiste davvero si chiama “new way cobra magnum”” …..mi piacerebbe vedere la faccia del proprietario mentre l’auto scompare dentro il compattatore ……;-)

    0
    0
  11. mi piacerebbe tanto che prima di usare i rulli schiaccia pietre o qualsivoglia azione di repressione, il Comune facesse una grande campagna di sensibilizzazione verso i cittadini.
    Forse qualcuno (non tutti) di quelli che lasciano la macchina in doppia fila per ore si ravvede.
    Forse qualcuno (non tutti) di quelli che lasciano la spazzatura fuori dal cassonetto si ravvede.
    Forse qualcuno (non tutti) di quelli che non fanno la raccolta differenziata si ravvede.
    Forse i qualcuno potrebbero diventare tanti.

    0
    0
  12. mi piacerebbe tanto che prima di usare i rulli schiaccia pietre o qualsivoglia azione di repressione, il Comune facesse una grande campagna di sensibilizzazione verso i cittadini.
    Forse qualcuno (non tutti) di quelli che lasciano la macchina in doppia fila per ore si ravvede.
    Forse qualcuno (non tutti) di quelli che lasciano la spazzatura fuori dal cassonetto si ravvede.
    Forse qualcuno (non tutti) di quelli che non fanno la raccolta differenziata si ravvede.
    Forse i qualcuno potrebbero diventare tanti.

    0
    0
  13. A Messina non si ravvederà mai nessuno,qui si sa che le forze dell’ordine li vedi sporadici e tutti e non tutti fa quello che vuole,il messinese buddace se ne sbatte i coglioni di una campagna di sensibilizzazione,l’educazione manca al messinese come l’inciviltà,far cambiare un messinese con tutti i suoi difetti non è una cosa semplice,però diamo la colpa al sindaco tibetano perchè manca l’acqua,per cassonetti pieni,per le piante,per i servizi lenti,per Messina che è sporca.Una cosa è certa,qualcuno aspira alla poltrona,ma sti assessori,che si sentono chissà cosa insieme ai consiglieri non fanno nulla per la città,e lo dico chiaro e tondo che non vogliono fare niente,la conflittualità è di casa a Messina.

    0
    0
  14. A Messina non si ravvederà mai nessuno,qui si sa che le forze dell’ordine li vedi sporadici e tutti e non tutti fa quello che vuole,il messinese buddace se ne sbatte i coglioni di una campagna di sensibilizzazione,l’educazione manca al messinese come l’inciviltà,far cambiare un messinese con tutti i suoi difetti non è una cosa semplice,però diamo la colpa al sindaco tibetano perchè manca l’acqua,per cassonetti pieni,per le piante,per i servizi lenti,per Messina che è sporca.Una cosa è certa,qualcuno aspira alla poltrona,ma sti assessori,che si sentono chissà cosa insieme ai consiglieri non fanno nulla per la città,e lo dico chiaro e tondo che non vogliono fare niente,la conflittualità è di casa a Messina.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007